Homepage Sezione > Fotografia > Concorso 2007

La seconda edizione del Concorso Fotografico SEM si è svolta da Gennaio a Marzo 2007 e ha avuto per tema:

Un libro - un'immagine 

LA GIURIA

 

Dolores De Felice [Presidente]
Accompagnatore Nazionale Alpinismo Giovanile

Marco Milani
Fotografo professionista

Angelo Recalcati
Libraio

Roberto Riboldi
Grafico

Roberto Serafin
Responsabile redazione “Lo Scarpone”

I PARTECIPANTI
27 gli iscritti - 49 le foto in concorso

 

Guarda la Gallery in Flash delle foto partecipanti
 

Le foto vincitrici in base al voto della Giuria
(clicca sulle immagini per vederle ingrandite)

Motivazione della giuria

Bella composizione, grande ricchezza di contrasti, la foto esprime pienamente una drammatica visione dell'alta natura alpina e ben rende l’idea di quella montagna severa, però sincera, come risulta dalla frase di Bonatti a cui l’autore si è ispirato.

Nicola Manfredini

La montagna mi ha insegnato a non barare, a essere onesto con me stesso e con quello che facevo. Se praticata in un certo modo è una scuola indubbiamente dura a volte crudele, però sincera come non accade sempre nel quotidiano.

Walter Bonatti - MONTAGNE DI UNA VITA

Motivazione della giuria

I colori magici del crepuscolo sono associati alla composizione dell’immagine, dove l’ascesa va oltre il raggiungimento della vetta.

Guido Valgattarri

… la montagna è tale / che sempre al cominciar di sotto è grave / e quanto uom più va su e men fa male …

Dante Alighieri - LA DIVINA COMMEDIA

Motivazione della giuria

La presenza di un misterioso compagno d'ascensione si traduce nell'ombra proiettata sulla parete con un’immagine suggestiva e didascalica.

Giovanni Simonutti

Avevo la sensazione costante che fosse lì vicino a me, / Sì, lo sentivo anche, / Lo sentivo parlare, camminare / Quando camminavo, camminava alle mie spalle. / Lo sentivo chiamare, / Lo sentivo gridare da qualche parte e allora mi muovevo verso la voce, ma non trovavo nessuno. / Ma c’era. / Per me c’era.

Reinhold Messner - LA MIA VITA AL LIMITE

Motivazione della giuria

Il soggetto, pur semplice, ha una intensa essenzialità poetica che ben si sposa con la frase di Antoine de Saint-Exupery.

Tiziana Iannamico

L’essenziale è invisibile agli occhi.

Antoine de Saint-Exupery - PICCOLO PRINCIPE

Motivazione della giuria

Originale taglio nella composizione, bel contrasto di luci, dà il senso di un ambiente misterioso e inquietante.

Pierluigi Colalongo

Essere. Questo conta là in alto. Immensa fragilità dell’essere e, per questo, un’intensa coscienza di vivere. Lasciar scorrere dentro di sé questo immenso e miracoloso fiotto di vita. Senza trattenere nulla per sé.

Fabio Palma - SOLITARI

Motivazione della giuria

Un’istantanea spontanea di una salita colta con un suggestivo controluce che ben riproduce l’atmosfera descritta nella citazione.

Cristina Ribolzi

Quella mattina il sole ci raggiunse più presto del solito, e la neve, sparsa ovunque e liscia, sembrava rivestita di perline luccicanti.

M. Jackson e E. Stark - TENDE FRA LE NUVOLE

Motivazione della giuria

L'immagine definisce ed esalta l'irrompere del giorno, esprimendo il senso dell'attesa e del mistero.

Laura Posani

Il cielo si rischiara rapidamente. Il giorno irrompe, come in fretta se n’era andato. Due momenti e, in mezzo, l’eternità.

Kurt Diemberger – GLI SPIRITI DELL’ARIA

S Segnalata dalla giuria Giovanni Simonutti

… era come se il mondo fosse finito, … oppure ancora da inventare.

