Istruttore Nazionale di Arrampicata Libera, forte alpinista ed esperto ghiacciatore, ma, soprattutto, insostituibile amico fraterno per tanti di noi. Franco Rainoldi ci ha lasciato, raggiungendo la sua ultima sosta, mercoledì 18 marzo 2009.
La montagna, che così tanto amava, gli ha giocato un brutto scherzo... Ma lui starà già studiando relazioni di nuove vie, al mondo sconosciute. A tutti noi della Scuola di Alpinismo e Scialpinismo "Silvio Saglio", così come a tutta la sezione SEM, non resta che stringersi forte attorno alla sua famiglia. Chi l'ha conosciuto come istruttore ricorderà certamente la sua ineccepibile "professionalità". Chi ha avuto l'onore di legarsi in cordata con lui porterà sempre nel cuore il suo sorriso.

Ci mancherai a ogni tiro di corda, Frank.
Ci mancherai a ogni allegra riunione e a ogni notte in rifugio.
Ci mancherai a ogni birra.
Ci mancherai.

La tua Scuola, i tuoi amici

Aggiungi un saluto
mamma non tutti i giorni sono uguali,gli anni passano, ma non passa la mia tristezza, guardo le tue foto,ma loro non parlano,e io ti vorrei sentire ma...........ti voglio bene mamma

6/5/2017 1:13:26 AM
Stasera mi manchi tanto
E sento il tuo abbraccio ossuto
E quel tuo sguardo e il tuo sorriso rasserenante
Sapevi farmi star bene

20/4/2017 10:59:02 PM
Pattycol Passo spesso per andare a Merano..... e ti guardo e ti penso... e ti porto nel cuore.... porto nei miei pensieri anche la mamy e il papy.
Vola per me!

11/4/2017 9:17:51 AM
Mario Frank ti ricordo ogni tanto anche se ho fatto solo un corso in sem.
Per me eri e sei grande

29/3/2017 11:14:45 PM
Riba ....se aveste sbagliato a risalire lo zoccolo, come abbiamo fatto noi...
:)

21/3/2017 9:12:29 PM
Riba Ciao Frank :)
Sono stata al Buco del Piombo....un "nuovo mattino" dedicato a te !
Nel we...chissà....magari Arco :)

17/3/2017 1:57:01 PM
mamma dicono che il tempo sia medico, ma a me succede il contrario. mi manchi sempre più e sono sempre più malinconica.
fra qualche giorno sono ben 8 anni, che sei rimasto a vivere sui monti,ma a me sembra sempre ieri
quella telefonata .............ti voglio bene sei sempre con me a presto...............mamma

13/3/2017 12:05:28 AM
Roberto Caro Frank,
capodanno passato anche parlando dei bei ricordi alpinistici. Tu c'eri e sempre ci sarai.
Alè.

4/1/2017 5:06:51 PM
mamma siamo venuti per gli auguri e come sempre mi lascio prendere da tutto e quasi tornavo senza farteli.

sei nel mio cuore sempre, piu il tempo passa piu ti penso e sei presente ti voglio bene

sai sono stata operata dal dott,berardi alla spalla due tendini rotti e la cuffia, intervento che anni fa tu avevi gia fatto con lo stesso dottore,scrivo tutto minuscolo perche ho il braccio bloccato

ti abbraccio forte sei sempre con me ciao mamma



21/12/2016 1:24:08 AM
Riba Ciao Frank....una bacio....oggi abbiamo festeggiato insieme, fra roccia, ghiaccio e sole :)

18/12/2016 9:30:35 PM
Voglio pensare che ancora mi ascolti
e come allora sorridi

28/7/2016 10:17:09 PM
Michele Ciao Franco sono qua dalle parti del Sarca e non posso non pensare a te. Un saluto.

24/7/2016 2:16:40 PM
Riba .....un'altra bella via insieme....stessi funghetti, stessa ansia, stessa Madonnina.....e anche stessa vipera :))
Grazie Franco :)

9/5/2016 8:27:18 AM
Lori Ciao Franco il 18 marzo è una data impressa nel cuore, ma la tua energia si sente ovunque! Lori

18/3/2016 9:39:30 AM
Riba Sei sempre con noi Franck !!!
Il tuo sorriso mi accompagna ovunque...ti tocca continuare a scalare con me ;)

18/3/2016 9:25:59 AM
Riba ciao Frenk.....l'ultimo sorriso che mi hai rivolto lo porto sempre con me, nel vento, fra le nuvole, sulle cime che raggiungerò e che ammirerò dal basso :)

11/3/2016 9:43:04 AM
KT7fvAW37I Thanks for sharing. Your post is a useful contuibrtion.

11/1/2016 9:51:22 PM
ciao franco sono la mamma,oggi avresti compiuto 50anni non mi sembra vero
te ne sei andato cosi giovane e bello,faccio ancora tanta fatica accettare che mi manchi cosi tanto anche a papa forse di piu,aspetto sempre di vederti suonare il citofono o passare i bicicletta ma........penso non.sara piu'cosi domani viniamo a trovarti con bebo sono contenta quando viene anche bebo e come se ci riunissimo ancora manca sempre chiara ma so che domenica e venuta con claudio. allora a domani ti abbraccio forte forte mamma e papa

18/12/2015 9:13:02 PM
Riba Auguri Frank :)
Rimani sempre qui con noi.....c'eri anche l'altro giorno....grazie :)

18/12/2015 7:51:51 AM
Anche se non scalo più ti ricordo sempre, al di là della montagna (ancora una passione), e della scalata (non ho più il fisico). In te valori umani che non ho più trovato, quella generosità, quel piacere di stare assieme in vera amicizia. Ho ricevuto tanto, tantissimo, molto di più di quanto sia riuscita a restituire.
Grazie per questo.

9/12/2015 1:37:05 AM
mamma sono nate le gemelline e sono belle come il sole

sempre con me mamma

9/11/2015 7:35:31 PM
Riba Ciao Frank :)
Ricordo il tuo sorriso, fresco e sincero come allora, e la tua risata spontanea.....ci manchi oggi come 6 anni fa, ma sei sempre in giro con noi.
Ti abbraccio

18/3/2015 7:51:53 AM
mamma in questo mese nella nostra famiglia ci sono tante ricorrenze,compleanno di papa di cecilia della zia, il nostro anniversario di nozze che sono 50anni,e tutto questo
e rattristato dalla tua morte
a tutti sono mancati tuoi auguri, e a me e papa, e pesato molto ricordarci del nostro anniversario senza di te.
Domani veniamo a trovarti cosi ci consoleremo un po.
Quando ricorre l'anniversario, che ci hai lasciato e deciso per la tua casetta in montagna, a noi sembra sempre che
sia successo ieri ma.........oramai sono 6 anni.,
ho ricevuto un bellissimo messaggio di Simone mi ha consolato molto e' venuto a fare la via dove sei caduto con un altro amico della Sem, Simone non ti dimentica come tanti altri amici della sem ne sono certa.
Un abbraccio mamma


18/3/2015 12:42:00 AM
Marina

Oggi come allora....

Una preghiera per te e consolazione per gli zii

Marina

17/3/2015 1:57:20 PM
A mio figlio ovunque tu sia ceramente nel mio cuore un grande abbraccio di felice anno nuovo grazie perché mi sorridi sempre dalle tue foto e da quel sorriso che tu sai ti voglio bene ma tanto tanto mamma

1/1/2015 9:20:19 AM
mamma a te che sei lassu'.....volevo dirti che tra una cosa e l'altra , io ti penso sempre sempre,......
Sei sempre dentro il mio cuore e mi manchi sempre di piu'
Oggi sono venuta a Baselga, per farti gli auguri, ti ho portato i garofani bianchi, come quando me li regalavi tu da piccolo quando ero ammalata.........
Fra pochi giorni e' natale e' il 6 che manchi, ma la nostra casa parla tutta di te perche' ci sono fotografie tue con i tuoi amici un po' dovunque.......
Mi aggrappo con papa' a questi ricordi per continuare a vivere. serenamente
Ciao e tanti auguri

19/12/2014 1:05:51 AM
Lori Ciao, Franco, ovunque tu sia ora, sai che hai un posto speciale nel mio cuore. Un abbraccio ed un bacio Lori

18/12/2014 5:43:13 PM
Riba Auguronissimi Franck :)
Sei sempre in giro a zonzo con noi :))


18/12/2014 9:14:13 AM
Cari Auguri Franco!

18/12/2014 8:45:00 AM
Riba Ciao Frenk.....è una vita che non passo di qui, ma osservo ogni nuvola e ascolto sempre il vento. Sono il tuo volto e la tua voce :)

6/11/2014 4:23:42 PM
Michele ..mi dispiace ancora tanto, ogni volta che incontro i tuoi..tuo fratello..; penso subito a te e al loro dolore infinito, che forse solo la fede può alleviare. Ciao Frenk.


20/10/2014 3:57:03 PM
roberto Anche questo corso di roccia 2014 è andato.
Qualche piccolo spavento ma per fortuna nessun problema.
Per quanto mi riguarda da cancellare, sono riuscito a fare 3 uscite in tutto per problemi fisici: sto diventando sempre più un sacco di m....a.
Alè!

11/7/2014 7:25:15 PM
g lo sapevo che mi avresti aiutato, ti prego continua a farlo grazie

7/7/2014 10:55:05 PM
C ....Mario...mi hanno chiamato Mario...a quelle parole ho risentito le tue risate!!!....ciaaaooo sono maaario e soffro di amnesia....


3/6/2014 9:33:42 PM
Ci Sabato ho avuto la netta sensazione che qualcuno dall'alto abbia guardato giù e deciso che non era la mia ora. sei stato tu?

26/5/2014 10:39:59 AM
se mi aiuterai ce la faro' .Grazie

19/5/2014 11:15:40 PM
mamma siamo rientrati oggi, e con grande sorpresa alle 12 ho
ricevuto un bellissimo vaso di fiori da Giulia, sempre
per il mio 70esimo compleanno, sembrano piantine di
pinetto mugo fiorito, e' talmente bello che quando vengo
te lo portero' cosi ne godrai anche tu.
Sei sempre con me un abbraccio forte forte mamma

4/5/2014 1:03:02 PM
mamma anche quest'anno mi sono mancati i tuoi auguri, ma, ci ha pensato Giulia ha fatto come te mi ha chiamata per
prima grazie ciao figlio mio sei sempre ma proprio sempre con me

23/4/2014 9:11:27 PM
MAX CIAO FRANCO

18/3/2014 11:39:01 PM
Roberto Gli anni passano, e sono già, ma i bei ricordi rimangono indelebili.
Alè!!

18/3/2014 3:23:43 PM
Ciao Franco, sei sempre fra chi ti ha conosciuto.
un caro abbraccio.

18/3/2014 10:04:25 AM
ROBERTO Ma quali congiuntivi: sono stato dall'oculista mi ha dato le gocce e mi sono passati senza problemi. Adesso no lacrimo più quando parlo.

17/3/2014 9:21:20 PM
giac eh, caro "visconte", evidentemente devono essere i congiuntivi che ti tradiscono...

Grazie mille a Gabriella e Giampiero per la piacevole serata, l'accoglienza gentile e la cassoeula di gran prestigio.


21/2/2014 9:51:45 AM
Roberto Grande sera ieri.
Unica nota stonata è che non e possibile che nonostante il mio portamento, la mia eleganza, la mia forbita dialettica nessuno crede che io sono Visconte, nonché sindaco, di Baggio.
Ma porca di quella troia ... ops mi scuso!.
Alè Frank.