Ciro Sannino - DOPOCORSISTI

S Segnalata dalla giuria Nicola Manfredini

Monti Pallidi secondo la leggenda ricoperti di una trama di fili di luce lunare dai nani silvani per evitare la nostalgia alla principessa della luna scesa sulla terra per amore di un principe delle Dolomiti.

K.F. Wolff - I MONTI PALLIDI (leggende delle Dolomiti)

Le foto vincitrici in base al voto del pubblico on-line
(clicca sulle immagini per vederle ingrandite)

Nicola Manfredini

La montagna mi ha insegnato a non barare, a essere onesto con me stesso e con quello che facevo. Se praticata in un certo modo è una scuola indubbiamente dura a volte crudele, però sincera come non accade sempre nel quotidiano.

Walter Bonatti - MONTAGNE DI UNA VITA

Linda Bellunato

E la luce pare che ami accorata il triste lago che muore, svolgendone colorazioni fantastiche, cui fa più intense la cerchia delle montagne nere.

Paride Rombi - PAESAGGI IN ALTO ADDA E MERA

Pierluigi Colalongo

L’Ovest, invece, in montagna mi dà affanno se sto lontano dall’arrivo e vedo il sole scendere, il cielo arrugginirsi e devo farmi fretta per raggiungere il posto per la notte. L’Ovest mi incalza, mi toglie il giorno da sotto i piedi.

Erri De Luca - SULLA TRACCIA DI NIVES

Il premio sorteggiato tra le 41 persone che hanno votato la foto vincitrice del concorso on-line è stato vinto da Giovanni Bellotti.

Le altre foto in concorso
(clicca sulle immagini per vederle ingrandite)

Marco Curioni Da gran montagne io mi vedea recinto che dar pareano assalto al ciel superno, tanto le acute cime avean sospinto.

Severino Casara - MONTAGNE MERAVIGLIOSE

Enrico Corsi L'autunno sa regalare alle mulattiere e ai sentieri un sapore di vecchia montagna, di foglie cadute, di colori cangianti ...

Mauro Lanfranchi e Alberto Benini - EMOZIONI (Montagne lecchesi)

Grazia Giusti Ho raramente visto qualcosa di più bello: cristallo purissimo, scintillante in uno scenario di fiaba.

Kurt Diemberger - K2 IL NODO INFINITO

Cristina Ribolzi La delusione era cocente. Nemmeno un tentativo! Che cosa potevo fare per fargli cambiare idea? Nulla. Da un punto di vista morale non avevo il diritto di insistere. Era una decisione che doveva prendere da solo.

J. Simpson - IL RICHIAMO DEL SILENZIO

Domenico Fontana E’ chiaro che ciò che sto per dirvi d’inverno non si può fare.

Mauro Corona - LA MONTAGNA

Michele Gusmeroli Quanti uomini potrebbero con sicurezza affermare “io ho conquistato me stesso?”. Forse meno di quelli che potrebbero affermare “io ho conquistato il mondo!”.

Ettore Castiglioni - IL GIORNO DELLE MESULES

Lorenzo Dotti La geometria della natura.

B. Mandelbrot - THE FRACTAL GEOMETRY OF NATURE

Anna Cappelletti Ciò che è fuori è anche dentro; e ciò che non è dentro non è da nessuna parte. ... Per questo viaggiare non serve. Se uno non ha niente dentro, non troverà mai niente fuori. È inutile andare a cercare nel mondo quel che non si riesce a trovare dentro di sé.

Un eremita sull’Himalaya - Da: UN ALTRO GIRO DI GIOSTRA di T. Terzani

Piera Marchioni Le montagne dell’Himalaya sono ancora nel travaglio della creazione. Sono giovani, molto giovani, adolescenti dinosauri, terribili nella loro spietata giovinezza.

Han Suyin - LA MONTAGNA E’ GIOVANE

Rino Villani L’acqua di neve ha già sciolto la crosta di ghiaccio che copriva il torrente che ora non è più immobile.