20/2/2014 5:06:22 PM
Sono venuti a trovarci Carlo,Roberto Giacomo Ivan e Guido,
e' stata proprio una bella serata, ci hanno raccontato un po delle vostre imprese in montagna, ci hanno parlato
un po di te, ci hanno fatto ridere.
Ci siamo resi conto ancora una volta che di gente alla S.Salvio, che ti vogliono bene, e ti stimano ce ne sono tanti, questo ci consola e ci rende felici, vuol dire che anche tu li hai amati, se dopo 5 anni il tuo
ricordo in loro e' ancora cosi vivo. Grazie a tutti questi tuoi amici sopratutto, che sono cosi attenti a noi


20/2/2014 1:24:36 AM
Riba Grazie Frank :))

21/1/2014 7:33:37 AM
Riba Frenk.....serve un piccolo aiuto.....ci dai una mano ?
Ti abbraccio :)

17/1/2014 7:03:24 AM
mettila su una stella cometa e portala felice a girare con te nell'universo......mamma

5/1/2014 11:44:11 PM
oggi piu' che mai sei nel mio cuore e nei miei pensieri mamma

25/12/2013 12:08:35 PM
simone auguri Franco!
un pensiero a te

18/12/2013 3:13:21 PM
Marina Passano i mesi, e cambiano le stagioni,
finché su di noi scende una sorte di pace.
E anche se non sentiremo più
il rumore dei passi famigliari,
o il suono della sua voce che ci chiama,
Coglieremo nell'aria un'atmosfera d'amore,
una presenza viva.


Buon compleanno...

18/12/2013 8:56:01 AM
Riba Auguri Frank,
scala scala scala e poi scala ancora una volta :)

18/12/2013 7:51:03 AM
mamma lassu fra le stelle.... Ho qualcuno che non
dimentichero' mai...
ma resterai sempre con me nel mio cuore ciao mamma

9/12/2013 11:41:20 PM
Riba Kalymnos....credo ti piacerebbe....ti porto con me :)

18/10/2013 6:00:16 PM
gra sabato abbiamo festeggiato filippo, volevo ringraziare tutti i nostri amici e non ci sono riuscita...troppa commozione. Tu eri lì con noi..

3/10/2013 10:06:52 PM
Il tempo passa,io cerco sempre una normalita' che non riesco piu' a trovare.......ciao

18/9/2013 11:39:41 PM
Riba Frank...una mamma meravigliosa :)

2/8/2013 7:45:20 AM
Riba Fatta.....grazie Frank :)

21/7/2013 11:22:07 PM
Riba Eccoci di nuovo in pista.....ti ho riservato un posticino nello zaino :)

19/7/2013 10:16:07 AM
Riba .....e anche questa è andata :)
Grazie Frank !

15/7/2013 7:41:47 AM
Riba Ci siamo Frank....
Ci sarai anche tu, su ogni tiro, in ogni ghiera, con me in ogni manovra..
Grazie amico carissimo :)

12/7/2013 12:43:07 PM
s ciao Franco!
qui c'è la rivoluzione!

e tu ci sei.
grazie

11/7/2013 5:02:36 PM
Roberto Fine corso roccia 2013. All'ultima uscita c'eri.

8/7/2013 5:39:53 PM
s ciao Franco,
sempre dentro in ogni situazione,
sempre a chiederti che ne pensi..

2/7/2013 9:13:31 AM
Roberto Penultima uscita corso roccia in Moiazza.
Il morale era abbastanza basso perché in questo periodo ho un po' di problemi che mi ruotano attorno; ma del resto è così: ciclicamente ognuno di noi ha dei periodo in cui ha qualche rogna da grattare.
Temporali in giro ci sono dappertutto, te ne accorgi quando gravitano sulla tua testa; come sabato col corso ma siamo usciti dalla via senza prendere una goccia d'acqua e in discesa proprio quando era sopra di noi abbiamo trovato un piccolo antro e ci siamo riparati (come prescritto dal manuale "caiano" del perfetto istruttore. Abbiamo aspettato un po' e il temporale se ne è andato da dove era venuto.
Spero che sia così anche per il temporale che da un po' di tempo mi sta girando sulla testa in questo momento di vita e che possa andarsene senza farmi danni.
Domenica ho fatto una bella vietta su una ardita torre chiamata Jolanda. Uscito in vetta, appena sono rimasto solo, ti ho dedicato un pensiero perché non ho sono riuscito, come solito, a portarti con me nel mio zaino e lasciarti lassù a godere la vista sul Civetta.
La prossima uscita è la finale di questo corso: Corno Stella.
Alè!!

24/6/2013 1:15:38 PM
v Ciao Franco... sei ancora nei miei pensieri... ti mando un saluto. Abbraccia la mia mamma.
ps: dici che sto per fare il passo più lungo della gamba?

13/6/2013 11:10:33 PM
e' bello leggere quanto sei rimasto nel cuore dei tuoi amici

13/6/2013 9:13:57 PM
MAX PEZZALI Stessa storia, stesso corso, stesse vie
stessi allievi che portiamo tre mesi qua e là
non lo so che faccio qui
scalo un pò
e vedo i fori degli inox che mi
guardano e sembrano chiedermi chi cerchiamo noi
Gli anni d'oro del claudio bisin
gli anni con il mito di cassin
gli anni dei gelati in galleria
gli anni del son sveglio dalle due
gli anni delle guide del tci
gli anni dei cordini nei rinvii
gli anni di qualsiasi grado fai
gli anni del tranquillo siam qui noi
siamo qui noi

Stessa storia, stesso corso, stessa via
due ex-allievi riconosco di qualche anno fa
come va
salutano
così io
vedo che scalano sempre in A2
che porco giuda gli abbiamo insegnato a questi qua
Gli anni d'oro dei primi 6A
gli anni di ottaviano e di anan
gli anni delle estati in compagnia
gli anni delle fighe alla sbarua
gli anni dei si scala ogni week-end
gli anni senza lira per i friend
gli anni di qualsiasi grado fai
gli anni del tranquillo siam qui noi
siamo qui noi
siamo qui noi

Stesso corso, stessa uscita, stessa via
sta quasi finendo poi me ne andrò in trattoria
solo un tiro
davanti a me
cosa aspetti
il tempo passa per tutti lo sai
nessuno indietro lo riporterà neppure noi
Gli anni d'oro del grande allenar
gli anni di falesia e di way out
gli anni di dolori e terapie
gli anni che si parte sempre in due
gli anni di che belli erano i fix
gli anni come auto la matiz
gli anni di qualsiasi grado fai
gli anni del tranquillo siam qui noi
siamo qui noi
siamo qui noi


12/6/2013 10:22:06 AM
Riba Il teorico dell'alpinismo.....

2/6/2013 7:06:15 PM
Subdir Ciao Franco
Non tornavo da tanto
Ho pianto stasera
Perche' mi mancano le montagne
E le parole delle montagne
E gli uomini e le donne delle montagne

Sono venuto qui e mi avete accolto - asciugo le mie lacrime e cerco di tornare piu' vicino

Stai sereno!

15/5/2013 10:41:37 PM
Roberto Hanno ritrovato Luca. Su qualche bella cima vi porterò entrambi.
Alè

2/5/2013 5:09:00 PM
Riba Ho alzato gli occhi al cielo blu.....ti ho visto nelle nubi cariche di pioggi...eri ovunque e sorridevi, come sempre. Mi manca la tua risata contagiosa....


29/4/2013 4:12:30 PM
Riba Che sollievio Frenk.....è che soddisfazione :)
Grazie....

24/3/2013 4:19:56 PM
Riba "Sei convinta ? Te la senti ? Allora respira...bassi brevi e centrali" mi dicevi così quando dovevo partire per un tiro impegnativo. Ricordamelo anche domani Frenk :)

22/3/2013 3:54:09 PM
Lori Ciao, Franco, ti penso. Un bacio

21/3/2013 10:53:31 PM
M Ciao Frenk!!
4 anni.... sembra una vita e sembra ieri..
tante novità e bellissimi ricordi da portare con noi..
Oggi c'è un magnifico sole e dall'ufficio vedo le montagne innevate..
un abbraccio


19/3/2013 9:55:11 AM
Massimo P Ciao Franco....

18/3/2013 9:32:38 PM
Patrizia e Antonio ciao Franco...

18/3/2013 12:36:52 PM
Riba Ciao Frank, oggi è tornato l'inverno.....come se le nubi ricordassero. Mi manchi sempre.....tanto....di più

18/3/2013 8:00:07 AM
mamma All'ospedale dove papa' e' stato ricoverato abbiamo
conosciuto la dott. Sara Leone,moglie di Tommy ha avuto per noi
attenzioni veramente speciali, dalla mia cardiologa,
per il controllo del pacemaker, stavo venendo via, la dott. Montani, mi ha richiamato, Ing Michele.......
che mi ha controllato era un tuo allievo.....succedono
incredibili....Riba , Chiara e Simone, Max (due)sono sempre in contatto con noi...siamo contenti.
Domani sono 4 anni che sei fra le tue montagne e a noi
manchi sempre di piu' ciao



17/3/2013 4:00:47 PM
bera A quanto pare le persone in gamba rimangono nel ricordo e nell'affetto dei loro cari.Un abbraccio a tutti quelli che hanno conosciuto franco

17/3/2013 12:47:49 PM
mb ti ricordo sempre

17/3/2013 11:07:21 AM
Riba Si invecchia...ma la passione è sempre più giovane...mi manchi Frank :)

3/3/2013 2:17:14 PM
Papa' e' tornato, e Sara e' davvero una persona meravigliosa

27/2/2013 1:12:00 PM
tu lo sai..........grazie

16/2/2013 10:43:54 AM
Riba Ci siamo Frank....ora si entra nel vivo !
So di potercela fare e voglio farcela...magari, se non sai cosa fare, butta un occhio qui sotto ;)
grazie Frank !

30/1/2013 8:14:33 PM
Riba Frank.....ma che fatica...è sempre così difficile ?

13/1/2013 11:04:21 AM
Giacomo non ci ero mai tornato da allora ma lo ricordavo bene quel piccolo angolo di quel piccolo campo di quel piccolo villaggio.
ho respirato serenità.

8/1/2013 10:51:48 AM
Riba Ciao Franco :)
Siamo passati...eravamo in tanti...eravamo tristi ma sereni; siamo i tuoi amici

7/1/2013 10:19:37 PM
paola ho ancora la foto bella della cima del campanil basso...

18/12/2012 2:07:47 PM
tanti ricordi........e tanti auguri

18/12/2012 11:41:12 AM
s auguri Franco...

un abbraccio forte!

s

18/12/2012 10:37:42 AM
riba Ciao Frenck.....auguri alpinista :)

18/12/2012 6:54:00 AM
MARINA
«Quassù non vivo in me, ma divento una parte di ciò che mi attornia. Le alte montagne sono per me un sentimento».


Ciao Franco, Buon compleanno.

18 dicembre 2012

17/12/2012 3:39:16 PM
Lori macchè scalare, ragazzi... pensate a tornare un po' in fretta che di persone come voi ce n'è proprio un gran bisogno Vi penso Lori

13/12/2012 7:27:01 PM
ciao franco,
che casino....
proprio ora...
abbi cura un po di luca e fagli vedere dove andare a scalare...


11/12/2012 6:27:26 PM
m e' una fatica tremenda ma.....non mi arrendo mai

9/12/2012 12:04:45 AM
Mario Frenk,

Non so perché, non ci siamo frequentati, ci siamo conosciuti al cdr 2008, pero ogni tanto mi torni in mente. Ti immagino che dai sicurezza e coraggio agli altri. La tua forza morale mi e' rimasta

8/12/2012 10:53:40 PM
P caro franco

era un pò - anzi tanto - che volevo scriverti ma talvolta la vita ti passa via. Ora mi sono fermato un poco, per la storia di luca e girellando per il sito della sem ho rivisto il tuo faccione. Mi ha fatto piacere; ti avevo conoscito poco, ma avevo subito apprezzato la tua discrezione e simpatia.
beh, ora chissa che scalate con luca.

5/12/2012 6:50:03 PM
M Ancora l'angoscia torna,
e tornano le ombre,
così ci stringiamo
occhi fissi nel vuoto

Eppure
non possiamo voltarci indietro
Frank, tu lo sai

2/12/2012 5:01:16 PM
Roberto Ciao Franco,
quando la razionalità non ci può più sorreggere, allora ci si affida alla speranza. Comunque far finta di niente per non farsi prendere dalla tristezza è impossibile, anche se cerco di immergermi nelle cose quotidiane come se nulla fosse.
Quando succedono certe cose, mi sento come se perdessi un pezzo di me: allora la rabbia prevale perchè sono impotente e non posso cambiare il corso delle cose ... e quindi maledizione a questa attrazione fatale che ci portiamo tutti dentro e che è l'unica che ci rende sereni e in pace non noi stessi.



1/12/2012 8:09:57 PM
Riba Frank....ma perché ?!?

28/11/2012 7:03:48 PM
Riba E' stato bellissimo Franck ritrovare i tuoi insegnamenti e giocare così...un ritorno alle radici !
Ti saresti divertito anche tu, con la tu splendida capacità di azzerarti e ricominciare da capo :)
Ci manchi....

18/11/2012 8:42:53 PM
Riba Diamo il via alle danze ... dei bilancini ;))

12/10/2012 2:21:10 PM
Riba Molte vite, molti maestri...tu sei sicuramente uno di questi
A distanza di anni un bigliettino dietro un quarzo, unica luce di un'intera parete nera

8/10/2012 1:35:32 PM
mamma sei sempre, sempre ogni giorno nei miei pensieri......

7/10/2012 11:49:40 PM
Riba ....continuerò a chiederti una mano....è un modo per continuare a scalare insieme :)

14/9/2012 2:25:53 PM
Riba Fatto....ora qualche cosa accadrà ;)

31/8/2012 5:37:45 PM
grace estate agosto...ho portato filippo in via corelli e felicissima sono tornata al refuge des bans...ricordi?!! e' un po' cambiato...niente più nevai e ora è gestito da un ragazzone...ma il tavolo nell'angolo c'è sempre!
manchi a tutti noi.
un bacione

27/8/2012 10:58:50 PM
Riba Frank....cosa faccio ?!

27/8/2012 9:04:33 PM
Riba Hai scalato quel tiro con me, col tuo solito sorriso rassicurante...grazie Frank :)

10/8/2012 12:57:00 PM
Riba Ciao Frank, ho scoperto un posto nuovo: la Val Maira.....semplicemente, ti piacerebbe da pazzi :)

30/7/2012 9:11:11 PM
Roberto E anche questo corso 2012 l'abbiamo chiuso, in bellezza.
So che la vista dalla Punta Venezia sulla nord del Monviso ti piacerà.
Sei sempre con noi, nel vento.
Alè.

16/7/2012 10:25:19 AM
massimo grazie per avermi concesso il privilegio di esserti amico. l'ultimo accordo della mia chitarra sara' sempre per te amico

6/7/2012 10:39:05 PM
Roberto ... E quattro. Ma non è finita quest'anno, ne abbiamo una quinta al Monviso.
Se devo essere sincero mi sono dimenticato di lasciare il solito piccolo pensiero al vento in cima al "Coro"; ci ha preso una persistente nuvolaglia e non abbiamo potuto godere neppure un solo attimo del panorama. Comunque il pensiero l'ho lasciato sotto la cima e anche li lo squardo si perde nella bellezza delle dolomiti.
Alè!

25/6/2012 4:57:18 PM
s franco, franco, franco.....


20/6/2012 3:24:54 PM
Roberto Svangata anche la terza uscita. Monte Procinto: una legnata mica male!!! Dai che alla prossima ci facciamo una bella cima sulle Pale di S. Martino. Alè!!!


11/6/2012 12:29:53 PM
ciao Franco

8/6/2012 11:01:43 PM
Roberto questo fine settimana prima uscita (per me) del corso di roccia 2012. Rocca Sbarua. Sabato bene domenica acqua.
Andremo alle Pale ... e li ci faremo una bella cima.
Alè

14/5/2012 2:28:08 PM
c Ciao scalatore, oggi raccontavo a un amico di quando abbiamo fatto il Missile: tu eri davanti con Ivan e sul tiro chiave hai lasciato piazzato qualche friend per Simo.
Eri premuroso, ci coccolavi con la tua esperienza e bravura.
Sto scalando parecchio, ora sì che avrei qualcosa di "caldo" da raccontarti! O chissà, con un pò di fortuna magari l'avremmo vissuto insieme. Avresti tenuto alto l'umore nei momenti di difficoltà con le tue buffonate da giullare tenero. Ciao Franco, sei nel cuore dei tuoi amici

11/5/2012 10:01:23 PM
sono convinta che sei tu ha farmi incontrare alcuni tuoi amici e......mi fanno bene al cuore.

4/4/2012 12:54:43 AM
Max Ciao Frenk! Questa sera ho conosciuto Gabriella, Gianpiero e Bebo.. ora so perchè eri una persona speciale..

29/3/2012 12:28:37 AM
Riba Ciao Frank....hai una famiglia meravigliosa :) E' stata una serata carica di emozione....era come essere ancora con te...sei ancora e sempre con noi

29/3/2012 12:01:52 AM
Lori ciao Franco, ogni tanto rivedere il tuo viso fa bene al cuore

28/3/2012 10:06:09 PM
Roberto Ho l'arroganza di pensare che l'uomo sia tendente all'immortalità se riesce ad essere abbastanza intelligente da non distruggere il pianeta su cui vive.
La morte è paradossalmente una conferma della nostra "eternità" perchè il pensiero e l'azione di quando siamo in vita si trasmette per sempre.

20/3/2012 4:23:38 PM
gra ci sono. sempre.

18/3/2012 5:32:30 PM
Marina
Signore, ricordati dei nostri fratelli che hanno perduto il bene della vita in montagna,
innalzali al di sopra delle più elevate vette del Paradiso Celeste
in nome di quell’amore da loro mostrato in terra
per le magnificenze del Tuo creato.
Concedi ai loro cari di superare la dura prova della perdita
e a tutti noi di sostenerli nell’affrontare il loro dolore.


Ciao Franco

18/3/2012 12:23:33 PM
Riba Ciao Frank, ieri eri con me in una splendida galoppata che ti sarebbe piaciuta da matti....eri nell'aria....eri nelle nubi...eri sempre un raggio di sole :)

18/3/2012 8:50:25 AM
tre anni.......mi sembra ieri, i ricordi danno un po' di pace al cuore, ma non tolgono il dolore......pero; la presenza di amici con la loro compagnia aiuta

18/3/2012 1:09:18 AM
la nico Che cosa strana... mi manchi da morire, ma quando ti penso, mi accorgo di non riuscire a trattenere il sorriso.

16/3/2012 2:26:36 PM
Spina Ciao Franco. Ho saputo solo oggi e per puro caso che te ne sei andato. Non ci vedevamo da anni, ma io tenevo sempre con me il tuo ricordo; quando ci incontrammo a lavorare nella stessa azienda, io ero un ragazzino, mentre tu avevi pressapoco l'età che ho io ora, ma mi hai sempre trattato con umanità e gentilezza, sempre da pari, anche se ero l'ultimo sbarbatello arrivato.
Sei sempre stato una brava persona, e sapere che non ci sei più è difficile da digerire.

Ciao Franco.

16/3/2012 11:03:15 AM
io Ciao Franco.
Insieme ai tanti amici che sono con te, ricordati
di tenere una mano sulla spalla a tutti noi.
Tu che hai guardato sempre in alto lo puoi fare!

13/3/2012 1:44:54 PM
Roberto Ieri la "piccola" Martina ha compiuto 18 anni e da buon papà mi sono bevuto una bottiglia di barolo del 1994.
Alè!

17/2/2012 1:50:41 PM
se vuoi vedere la valle,sali in vetta a una montagna.
se vuoi vedere la vetta di una montagna, sali su
una nuvola......K.Gibran

15/1/2012 12:55:19 AM
riba Ciao Franco :)
Finale, 6c+...il primo !
E' il mio regalo di compleanno :)

18/12/2011 3:22:30 PM
Marina Sulla Montagna sentiamo la Gioia di Vivere, la Commozione di Sentirsi buoni:
e il Sollievo di dimenticare le miserie terrene.
Tutto questo, perche' siamo piu' vicini al Cielo

Ciao Franco, buon compleanno.

16/12/2011 1:56:03 PM
mamma bebo e la sua famiglia a natale vanno a Boston da Cristina, anche a lei e' morto brendan(infarto), sara' un natale molto ristretto, saremo solo in 5 (le nostre tavolate ?....).e' una cosa indescrivibile,mi consola pnsare che sei in un posto piu' bello forse....anche tu a festeggiare.Domenica sara' il tuo compleanno e io ti abbraccio forte forte mamma

13/12/2011 12:21:21 AM
M Ciao Frenk..

25/11/2011 6:08:12 PM
E' da un po' che non ti penso...sorry.
Oggi che sono a casa agonizzante e che navigo per il sito della SEM ti ho ritrovato. E' stato bello rivedere il tuo faccione. Spero un giorno di reincontrarti.
Ciao caro amico....

23/11/2011 4:02:23 PM
Roberto Ho fatto un "viaggetto" in un posto dove ho trovato gente che rispetta il luogo in cui vive e che lo preserva il più possibile pur non rinunciando alle comodità del progresso.
Dovunque c'è natura, natura e natura.
Sembra impossibile ma è così: il posto è un po' lontano ma è possibile che ci torni una seconda volta contrariamente a quello che faccio di solito perchè dico sempre che è meglio vedere altri posti mai visti prima; ed è anche possibile che ci torni con il biglietto di sola andata anche se mi ci vorrà un'altra decina di anni prima di farlo. Nel frattempo avrò modo di pensarci bene perchè non dovrà essere una fuga dal mondo in cui sono stato sino ad ora, ma un approdo nel mondo che più si concilia con il mio modo di essere.

20/11/2011 6:59:28 PM
mamma ciao franc o quanti amici vi stanno raggiungendo, simone giuliana e ombretta, Ricordi Ombretta piena di vita e tanta voglia di fare, e quanto tempo a trascorso a casa nostra quando appena morta la sua mamma si fermana da noi per u n piatto di pasto.......tante persone ma
7/11/2011 12:10:31 AM
in viaggio per scalare come non succedeva da tanto. Bellissimo...scalare mi rende felice. Penso a te, so che mi capisci

15/10/2011 10:25:12 PM
sono venuta a trovarti per farti gli auguri....ti ho raccontato tante cose, ma gli auguri????? te li faccio ora.....

4/10/2011 4:25:52 PM
Cinzia Franco, è nato Lorenzo e siamo tanto contenti. Contattando gli amici per dare la bella notizia, ci sei mancato...

28/9/2011 11:56:27 AM
Roberto E' da un po' che non scrivo, anche perchè è da un po' che non vado per monti. Il Tarri mi ha portato in Albigna in una giornata di settembre fantastica, senza nessuno sulla nostra parete, su una bella via. Un gran bel regalo per il mio compleanno. Tra i vari discorsi abbiamo parlato anche di te: difficile non farlo!