Mario Rigoni Stern - STAGIONI

Luca Meroni Mi fermai a riposare dalle folate del vento traverso. In quella zona la media delle precipitazioni annue era inferiore a sette pollici.

William Least Heat-Moon - STRADE BLU

Roberto Mainardi Il vento era gelido e il tempo, no davvero, non lo si poteva dire bello! Spesse nuvole che si facevano via via sempre più grigie e d’un nero bluastro pendevano sino in basso …

Ludwig Hohl - LA SALITA

Enrico Corsi Le montagne da lontano paiono azzurre, dice un proverbio africano, solo avvicinandole scoprirete il loro vero colore.

Mauro Lanfranchi e Alberto Benini - EMOZIONI (Montagne lecchesi)

Cesare Guida Spettacolo non raro nel tardo autunno, il mare di nuvole vela la pianura e le valli. In queste occasioni i nostri occhi cadono più lontano del mondo reale.

Teresio Valsesia - VALGRANDE ULTIMO PARADISO

Ciro Sannino Ricordo ancora oggi l'impressione che la parete mi suscitò in quel frangente, sembrava enorme, ma forse ciò che più mi colpì fu costatare come il netto contrasto tra il versante esposto al sole e quello opposto in ombra avesse il potere di influire negativamente sul mio stato d'animo (...).

Ciro Sannino - DOPOCORSISTI

Grazia Giusti … appaiono, in tutta la loro fiera bellezza, creste affilate, pareti a strapiombo, pinnacoli e torri di terribile aspetto, fra cui domina la gigantesca piramide del Fitz Roy. Ci troviamo infine nel regno dei nostri sogni.

Alberto M. De Agostini - ANDE PATAGONICHE

Roberto Cantù Senza mai abbandonare la costa seguendola in tutti i suoi più strani capricci, e continuare a costruire su essa segnali del nostro passaggio, ….

Gianni Alberini - ALLA RICERCA DEI NAUFRAGHI DELL’ITALIA

Tiziana Iannamico C’è un luogo dove la pace della natura filtra in noi come luce del sole tra gli alberi. Dove i venti ci comunicano la loro forza e gli affanni si staccano da noi come foglie.

Romano Battaglia - UN CUORE PULITO

Ciro Sannino Siamo soli, e la valle ci parla; la temperatura è ideale, non c'è vento e io mi sento in stato di grazia; bisognerebbe farne una specialità a sè dell'arrampicata: il "4° grado in notturna" (...). Solo una cosa non ci vorrei: le gare, primo perchè perderei (...) e secondo perché ... perchè stanotte Traversella è solo mia!

Ciro Sannino - DOPOCORSISTI

Michele Gusmeroli Attorno a loro si stendeva un vasto panorama sconosciuto.

Mirella Tenderini e Michael Shandrick - VITA DI UN ESPLORATORE GENTILUOMO (il Duca degli Abruzzi)

Fabio De Donno Io mi sento accogliente verso il tempo, qualunque sia, in montagna, e mi sento accolta nella sua corrente anche quando sembra sia ferma.

Nives Meroi - Da: SULLA TRACCIA DI NIVES di Erri De Luca

Anna Cappelletti Qualcosa è nascosto. Vai a cercarlo / Vai e guarda dietro ai monti / Qualcosa è perso dietro ai monti / Vai! È perso e aspetta te.

Kipling - Da UN ALTRO GIRO DI GIOSTRA di Tiziano Terzani

Emanuela Reggiani Là, sotto quel tappeto di nuvole, tranquillo, incantato in quello stesso istante, si stava amando e combattendo; (...) laggiù le navi seguivano la loro rotta e crescevano città; là una madre donava la vita al suo bambino (...). La Terra continuava a girare e l'amore non aveva mai fine. Gli uomini, sotto quel cielo ...

K. Diemberger - TRA ZERO E OTTOMILA

Giacomo Galli … perseguire un obiettivo che cambia continuamente e che non è mai raggiunto è forse l’unico rimedio all’abitudine, all’indifferenza, alla sazietà. E’ tipico della condizione umana ed è elogio della fuga, non per indietreggiare ma per avanzare. E’ l’elogio dell’immaginazione mai attuata e mai soddisfacente.