27/9/2011 5:34:20 PM
Riba Ciao Frank :) Niederman alla Graue Wand !!! Portata a casa con onore....l'ho dedicata a te....ti sarebbe piaciuta :)

18/8/2011 7:19:50 PM
M Hai ragione Frank, quella famosa di ferragosto non era la festa degli alpini... ma dei vigili del fuoco :-))

7/8/2011 12:05:04 PM
M Alè Frank... s'avvicina Ferragosto, con la tua (e di Umbe) "storica" festa delle salamelle e degli alpini di non-so-più-bene-qual-paesino del Trentino e con l'altrettanto classica (quanto estemporanea) nostra "telefonata di ferragosto", appunto.
Ma stavolta ci sarebbe da ridere più del solito... che qua ci son novità, Frank.
Verrò a raccontarterle di persona, però.
E' arrivato il momento.

7/8/2011 11:45:47 AM
Riba Ciao Frank :)
Un nuovo azzeramento....tutto da rifare ma non mollo !

1/8/2011 12:11:25 PM
lori Ciao, Franco. Ho fatto una settimana in Dolomiti da rifugio a rifugio per vie attrezzate. Ti ho pensato tutti i giorni e sulla ferrata Roghel il pensarti si è concretizzato in azioni pulite ed assenza di paura. Fra una settimana il Rumba inizierà a poter caricare la gamba: gliel'hanno raddrizzata a metà di giugno, e a me continuano a venire in mente quella mattina delle foto per il calendario in piazza Leonardo da Vinci e tutte quelle risate. Un bacio

28/7/2011 3:27:47 PM
ff

25/7/2011 11:59:00 PM
M Ciao Frenk! Domenica verso le 14 ti ho pensato...
Finito! Sembra ieri che ne parlavamo... chissà cosa mi avresti detto! Anzi, a dire il vero me lo immagino..
:-)


19/7/2011 4:27:10 PM
Lùis Ciao Franco.
Ho conservato l'ultimo messaggio che mi hai inviato da Arco e ogni tanto lo leggo.

17/7/2011 11:11:37 PM
Marco Durè Ti ho conosciuto e ti sono stato amico molti anni fa dietro i banchi di scuola del Galvani.
Mi fa molta tristezza apprendere che non potrò più scherzare con te, almeno in questa vita.
Un sincero arrivederci Marco.

5/7/2011 11:29:39 PM
Roberto CDR 2011: anche questo è svangato. Ultima uscita Monviso. La vista dalla cresta est e dalla cima della punta Udine è spaziale. Alè!!


4/7/2011 9:45:20 AM
c Tempi e modalità di realizzazione dei sogni sono spesso imprevedibili ed è paradossale che si materializzino da una delusione. I cinici direbbero che "ci si accontenta".. Comunque Franco anche se non sarà in cordata con te, ti penserò e ti sentirò accanto

21/6/2011 4:42:02 PM
Riba Ciao Frenk :) lezione meteo del CdA11....ti saresti divertito come un matto !!

8/6/2011 11:57:26 PM
mamma vengo ogni giorno in questo posto a leggere, continuo a guardare foto, desidero cosi tanto che ancora una volta mi dicessi, mentre hai fretta perche' devi andare a fare le tue cose " CIAO MAMMA" ma...io aspetto. Ti abbraccio forte forte mamma

2/6/2011 1:00:48 AM
M Frank, stasera ti porto in Duomo a sentire gli Elii...

27/5/2011 2:51:52 PM
Roberto E' passata anche la seconda uscita; quest'anno siamo partiti pesanti con Finale e Grignetta.
Sei sempre parte del "materiale" irrinunciabile che mi serve per scalare. Ti penso sempre ad ogni uscita: ogni volta mi commuovo e allo stesso tempo sono felice.
In Grignetta io e Gigio abbiamo canticchiato "Fossi Figo" di Elio.
Alè Frenk!

24/5/2011 8:32:28 PM
Ciao Franco, ti penso e nei miei pensieri sei sempre sorridente, sensibile e gentile come ti ho conosciuto. un abbraccio

12/5/2011 1:11:43 PM
M. Ciao Frenk... il primo è andato...

11/5/2011 5:32:55 PM
gra non pensavo di poter provare tanti sentimenti così contrastanti tutti insieme...gioia immensa, tanta fatica e quel dolore al petto che ti lacera quando perdi chi ami.
è forse il periodo più intenso della mia vita...frenk accoglili tu con la tua risata contagiosa, credo che il cugi sia davvero molto arrabbiato a sto giro, il tuo aiuto gli farebbe davvero bene. magari fate amicizia.



22/4/2011 2:19:40 PM
mamma Ciao siamo da Chiara, qui fra le colline toscane immersi nella natura.
Sentiamo: il rumore del vento, il canto del cuculo, il chiaccherio degli uccellini, e il miagolio dei gattini quando hanno fame.
un tempo queste cose mi rasserenavano, ora mi danno un po' di malinconia, quella malinconia che mi insegue sempre da quando non ci sei piu'
Cerco di guardare avanti come avresti voluto tu ma.......a presto un abbraccio forte mamma e papa'

19/4/2011 6:10:03 PM
Roberto Panta Rei (os potamòs).
E' vero, ma i ricordi felici e dolorosi nella mente rimangono.
Alè Frenk.

24/3/2011 12:05:27 PM
Giacomo Due giorni fa e due anni fa.
Ho riprovato le stesse sensazioni, rivisto le stesse immagini, rivissuto le stesse emozioni.
Stesse, uguali, identiche.
La stessa valle, lo stesso silenzio della sera, la stessa passeggiata quasi notturna, la stessa luna, lo stesso rifugio, lo stesso corso. E poi la stessa sveglia all’alba, la stessa neve, (quasi) la stessa cima, gli stessi panorami, (quasi) gli stessi compagni, la stessa giornata di sole accecante.

Due anni fa ti rivolgemmo un pensiero collettivo sulla cima.
Due giorni fa sono rimasto da solo sulla cima e ti ho rivolto lo stesso pensiero.

Due anni fa te n’eri andato da due giorni.
Due giorni fa te n’eri andato da due anni.

Due anni fa eri una ferita che guardavo sanguinare e che mi domandavo come avrebbe potuto mai rimarginarsi.
Oggi sei una cicatrice, sei sempre lì dove c’era la ferita e so almeno che non sparirai mai. Ogni tanto ti accarezzo.


22/3/2011 10:50:06 AM
Max 2 anni Frenk... sembra impossibile, sembra ieri...
Sono cambiate tante cose però, siamo cambiati tutti noi.
Un abbraccio

21/3/2011 12:54:00 PM
Marina ... la mia casa è quassù fra lo sconfinare delle vette e i racconti del vento...
... la mia casa è quassù fra le altere pareti, misteriosi silenzi e dolcissimi ricordi.
Qui sono io, qui è la mia casa, qui sono le mie montagne ...

Ciao Franco


18/3/2011 1:04:14 PM
mammax 181265.......1832009 quanto e'stata breve la tua vita mi dicevi:andro' in montagna fino a 90 anni come cassin
Si pero' starai scalando le piu belle montagne del
cielo a noi sconosciute.
ci manchi tanto tanto mi rimane di te due messaggin sul cellurare come i piu' preziosi , mancano pochi minuti e poi te ne vai da noi.Ora volerai su cieli aperti. ti abbraccio forte sei sempre il n,1 e tu lo sai dove adesso piu' di prima , finalmente ce l'hai fatta .......unabbraccio fortissimo mamma

17/3/2011 1:46:23 AM
Riba Ciao Frank, la tua risata era un'esplosione di voglia di vivere; la porto sempre con me, mi fa compagnia oggi come due anni fa

15/3/2011 10:07:34 PM
la nico Due anni fa, più o meno a quest'ora, ricevevo la telefonata del Tarri che mi diceva che eri caduto... e io "Franco, chi?" perché nella mia testa era assolutamente inconcepibile che fossi tu.

Spero di non dimenticare MAI la tua voce, la tua risata, il tuo buffo modo di camminare...

Manchi, manchi di brutto.

15/3/2011 7:43:18 PM
simone 15 marzo...
il tempo passa ma tutto è ancora nitido.
due anni fa, più o meno a quest'ora, stavi scalando.. e ad un certo punto ti sei girato a salutarci, io quella foto ce l'ho dentro.

ci manchi molto franco




15/3/2011 11:58:21 AM
Riba Ieri sera abbiamo presentato il CdA11....credo sia stata una serata record: 93 domande !!
:)

10/3/2011 7:27:39 PM
Riba Ho incontrato Umberto e mi sono riaffiorati alla memoria tanti tuoi racconti :)

6/3/2011 6:58:47 PM
Riba 3 marzo: festeggiato con progetti, progetti, progetti.....ti sarebbe piaciuto :)

4/3/2011 12:37:33 AM


In un istante tutto era cambiato: non ero più il dominatore ritto sulla vetta a spaziare sull’immenso orizzonte: ora ero io stesso parte di questo incanto sublime.

25/2/2011 8:50:34 AM
Ma ti ricordi di quando mi hai insegnato ad andare in bici?!?
Mi hai messo in testa il tuo casco da sci, poi, aiutato dai tuoi compari semidelinquenti, mi hai lanciato ad una velocita stratosferica sotto i portici del cortile del Cureghet al termine dei quali c'era una vecchia pesa contro la quale mi sono inevitabilmente schiantato.
"Hai visto che se vai veloce non perdi l'equilibrio? Non sei caduto vuol dire che sai andare!" mi hai detto.
Sono rimasto un po' perplesso ma alla fine era pur sempre vero.
Adesso sono alle prese con le bambine e la tua terapia d'urto mi tornerebbe utile.

23/2/2011 4:52:13 PM
Franco, ieri guardavo un filmato della sud della Marmolada e pensavo a quando mi proponevi si salirla insieme. Faremo due cordate, dicevi, vedrai che bello..

15/2/2011 12:50:45 PM
MAX65 Ciao Franco,
Oggi sono passato a salutarti, Ti ho lasciato un cimelio in memoria dei vecchi tempi, un Kong Bonatti che ci ha assicurati su molte vie.
A presto
Ciao Franco.
Max 65

28/1/2011 2:19:00 PM
FRENK
DICIAMOCI LA VERITA'
DI AFFETTO NE AVEVI UNA MONTAGNA ANCHE FINCHE' ERI QUA CON NOI
UNA QUANTITA' DI EMAIL COSI' NON TI SAREBBERO BASTATE DUE VITE PER RICEVERLE TUTTE




24/1/2011 3:00:18 PM
sono sempre serena e sorridente quando ti vengo a trovare qui...

20/1/2011 9:18:52 PM
Lori Ciao Franco, sulla cima più alta dell'Oman ho laciato dentro ad un grande tumulo di pietre una foto della mia mamma.L'ho fatto perché so che ogni volta che arriva in cima da qualche parte c'è chi ci lascia un po' di te oltre che un pezzo di cuore suo: questo mi commuove e mi ha permesso di muovere i passi ed affrontare una sfacchinata estenuante con un panorama bellissimo come premio e la netta percezione che siete ovunque e che molto di voi sta dentro di noi e ci ispira a fare belle cose. Grazie a te, mamma e quell'amico lì. Un bacio Lori

20/1/2011 2:22:59 PM
Riba "...se potete unire le vostre vite attraverso un ricordo indelebile, agognatelo, perché non saprete né il giorno né l'ora".
Così terminava uno dei racconti che mi avevi dedicato; mi rendo conto solo ora che le nostre vite hanno la fortuna di essere state unite da innumerevoli ricordi indelebili; solo ora ne apprezzo appieno il valore. Spero non sia troppo tardi per dirtelo.