Henry Laborit - ELOGIO DELLA FUGA

Fabio De Donno Qua devi pensare solo alla montagna e a te, non devi portare pesi oltre quello dello zaino e il tuo. Questo è un posto che pretende tutto, devi lasciare a valle il tuo maltempo, ce n’è già abbastanza qua. Ogni pensiero e sforzo è assorbito dal compitaccio che ci siamo dati, scalare questo bestione (...).

Nives Meroi - Da: SULLA TRACCIA DI NIVES di Erri De Luca

Domenico Fontana Giugno era il mese dei malgari. Una consuetudine antichissima imponeva che si dovesse partire per la malga il 13 giugno, giorno di Sant’Antonio.

Mauro Corona - IL VOLO DELLA MARTORA

Giovanni Vallardi … Langon non trovò affatto divertente l’ironia della sua posizione. L’Uomo Vitruviano, pensò…

Dan Brown - IL CODICE DA VINCI

Dante Ajani Uno strato di dense nubi che crea “un grandioso piedestallo ovattato”.

Cesare Maestri - DUEMILA METRI DELLA NOSTRA VITA

Guido Valgattarri … la nebbia agli irti colli piovigginando sale …

Giosuè Carducci - LE RIME NUOVE (San Martino)

Emanuela Reggiani … salivo con potenza per quello spigolo aereo, solidamente appigliandomi a quella roccia solidissima, tutto lanciato verso l’alto in un inno di luce. Ero abbagliato di luce …

Ettore Castiglioni - IL GIORNO DELLE MESULES

Cesare Guida Il vulcano, il potere del quale è cresciuto dall'estinzione dei crateri minori, ha fornito un'uscita di lava, ceneri e scorie, da cui potei vedere ghiaioni allungati scendere giù per i lati della montagna come capelli fluenti.

Jules Verne - VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA

Dante Ajani Una pausa nel cattivo tempo “quando il sole fa capolino”.

René Desmaison - LA MONTAGNA A MANI NUDE

Serena Barbanotti Febbraio di neve e di sole / di ghiaccio e di viole, / febbraio monello / che metti la cuffia / e getti il cappello; / febbraio allegro e lucente / che inviti a cantare la gente. / Lo sai perchè i ragazzi / ti amano tanto? / Perchè sotto il mantello / di neve e di sole / di ghiaccio e di viole / nascondi un cappello / per l'allegro carnevale.

M. Costi - POESIA DI FEBBRAIO

Rino Villani Camminando immersi in quel bianco di luce propria …. pure il tempo diventa irreale e vivi in un mondo metafisico come dentro un sogno.

Mario Rigoni Stern - STAGIONI

Laura Posani Improvvisamente le nubi si spostarono e dal grigiore dell’estremo orizzonte si staccò a poco a poco il Monte delle Meraviglie, in mezzo al brillare dei ghiacciai: ed ecco, nella gloria di un raggio di sole, la vetta splendente. Nello spirito oppresso del prigioniero entrò un raggio di luce: no, la bellezza non è morta, esiste, ed è a portata di mano.

Felice Benuzzi - FUGA SUL KENIA

Roberto Cantù Il vento tira coltellate fredde nelle costole, e invoco il sole. Il sole!

Eugenio Fasana - QUANDO IL GIGANTE SI SVEGLIA

Luca Meroni Strisciamo bocconi con la sensazione di portarci lentamente nelle braccia della morte. Può essere trascorsa mezzora quando un’apertura ci porta alla luce del sole presentandoci un quadro stupendo.

G. Langes - LA GUERRA FRA ROCCE E GHIACCI

Marco Curioni … ma quelli che ci stanno davanti son lenti e gravi. Non si curano di noi; se ci avviciniamo si muovono pigramente.

Severino Casara – MONTAGNE MERAVIGLIOSE