19/1/2011 6:51:58 PM
gra ciao francuzzo...quante cosa vorrei ancora condividere con te...mi mancano le chiacchiere in macchina, vorrei tornare nella piccola falesia sopra il lago...ma mi sa che ancora è presto.
tra poco sbaracco. quante cose cambiano. restano i ricordi, ma a volte ho paura che scappino via...ho paura di non ricordare...
questo we le tue montagne erano in splendida forma, galleggianti sul nebbione padano...la leggenda dei monti naviganti, gli sms dalla turchia...un groviglio di pensieri mi ha accompagnato mentre passeggiavo con filippo nel marsupio.
ps ma lo sai che ti hanno blindato il parcheggio al monumentale??? impossibile parcheggiare in zona persino con il pass residenti!! avresti dovuto farla a piedi da casa la strada per venire in sem!
un bacio belè


17/1/2011 3:21:09 PM
Un pensiero a te e una preghiera a tutti i tuoi amici.

La, sull'Alpe al primo albor
il vento reca una preghiera
che s'alza fervida e sincera
nel limpido chiarior:
Proteggi Tu, Signor
e fido assisti lo scalator!
Quando a sera il sole muor
e l'aria imbruna e si fa nera
si sente ancor quella preghiera
che grato eleva il cuor:
"Sia lode a Te, Signor
guida sicura del rocciator!"

Ciao Franco.

3/1/2011 2:40:01 PM
G hallo frank... Riapprodo dopo un pò di tempo in questo spazio catartico in un contesto che ti farebbe sorridere e forse dire 'oh signur...' Dormono tutti! Ed in questo periodo è un primato... Ma so che è solo un attimo. Spero che mi diano il tempo di scrivere queste poche righe col cell da dentro il lettino. Certo saprai che adesso faccio l' allevatore... È sicuramente un attività poco conciliabile con l' alpinismo, il giorgione ha fatta fatica facendo il contadino che è molto + rilassante... Quindi mi sto dedicando a questo cimento che per ora mi sta facendo sentire come il protagosta del film la mosca quando si trasformava... .: angoscia. Bhe ti lascio con il quadro idilliaco: la jo russa, lisa sogna, uno dei due rampolli mugugnando nel sonno ha detto qualche cosa che io ho inteso come 'mamma', l' altro grufola sempre + spesso segno che la magia sta per spezzarsi. Ma per ora è una buona notte...

27/12/2010 12:54:14 AM
Marina Avrà sicuramente nevicato anche dalle tue parti..., ma
stamattina splende un bellissimo sole: anche lui vuole festeggiarti.

Ciao Franco, un abbraccio e salutami tutti.




18/12/2010 10:26:52 AM
M Ciao Franco... Oggi ti penserò più del solito :-))

18/12/2010 6:30:12 AM
mamma oggi giorno del tuo compleanno....sto leggendo un libro di MAURO CORONA i'introduzione dice cosi:"Storie che vanno via veloc didisperdendosi al vento come fili di fumo. Il fumo e' testimone di un fuoco. La legna finisce il fuoco si spefgne. Rimane l'odore del fumo, che e' ricordo.Del fuoco resta la cenere che e' memoria.Rovistando fra la cenere si pensa al fuoco che fu.RICORDARE fa bene en buon allenamento per resistere e tirare avanti: Mi piace leggere corona e una persona vera, ho voluto farla leggere anche a te in questa giorno. Ti abbraccio forte ci vediamo presto con tanto affetto come tute le stelle alpine che mi portavi quano andavi al Mandrone (adsamello con papa)

18/12/2010 12:38:41 AM
ROBERTO Ciao Frenk, è da un po' che "latito". Mi sono state chieste quattro righe di quando siamo stati a scalare la Grimonett nel 1991. Non mi ricordavo quasi niente, ma poi Gigio, Ivan e Paolo mi hanno rievocato la storia e ora è tutto nero su bianco: una pagina memorabile, con varie performance da "bulgari!"

9/12/2010 4:55:46 PM
lori ciao, se sei ancora lì sul Picco dell'aquila, mi piacerebbe che incontrassi la mia mamma. Mi piacerebbe che potessi fare una bella arrampicata con lei in un posto bello e da dove poter guardare quaggiù. Una donna forte la mia mamma, arrampicava con papà prima che arrivassi io a rompere le scatole e a far cambiare il modo di passare il tempo libero ad entrambi. Ti piacerà. Le piacerai. Però spicciatevi a levarvi lo sfizio di arrampicare nell'altra dimensione. Spicciatevi a tornare. Di gente come voi qui ce n'è bisogno urgente. Bacio

7/12/2010 7:00:29 PM
qui continua a piovere!
scala scala scala
ciao franco

15/11/2010 5:09:25 PM
ciao Franco, abbiamo salutato su al Runc la casetta di papa' betto e lella, con un po di nostalgia perche' le nostre famiglia hanno vissuto dei momenti sereni e felici Penso che anche albi e lella adesso che sara e stefi si sono fatte grandi cominceranno anche loro a farsi dei giretti sia in italia che nel mondo.e' proprio una bella amicizia siamo di famiglia ciao franco da parte di tutti

13/11/2010 12:46:28 AM
eri iscritto all'AIDO da 20 anni hai donato tutti i tuoi organi, un grande gesto d'amore verso gli alri.Grazie Frank riposa in pace

12/11/2010 1:54:23 PM
M Eri l'unico che aveva il coraggio (la sfrontatezza) di chiamarmi la mattina alle 8... Pur sapendo che a quell'ora io ero ancora sotto le coperte... ma sapendo anche che il telefono era sempre acceso.
E tutte le volte ci ridevi, ci ridevo, e sapevi bene che mi stavi tirando giù dal letto.

D'altra parte, anche tu eri l'unico a cui io telefonavo la mattina alle 9, pur sapendo che magari ti rompevo le balle se stavi sul lavoro. Ma a volte ti trovavo in viaggio, e allora ci facevamo due chiacchiere.

Perché avevo bisogno di ridere insieme a te delle cose della vita.
Ne ho avuto bisogno spesso, quando mi succedevano cose strane o inaspettate.
Oppure quando dovevo prendere una qualche decisione "alpinistica" e avevo bisogno di un consiglio.

Ne ho avuto bisogno, per esempio, quando non mi sentivo adeguato, né così bravo da andare a fare il Nazionale.
O quando non trovavo il coraggio di fare la tal via.
O quando non capivo come "interpretare" l'atteggiamento o le parole di un amico comune.
O quando mi si era bruciato il trasformatore dei faretti in casa.
O quando ho saputo che non saresti potuto venire al mio matrimonio.

Non era per sminuire un accadimento, né per sottovalutare l'importanza di una decisione né per prendersi gioco di qualcosa o qualcuno.
Era semplicemente la voglia di affrontare le cose - anche quelle serie e importanti - con leggerezza, con il sorriso.

Ecco, io ti chiamavo, ti raccontavo quel che mi succedeva, e tu mi facevi sorridere.

Mi manca tanto quel sorriso, Frank.
Nient'altro che questo.

Nient'altro.


27/10/2010 10:36:58 PM
ciao Franco
sei contento che ieri ti ho portato "la Luisa"?
sarebbe meglio dire che mi ha portato lei, cioè:
io le dicevo dove andare e lei ci dava dentro.
Abbiamo percorso tutta la sponda occidentale del lago e siamo arrivati fino a te.
Siamo passati anche da Pietramurata...e li abbiamo un po' arrancato.
Il sole era splendido e ti ho ricordato sorridente...quel sorriso contagioso...quel sorriso rassicurante




22/10/2010 8:57:42 PM
Claudio Ruzza Franco, venerdì pomeriggio c'è la celebrazione del 50esimo anno del Galvani.
Mi hanno invitato e parteciperò.
Quando ho pensato alle persone a cui girare l'invito sei stato il primo che mi è venuto alla mente. Nei ricordi di quegli anni tu ci sei sempre.

Sarà bello, ma sarà dura essere là senza di te

21/10/2010 12:32:27 AM
Fra Non ti ho pensato mai come in questi ultimi due mesi.

Sarà perchè ho ripreso, sarà perchè non potevo non riprendere rendendomi conto di avere una fetta troppo grossa di te impossibile da smaltire.

Vorrei che fossi qui.
Eppure, so che ci sei... basta rileggere il messaggio che ho scritto.

Grazie, ogni giorno. Non ti deluderò.

20/10/2010 2:08:22 PM
mi fa bene leggere tutto quello che ti scrivono........

13/10/2010 10:20:03 PM
gra ebbene....è arrivato filippo! frenk sono diventata mamma. almeno sulla carta del certificato di nascita del pargolo...per il resto giorno per giorno impareremo!
se ci vedi...i consigli sono ben accetti. Immagino la faccia, le risate e le frasi che mi avresti detto se fossi qui con noi. Mi fanno star bene.



13/10/2010 8:56:19 PM
simone fai che ci pensi e prendi una decisione.
seria.

13/10/2010 4:38:59 PM
M Facciamo che stamattina t'ho telefonato...
Facciamo che t'ho trovato che eri in Croazia, o in Slovacchia, o chissà dove per lavoro.
Facciamo che t'ho raccontato di ieri sera e ci siamo fatti due risate...
Mo' che faccio?

13/10/2010 12:24:12 PM
laura ciao franco, ieri siamo venuti a trovarti.

c'era un bel sole tiepido e un sacco di bambini che correvano e giocavano tutto intorno. due piccoletti stavano addirittura scalando il muro sotto la chiesa, appesi a una corda fissata all'ippocastano lì davanti!

è stato bello ritrovarti.

ti abbraccio forte

11/10/2010 11:27:18 AM
Riba Ciao Franco....altra mazzata inaspettata; su sapresti farmi parlare e ridere di me; cercherò di immaginare cosa mi diresti :)

8/10/2010 7:58:28 PM
fabio Sapevo che eri un grande arrampicatore, anche se non ho mai provato a farlo....semplicemente eravamo compagni di lavoro.....ti ricorderò per sempre.....Ciao Franco

8/10/2010 3:27:43 PM
invitati da Stefania e Eugenio siamo stati a casa loro sulla Costa Paradiso, un posto molto bello, pieno di rocce, e ogni volta che alzavo lo sguarda vedevo te che arrampicavi.........sei sempre con noi ......

30/9/2010 11:28:21 PM
Riba Ciao Franco, alla fine mi sono fatta convincere :) in fondo è un bel gioco e per Natale mi farò un regalo speciale !

27/9/2010 7:02:14 PM
Carla Ciao, Franco! Non so bene perchè, ma questa sera ho voluto tornare qui e lasciare il mio saluto. Ieri io e Raf abbiamo festeggiato con alcuni amici il 33° anniversario di matrimonio. Con mamma Gabri e papà Giampi avevamo festeggiato giovedì, prima che partissero per la Sardegna. Entrambi i momenti sono stati molto belli. Apre il cuore vedere come vicino a noi ci siano gli amici che hanno condiviso 33 anni fa l'inizio della nostra vita a due e amici nuovi che oggi condividono lo stesso cammino e ci aiutano a tenere fisso lo sguardo su Gesù, colui che dà senso al nostro essere. Ci sono, però, mancati tantissimo gli amici che ci hanno lasciato troppo presto (Franco e Giuli) e Angelo e, nel ricordo della nostra storia, ci siete mancati tanto anche tu e Simone. Vi pensiamo tutti nella comunione dei Santi ( chissà come state bene ancora insieme!) e vi chiediamo di non dimenticarvi di noi dalla vostra posizione privilegiata. Un abbraccio grande a te e a tutti. Ci vediamo a Baselga tra un po'...

20/9/2010 9:27:18 PM
gra ciao francuzzo, non ti scrivo da un bel po' di tempo....ma ti penso spesso. un abbraccio forte


15/9/2010 6:40:23 PM
Roberto Sempre con noi. Goditi la vista dalle tre torri del Vajolet. Alè.

30/8/2010 12:02:05 PM
Riba Gondo...un altro posto che porta il tuo nome; ora anche il mio :)

29/8/2010 8:29:07 PM
Riba Venus....ti ricordi ? Seduti sulla prima cengia...al sole...senza zaini ! L'ho dedicata a te :)

25/8/2010 9:30:43 PM
Riba Ciao Frank...che delusione ! Ci riprovo lo stesso, con maggior convinzione :)

6/8/2010 9:59:47 AM
Roberto Sono stato alla Aiguille du Chatelet (appena sotto il Monzino) a fare una via che si chiama Velociraptor.
Credo che l'abbiano fatta per vedere il magnifico panorama della parte sud ovest del Bianco; tanto per non fare nomi dall' Auguille Noire de Puterey - che ti accompagna praticamente per tutta la salita - fino ai pilastri del Brouillard.
La via non dice granchè ma il posto è veramente bello; non era perfettamente pulito e la cima del Bianco non l'abbiamo vista: ma tu avrai sicuramente occasione di trovare una bella giornata o nottata di luna per vedere tutto.
Alè.

3/8/2010 5:27:19 PM
non c'e' piu' un posto dove ci sentiamo sereni....ci manchi tanto.....................

2/8/2010 8:31:24 PM
Roberto E con l'Albigna fine anche di questo corso. Ho portato i ragazzi su vie "alpinistiche" in modo che capiscano un po' lo "sbattimento" ma anche la bellezza di stare in ballo un giorno per godersi qualche minuto di panorama dalla cima di un monte.
Perchè non mi sono mai permesso di pensare alla loro conquista calcando le cime dei monti: loro sono li e basta, non si accorgono di nulla.
Spero che anche a te piacciano i panorami dal Pizzo Balzetto e dallo Spazzacaldera: granito a perdita d'occhio.
Alè.

12/7/2010 5:04:57 PM
Franco, forse smetto di scalare

12/7/2010 12:15:03 PM
G. Stasera festeggeremo la conclusione dei due corsi di Alpinismo e Roccia (in ordine rigorosamente alfabetico).
Festeggeremo tutti insieme
Tutti i nuovi scalatori che non ti hanno potuto conoscere si godranno forse una bella festa e penseranno che gli istruttori della SEM sono simpatici e preparati...

Ma noi sappiamo che questa festa, che questi corsi, sarebbero potuti essere ancora migliori...

Caro Franco non so se mi posso arrogare l'ardire, ma dal mio cuore mi sento di dedicarti questa festa e questi ragazzi, da condurre per mano da qui dove li lasciamo noi a dove vorranno o li vorrai condurre a scalare.

e allora buone scalate!

7/7/2010 3:35:38 PM
m già... quanto ridere quella sera in quell'agriturismo.. con quella povera coppia che credeva di aver trovato un posto tranquillo per una serata romantica e noi a ridere come matti e a far cagnara! E poi le tende al parcheggio, la via che non finiva mai, la tua stretta di mano quando finalmente anche noi siamo arrivati in vetta al calar del sole. E poi la cena inaspettata al rifugio ormai a tarda serata.. che meraviglia quella pasta!:-) E poi via di nuovo in viaggio verso casa...
Sembra tutto così lontano ora...

24/6/2010 10:31:44 AM
Roberto Niente uscita al Sella, maltempo; niente Gluck alla seconda torre: peccato, ma ricapiterà l'occasione.
Ripiegati in bassa Valle d'Aosta; ma dalla cima di quella vietta appena prima delle placche di oriana quando il tempo è bello si vede il Cervino. Anche stare li in mezzo a un prato fiorito non è male.
Ancora una uscita e finisce anche questo corso, già il secondo senza la tua presenza fisica. Ciao.

22/6/2010 9:36:46 AM
lori sono ancora io, per dirti che Romano mi ha telefonato mentre era lì a trovarti. Avevo sperato che lo facesse: di venirti a trovare,intendo. Un bacio L.

16/6/2010 11:50:39 PM
lori ieri ho festeggiato con Romano Robocop il suo ottavo compleanno: mi vieni in mente appoggiato al muro del PS di Niguarda in mezzo ad altri e facciamo battute... siete stati fantastici. Ti penso spesso. Un abbraccio alla tua mamma, e un bacio a te. Grande

12/6/2010 1:45:24 PM
Riba Tommy e Sara, una nuova cordata; ti sarebbe piaciuto tutto: il posto, il clima, la serenità. Mi sono mancate le tue battute e le tue risate. Saresti stato il fulcro della festa. Abbiamo parlato di te salendo; ti abbiamo portato con noi come facciamo ogni volta; eri silenzioso ma presente; eri nel vento e nelle nuvole.
:)

9/6/2010 12:12:06 PM
Cinzia Sono tornata a fare Rondini Sanguinarie... ti ricordi quando cercavi di convincermi che era fattibile? proprio come allora, ho ragliato come un asino!!!
Ci sono tornata col tuo cordino di sosta con l'asola inglobata...


8/6/2010 4:38:54 PM
Roberto Corso a Briancon, Ailefroide per la precisione; la vista dalla cima della Poire non è per nulla male: spero ti piaccia.
Ciao.

7/6/2010 10:01:05 AM
c ciao Franco, oggi si è sposato Tommy, tuo improvvisato compagno sul Pizzo d'Uccello.. sembra passato un sacco di tempo, ma il mal di pancia per le risate la sera prima della via me le ricordo bene, e poi ancora lungo la via. Voi avete fatto 800 metri in 4 tiri... sì perchè Tommy sosta solo se trova la catena! e tu a urlare fermati fermati nella radio senza schiacciare per aprire il canale..
mi manchi

5/6/2010 10:47:30 PM
Pensaci tu. se puoi :)

3/6/2010 1:19:02 PM
Ciao Franco
quest'anno è stata una roba da non credere, abbaimo vinto tutto e
come ti dissi ho visto la finale.
Non al bar ma a casa, unico interista in un gruppetto molto assortito di ostili ospiti tra
cui un viola del quale non devo nemmeno farti il nome.
Li conosci tutti quindi non ti stupirai quando ti dico che alla fine della gloriosa serata le
bottiglie che ho buttato erano molte ma molte di più
dei bicchieri che ho messo in lavastoviglie.

Oggi stavo pensando alla spesa e mi è tornato in mente quando in maniera
molto coinvolta e appassionata teorizzavi l'espropriazione proletaria delle barrette
energetiche dell'esselunga.

dove lo troviamo più uno come te?!!

A volte mi addormento col desiderio di sognarti....
così.....
per passare ancora qualche attimo assieme a te.


28/5/2010 9:38:06 PM
mamma mi sono dimenticata di dirti che oggi sonoa ndata dalla dott. Montani; dopo aver ricevuto la sua lettera di condoglianze tempo fa, ho scopero che anche lei suo marito e il dott. gentile sono semini.
abbiamo parlato di quanto i tuoi amici della sem con i loro scritti mi hanno e mi aiutano molto, a qualcuno scrivo mail pazienza...................mi accettano anche cosi. 19 anni che la conosco e ho scoperto solo ora che erano semini. parliamo volontieri di te. hai
conosciuto la sua gentilezza squisita, il mio cuore e' in buone mani lo sai. un forte abbraccio mamma
e un bacio grande come tutte le pareti che hai scalato.

26/5/2010 12:31:45 AM
mamma ho tanto desiderio di venire a vedere dove sei caduto,ho gia guardato cosa si deve fare per l'avvicinamento, bebo temporeggia e io ho pazienza di aspettare,quando tutto e' pronto veniamo, spero presto........ti abbraccio a presto presto.....mamma

26/5/2010 12:12:39 AM
i corsi incominciano, i corsi hanno i soliti problemi, nuovi allievi, nuove allieve, tutto sembra come prima e invece non è così...
tutto diverso.
e tu solo sai quanto diverso..
un solo inverno ma due primavere...

25/5/2010 4:24:33 PM
Roberto Ciao Franco,
abbiamo iniziato ad andare per monti con il corso di roccia. La grignetta ci ha regalato due giorni di tempo spaziale; abbiamo lasciato un piccolo segno sullo spigolo della crocetta e sul cinquantenario: sei sempre e comunque un nostro compagno di scalata.
Tua mamma mi scrive spesso mail (è diventata ipertecnologica) e faccio fatica a risponderle ma la sentirò presto.


24/5/2010 9:58:07 AM
Lori Ciao, anche io come tanti, torno qui a cercare ricordi di te nel cuore di chi ti ha voluto bene. Oggi, non so perché mi manchi e ti penso più del solito. A Natale, in Giordania, la via che ho fatto è stato un pensiero via l'altro per te, al fatto che non abbiamo mai scalato insieme, prima. Adesso ogni volta che metto le mani sulla roccia è come se mi arrampicassi proprio davanti, a un passo, elegante e leggero. Un abbraccio ovunque tu sia. Lori

15/5/2010 5:33:57 PM
"El Pube e' un pilota piazzista volante. Quando atterra e' felice, quando vola e' un signor pilota...".
Cantata in coro, in macchina (la tua), figurati se mi ricordo dove e quando.
Sentita stamattina alla radio.
Con nostalgia, con un pensiero... Ma anche con un sorriso grande così. Il tuo.

Max


14/5/2010 3:01:32 PM
vale Ti ho conosciuto poco, ma ho avuto la fortuna di arrampicare con te...è passato più di un anno, ma ci sono ancora le volte in cui non riesco a trattenere le lacrime. Continuo ad arrampicare, o meglio continuo a riprendere...mi sarebbe piaciuto fare un'altra via insieme a te.

12/5/2010 11:16:52 PM
davide Il mio diplometto del CdR 2008 dice:

"Chi è quella bella figa in sosta assieme a Frenk?"
"Ah no, è il Camuno"
:-D

Grazie Franco.

6/5/2010 8:52:04 PM
M Ciao frenk... so che è difficile... lo sappiamo bene tutti e due... ma cerca di fare qualcosa tu, ok? grazie!

5/5/2010 6:20:16 PM
Sabato sono ri-tornata in Medale.
Questa volta, date le previsioni pessime, ho fatto il mattiniero e all'una ero già con le gambe sotto il tavolo!
Quel posto continua a parlarmi di te.
Ti abbraccio forte


3/5/2010 4:55:02 PM
il tempo ci e' dato per i ricordi, ma; i ricordi diventano piu' intensi nel tempo

26/4/2010 4:29:44 PM
Riba Non fermarti a piangere sulla mia tomba.
Io non sono li. Io non dormo.
Io sono il vento che soffia dalle vette.
Io sono lo scintillio diamantino della neve.
Io sono la stella lontana che brilla nella notte.
Non fermarti a piangere sulla mia tomba.
Io non sono li.
Io non sono morto.

18/4/2010 12:33:55 PM
Ieri a Bismantova c'era un tizio fortissimo (roba da 8b!) che ti assomigliava: stesso sorriso, stessa espressione, dava persino dei consigli simili ai tuoi mentre faceva sicura al suo compagno.... solo l'accento (emiliano spinto) era un po' diverso dal tuo!
ciao frank, un bacio



6/4/2010 4:28:59 PM
ciao Franco fratello mio
oggi sono 40
ricordo come ieri quando tornando sudatissimo dal tuo allenamento mi poratsti il vinile
"c'è chi dice no": "auguri" un bacio e via sul piatto.
Adesso avrei un sacco di pezzi da farti ascoltare sull'autoradio della tua auto.
Sei stato il sale, adesso il sapore è sempre un po' amaro.

Ciao Franco
non ti ho mai dato un soprannome.
Ascolto spparring partner e penso a te: "il suo sguardo è una veranda..."

2/4/2010 11:15:35 PM
gra ....franco: sto per diventare mamma! ieri ho visto il mio esserino, ora simile a un passerotto caduto dal nido prematuramente, che si faceva delle gran nuotate nella mia pancia. è bello sapere quello che mi diresti se fossi qui con noi! perchè so bene cosa mi diresti!!
tra l'altro sono pure in buona compagnia! il 2010 vedrà altri nuovi semini in arrivo... e magari si formerà un nuovo gruppo di padri scalatori....il pensiero delle mille battute che potresti fare ai rispettivi papà....mi fa ghignare da sola come una scema! mi manchi. g

30/3/2010 12:09:04 PM
Riba Sono stata in Valdadige...finalmente ho inaugurato la tua guida, su una via che ti sarebbe piaciuta molto :)

29/3/2010 9:48:29 PM
Riba Ciao Frank
Ho scelto il silenzio dei sogni e dei progetti; continuerò a portarti nel mio zaino..con serenità:)

18/3/2010 9:19:46 PM
Michele Ciao Franco. stasera non posso venire alla tua Messa, ma ti assicuro una preghiera.

18/3/2010 4:37:23 PM
Ti ricordo sempre con il tuo sorriso.

18/3/2010 9:52:22 AM
patrizia e antonio una preghiera...... un saluto

17/3/2010 8:56:35 PM
nico ciao Franchino

17/3/2010 2:12:31 PM
un sorriso Frank ...uno di quei sorrisi che tu amavi tanto.....mi manchi

17/3/2010 8:05:23 AM
Marina Dio del cielo,
Signore delle cime,
un nostro amico
hai chiesto alla montagna.
Ma ti preghiamo:
su nel Paradiso
lascialo andare
per le tue montagne.
Santa Maria,
Signora della neve,
copri col bianco,
soffice mantello,
il nostro amico,
il nostro fratello.
Su nel Paradiso
lascialo andare
per le tue montagne
--
Mi piace pensarti così, libero e felice di arrampicare e allora anche la malinconia di questi giorni si scioglie in un dolce ricordo.
Grazie Franco, ti abbraccio forte.




16/3/2010 9:08:30 AM
mi sembrava tutto irreale, ma..........e' proprio tutto vero

15/3/2010 2:09:49 PM
ciao franco, ora come allora.

15/3/2010 12:00:01 PM
TT In un giorno come tanti sono qui davanti al computer a leggere i commenti di chi ti ha conosciuto e amato. E piango, piango perché c'è un tale vuoto dentro me che le lacrime cadendo producono eco.

Ti penso.

8/3/2010 5:27:36 PM
ciao,lo sai quello che stò facendo vero?Si lo so che mi stai dando della "rimbambita"come ogni tanto mi dicevi....non divertirti troppo a sfottermi.
Guardami e sorridimi ed io sarò più serena
Un abbraccio

5/3/2010 7:22:42 PM
Max Ciao Frenk... siamo stati bene a setesdal. Gran bel posto, ti sarebbe piaciuto... ti abbiamo pensato..

5/3/2010 2:33:33 PM
oggi ci sono proprio mancati i tuoi auguri......

4/3/2010 10:03:31 PM
michele ciao franco, è bello ricordarti. grazie del pezzetto di vita passato insieme

1/3/2010 10:06:35 PM
a stamattina ricordavo di quando ti pigliavamo per il culo perché rimanevi a casa a fare le pulizie con una giornata di sole. oggi è capitato a me.
ciao frenk

27/2/2010 4:55:14 PM
M No Frank, stavolta non mi sei venuto in mente per una montagna, né una parete, e neanche un viaggio in macchina.
Semplicemente... Sono capitato, dopo tanto tempo, all'esselelunga di bresso. Curioso luogo di estemporanei e casuali incontri extra-montani, di risate, chiacchiere veloci "che se no mi si scioglie il burro" e commenti sulle cassiere...
Ah, devo ancora cercare le tue foto, sai. L'ho promesso alla tua mamma... ma sono un gran vagabondo e faccio davvero fatica a rovistare nel passato (e negli scatoloni di un trasloco che non è mai davvero finito).
Ci vediamo, Frank. Anche all'esselunga, perché no...


20/2/2010 3:42:55 PM
Laura Sabato sono tornata in Medale, dopo più di un anno.
E' il posto che più mi fa pensare a te, sai?
Siamo arrivati tardissimo, mentre tutti già scendevano, e quando siamo usciti stava quasi per fare buio (ma questa volta non ho dovuto neanche accendere la frontale!). Siamo scesi da soli, ma c'eri tu lì con noi.
E' stata una giornata bellissima.



15/2/2010 1:02:30 PM
Riba Ciao Frank ! Il cascatone di Gabi....era uno dei tuoi progetti; l'ho fatto pensando a te; abbiamo parlato di te come di uno di noi, come di un amico incontrato ieri per una birra, con nostalgia e un pizzico di serenità

14/2/2010 11:18:55 AM
chiara "DA QUALCHE PARTE SOPRA L'ARCOBALENO"

Da qualche parte sopra l'arcobaleno
proprio lassù, ci sono i sogni che hai fatto
una volta durante la ninna nanna
da qualche parte sopra l'arcobaleno
volano uccelli blu e i sogni che hai fatto,
i sogni diventano davvero realtà

un giorno esprimerò un desiderio
su una stella cadente
mi sveglierò quando le nuvole
saranno lontane dietro di me
dove i problemi si fondono come gocce di limone
lassù in alto, sulle cime dei camini
è proprio lì che mi troverai
da qualche parte sopra l'arcobaleno
volano uccelli blu e i sogni che hai osato fare,
oh perchè, perchè non posso io?

Beh vedo gli alberi del prato e
anche le rose rosse
le guarderò mentre fioriscono
per me e per te
e penso tra me e me
"che mondo meraviglioso!"

Beh vedo cieli blu e nuvole bianche
e la luminosità del giorno
mi piace il buio e penso tra me e me
"che mondo meraviglioso!"

I colori dell'arcobaleno così belli nel cielo
sono anche sui visi delle persone che passano
vedo degli amici che salutano
dicono "come stai?"
in realtà stanno dicendo "ti voglio bene"
ascolto i pianti dei bambini
e li vedo crescere
impareranno molto di più
di quello che sapremo
e penso tra me e me
"che mondo meraviglioso!"

un giorno esprimerò un desiderio
su una stella cadente
mi sveglierò quando le nuvole
saranno lontane dietro di me
dove i problemi si fondono come gocce di limone
lassù in alto, sulle cime dei camini
è proprio lì che mi troverai
da qualche parte sopra l'arcobaleno
ci sono i sogni che hai osato fare,
oh perchè, perchè non posso io?

ciao



5/2/2010 4:58:56 PM
M ciao Frenk... quasi un anno.... e sembra ieri...

28/1/2010 3:33:46 PM
hei ciao
ciao Franco
quasi quotidianamente mi imbatto in piccoli problemi o situazioni e penso: ecco, qui Franco mi avrebbe dato una mano, un consiglio giusto, un incoraggiamento.
"Sei un deficiente" mi dicevi, e io capivo di aver fatto la cosa giusta perchè con questa espressione
intendevi:"hai fatto bene, fregatene"
Sai, adesso è Giulia a dirmelo ed è come fossi tu.


23/1/2010 11:47:20 PM
Riba Ciao Frank ! Oggi sulla mia prima cascata tutta da prima tu eri con me..con il tuo viso sorridente e i tuoi pacati consigli..."in montagna bisogna anche essere eleganti". Grazie Frank, scala ancora con me !

31/12/2009 8:41:08 PM
il Malpe azzarola franco scartabellavo su internet alla ricerca di notizie e mi sei apparso in foto... apro e trovo tutti i tuoi amici... ho un po di magone faccio fatica a pensare.... se non al tuo viso sorridente mentre con il Baistra e il Silver provavi quel 7a a Ceredo in una giornata di sole caldo è cosi che ti immagino ed è cosi che voglio che tu rimanga nela mia mente nel cuore nell'anima cia franco

29/12/2009 7:11:54 PM
gra stasera ci sarà la regaleda...quest'anno l'ha organizzata Ivan.
é nevicato tanto, milano è tutta bianca e tutta ovattata, se riesci ad evitare le grosse vie è bellissimo camminare per strada...
ho voglia di incontrare gli altri e di stare insieme...
so che ci sarai anche tu, per quello ci vado. e ci sarà anche marcello...

ti abbraccio forte

22/12/2009 7:14:31 PM
Claudio Ruzza Auguri anche da me, caro Franco.

Passo di qui appena posso. Mi dà forza rivedere il tuo volto sorridente, ancora non riesco a credere che sia successo.
Quanti ricordi, quanti bei momenti. Quando li vivevamo quei momenti, anche le cose più stupide, mai avrei pensato che mi sarebbero rimasti così cari.

Un abbraccio forte forte alla tua mamma.

18/12/2009 11:43:21 PM
mamma oggi sarebbe stato il tuo compleanno 44anni, te ne sei andato anche prima del nonno Ettore. Oggi con papa' e la zia siamo venuti a trovarti, come sempre ti chiedo di tornare ma, le tue montagne hanno sempre la meglio. Quando vado a prendere cecilia all'asiso e valentina a scuola, se il cielo e' azzurro con qualche nuvoletta bianca qualche volta diciamo che sei li,libero e felice ad arrampicare, mi sento un po' piu' serena.
Ci manchi tanto....ma proprio tanto a presto mamma

18/12/2009 8:46:12 PM
Riba Ciao Frank, sembra ieri e invece sono passati già nove mesi...oggi gli auguri te li faccio così...domani te li farò col cuore dedicandoti una bella salita. Ci manchi...sei sempre con tutti noi...

18/12/2009 11:47:37 AM
mary ...niente baci di cioccolata quest'anno...solo tanti dati col cuore....auguri frank...mi piace pensare che festeggerai anche li dove sei.....ti voglio bene ....tanto...

18/12/2009 9:31:29 AM
la nico per la prima volta in tanti anni, domani non ti chiamerò per gli auguri. Mi manca il nostro piccolo, ridicolo rituale.

17/12/2009 5:31:46 PM
Ieri sera, con le mie tre più care amiche, ci siamo scolate due bottiglie di pregiato Sassella Riserva della cantina RAINOLDI.
Vedi, ogni tanto salti fuori nei momenti più belli!
Sono sicura che avresti apprezzato un bel bicchiere di rosso corposo in compagnia di quattro splendide fanciulle... :-)
Ciao Frank, ti abbraccio forte.
Laura

17/12/2009 11:37:52 AM
M ... a proposito di Medale... il "tuo" Medale... dovevi vedermi sabato sulle staffe come salivo. Non ti fischiavano le orecchie, Frank?

14/12/2009 4:18:48 PM
s ciao,
qui è tutto un casino, le cose girano a fatica, grande fatica.
spesso vedo la tua caffettiera in giro per Milano, ogni entrata in palestra è una fitta, il Medale è la ed è pieno di ricordi, ho sentito Giulia, le ho promesso di vederci ma non riesco mai a fare il passo...
piccola nostra rivincita, Saigon e Tachicardia sono state domate. :)

vuoto

4/12/2009 10:41:52 AM
Roberto Ciao bello,
ieri sono tornato ad arrampicare dopo la "piallata" che ho preso al mio compleanno sulla I Tofana.
Un posto nuovo (per me) Tre Denti di Meano in val Chisone. Tempo parzialmente nuvoloso ma si stava bene e poi è uscito bene il sole. Abbiamo paricamente arrampicato da soli perchè avevamo sotto una cordata che è errivata circa due ore dopo di noi. Per una visita ne vale la pena, sono tre speroni di roccia che emergono da un bel bosco di castagni e i colori caldi dell'autunno ci hanno reso una vista della valle che ci ha aperto il cuore. Erano circa 15 giorni che a Milano vedevo solo grigio plumbeo senza sfumature nel cielo di m...a che abbiamo.
In cima al dente orientale c'è una croce di vetta e si domina un bel pezzo di valle: spero che la vista ti piaccia.
Alè.

23/11/2009 1:36:08 PM
m. Ti vorrei sollevare
Ti vorrei consolare
Ti vorrei sollevare
Ti vorrei ritrovare
vorrei viaggiare su ali di carta con te
sapere inventare
sentire il vento che soffia
e non nasconderci se ci fa spostare
quando persi sotto tante stelle
ci chiediamo cosa siamo venuti a fare
cos'è l'amore
stringiamoci più forte ancora
teniamoci vicino al CUORE....MI MANCHI FRANCO

11/11/2009 9:49:27 AM
Max ... ciao frenk... ho appeso in casa, vicino all'ingresso, una foto a cui tengo molto, noi 6 in vetta ormai avvolti dal buio. Sei sorrisi sereni e felici, nonostante la stanchezza di 900 metri di via sulle spalle e un lungo viaggio ancora da fare...


10/11/2009 9:49:07 AM
Marina ....” Non c’è nulla che possa rimpiazzare l’assenza di una persona cara.
Quanto più belli e densi sono i ricordi, tanto più pesante è la separazione.
Ma la gratitudine trasforma il tormento del ricordo, in una gioia silenziosa.
Portiamo allora dentro di noi la bellezza del passato come un dono prezioso:
e dal passato si irradiano una forza ed una gioia durature......”

In questi giorni porterò un fiore ai nonni e in quel momento sarà come se lo portassi a te:
ciao Franco, riposa in pace.
Marina



30/10/2009 9:00:10 AM
g non riesco a non pensare a te...mi manchi sempre.

27/10/2009 5:37:17 PM
roberto romio Ciao franco, ho appreso solo oggi la notizia, e sono rimasto pietrificato, ero nel box dove a volte ci siamo incontrati e parlando con tuo padre ho saputo....
In un baleno mi sono venuti in mente i pochi ricordi di ragazzini alle elementari ed i molti di adolescenti alle superiori, sempre in eterno contrasto a passare il tempo a discutere di cose che forse nemmeno comprendavamo bene.Ciao franco spero tu possa ancora scalare le vette più alte nel posto in cui ti trovi.

Roberto

27/10/2009 12:36:33 PM
Riba Cassin alla Torre Costanza: l'ho dedicata a te, in memoria della nostra incompiuta. Grazie di avermi accompagnata per tutta la via :)

26/10/2009 10:14:56 PM
mary Ciao Franco..e' tanto che non passo da qui...ma la tua foto il tuo soriso li ho davanti agli occhi tutti i giorni...sei li' accanto al mio papi....e' un periodo difficile...veramente duro e difficile..ma inutile che ti dica cosa sto passando..tu gia' lo sai.....stamane avevo voglia di qualcuno che mi ridesse un po' di speranza e son tornata qui da te......ti voglio bene Franco....per sempre....
Ho trovato questo verso sulla speranza spero piaccia anche a te:


Legala agli altri la luce che non hai, la forza che non possiedi, la speranza che senti vacillare in te, la fiducia di cui sei privo. Illuminali del tuo buio. Arricchiscili con la tua povertà. Regala un sorriso quando hai voglia di piangere. (A. Manzoni)

24/10/2009 9:42:40 AM
Max Ciao Frenk...

22/10/2009 5:42:10 PM
Ieri ho compiuto gli anni sul primo spigolo della Tofana. Giornata fantastica e bella "viona" con Aurelio.
Eri con noi. Alè!

1/10/2009 11:08:18 AM
Max65 E' bello sapere che ogni giorno ci guardi dalla cima piu' alta.
Ciao.Franco.

29/9/2009 7:24:33 AM
Ieri sono stata in Grigna. Non tornavo da quelle parti dalla nostra passeggiata invernale ai Resinelli di dicembre. E' anche il posto dove ti ho incontrato per la prima volta.
Ti ho pensato. Mi mancano quei momenti, quella serenità.
Ciao Frank. Ti abbraccio forte.

28/9/2009 5:43:46 PM
mamma chiara,per te sul braccio si e' fatta tatuare" da qualche parte sopra larcobaleno" e io ti voglio pensare sempre cosi.ciao

19/9/2009 12:11:08 AM
Riba Sei ancora fra noi...è bello che sia così :)

18/9/2009 6:17:46 PM
P ....Un pensiero e una preghiera.

Ciao Franco

18/9/2009 8:48:06 AM
il18 settembre sono sei mesi che ci hai lasciato...e ci manchi sempre di piu'

16/9/2009 11:04:08 PM
gra ti penso sempre...
un bacione

11/9/2009 7:38:57 PM
Roberto Ciao, sono tornato da un paio di settimane dalle vacanze. Monica mi ha raggiunto in Yosemite e poi sono stato a casa sua e di Gary qualche giorno. Non abbiamo arrampicato in Yosemite anche se avevamo pensato di farlo e avevamo la roba; mi mordo un po' le mani perchè non averlo fatto è stato duro e una via laggiù impreziosisce di brutto il "curricula" ma va bene così.
Inevitabilmente di abbiamo ricordato e soprattutto Monica ha tirato fuori le foto (che conserva gelosamente) fatte da te in quella famosa vacanza (1991?) e che le avevi dato prima che andasse negli States corredate dai tuoi commenti scritti dietro: spettacolari!!! Davanti a casa, nel giardino, ha il busto di Cesare.
Ieri sono ritornato ad arrampicare dopo un bel po' di tempo: avevo intenzione di onorare un altro grande che ci ha lasciato (centenario porca troia!)in agosto perchè non ho potuto andare al funerale; so che anche per te Riccardo Cassin è sempre stato un personaggio.
Anche se la chiamano solo "Comici" ho scalato la "Comici, CASSIN, Varale, Dell'Oro" allo Zuccone Campelli: è una bella via in un suggestivo anfiteatro roccioso, facile e corta ma faceva un bel freddo (W), non famosa al pari di altre ma anch'essa a suo modo storica perchè è del 1930 ed è nel periodo in cui il Comici era venuto a fare un pò di scuola a questi "Lecchesi" che ..... sembravano abbastanza promettenti!
La via ce la siamo fatta tranquilli mentre alla croce di vetta c'era un macello di persone che arrivavano un po' da tutte le parti, sembrava di essere in autogrill. Allora non ho lasciato nulla in cima perchè ti avrebbe dato fastidio, siamo scesi in doppia sulla via e ho lasciato vicino al vecchio chiodo di attacco il solito piccolo segno della tua presenza che acqua e vento dissolveranno.
Alè Franco.


7/9/2009 6:43:35 PM
Michele Ciao; siamo venuti a trovarti io e Claudia coi ragazzi e abbiamo detto una preghiera.
La mattina avevamo arrampicato (..nel nostro piccolo...) a Sexten in Val Pusteria; probabilmente, talvolta, la passione è più forte della ragione.
Riposa in pace Franco.

28/8/2009 10:31:23 AM
Corrado Ruggeri Non ti sentivo da un bel po' di tempo, così ieri sera mi son detto: "Vediamo se lo trovo su internet."

Una delle peggiori idee che abbia mai avuto.

Mi spiace tanto. Lo so non ci vedevamo da anni ma era bello sapere che c'era in giro gente come te.

Mi consola sapere che te ne sei andato mentre facevi quello che amavi così come vedere su questa pagina che tanti porterenno il tuo ricordo nel loro cuore.
Addio Franco






27/8/2009 6:26:59 PM
Cinzia Queato we sono stata in val ferret. Volevo finire la via che tu, Umbe e Gigio mi avevate "regalato" per il mio compleanno di tre anni fa. Era stata una bella giornata, senza pensieri, un dono perfetto in un periodo un po' faticoso.
Stavolta abbiamo azzeccato l'avvicinamento... e non abbiamo dovuto fare il salto del torrente in piena (che ridere ripensando ai tuoi tentativi di guado in mutande!!!) ma a metà parete abbiamo sbagliato sosta e siamo finiti su un'altra via. Ci ho provato a passare Frank, anche staffando, ma non ce la facevo proprio...
Oltre al mio cuore, ora in val ferret c'è anche un mio maillon rapid...
un bacio

24/8/2009 9:00:58 AM
A volte invece la catena ti salta giù di brutto e rimani li con le gambe molli e tutta la salita davanti.
ti rivedrò! sarà bello

20/8/2009 10:40:17 PM
Ciao Franco,
fra qualche giorno sono da Monica ma prima passo in Yosemite. Ad ogni canyon visitato mi vieni in mente: hanno tanta di quella roba da scalare che ci passeresti anni ad aprire vie.
Bye.

12/8/2009 7:56:13 PM
Roberto ciao Franco,
Sono negli States.
Ieri sera, a Las Vegas,ti ho pensato: un posto da vedere e poi bruciare.
Andro a trovare Monica e te la saluto.


4/8/2009 6:11:05 PM
ciao Franco, mi piacerebbe chiederti se credi ancora che ne valga la pena. Intendo dire, se valga la pena di seguire una passione così particolare come la nostra. Mi chiedo cosa diresti a quelli dei tuoi amici che si sono irrigiditi nella propria paura di perdere e non si fanno più raggiungere da quella felicità. In qualche caso sono convinta che la cosa ti farebbe arrabbiare.
A tratti ti comportavi come un innamorato geloso con i tuoi compagni di scalata e temevi di perdere coloro con cui ti piaceva legarti. La tua gelosia ti ha superato: alcuni senza la tua corda non vanno più molto lontano. Hanno perso la fiducia, in sè e nei compagni. Questo fatto a me non va giù, e se potessi ancora discutere faccia a faccia con te, ne sentiresti!

Dove stai adesso è un posto molto bello. Mi piacerebbe sentire le tue battute sul fatto che ti abbian messo di fianco una ragazza di novant'anni...

Adesso che non ci risolvi più i piccoli problemi delle vie, che non trovi più l'attacco come se niente fosse e non lasci più i rinvii sui tiri chiave, ci siamo resi conto che siamo meno bravi di quello che credevamo. E' ora di crescere. Vedi, riesci comunque a insegnarci qualcosa anche con la tua assenza

28/7/2009 4:00:41 PM
Roberto Ciao Frank, la mia stagione alpinistica 2009 in ambiente è probabilmente finita a meno che il mese di settembre sia clemente e possa fare una o due uscite, allenamento permettendo. Sono stato qualche settimana fa con i "forti" Jak, Guido e Ivan a fare una bella via dei REMI' in CH e domenica scorsa a fare un mordi e fuggi al paretone.
Ti scrivo perchè partirò giovedì con la "holy family" per gli USA ed andrò a trovare Monica: se butta bene con i tempi magari in Yosemite qualche cosa per un "vecchio ciccione" la troviamo (Mattercrest?); giusto per avere l'onore di "violare" le sacre roccie di uno dei templi della sKalata (come direbbe Tarri). Per intanto te la saluto poi mi farò sentire quando torno.
ALE'!

27/7/2009 6:44:15 PM
mamma caro franco so che dirai.(non ci posso credere ma sono proprio io la mamma) bebo mi ha comperato di senda mano un compiuter e con chiara mi stanno insegnando a usarlo . Ho gia la mia posta, mi vedi, le tue foto, metto i dischetti che chiara mi ha anche musicato.Avevo proprio desiderio di imparare perche prima patrizia o bebo dovevano stamparmi i testi ora me li leggo da sola.saro' sempre grata ai tuoi amici di avermi parlato di questa parte di te che non conoscevo tanto anche di quelli che mi hanno dato le tue foto:sempre sorridente sulle tue roccie.ora ti abbraccio, chiara mi aspetta un forte abbraccio mamma

25/7/2009 9:51:13 AM
crisalide E’ piovuto il caldo
Ha squarciato il cielo
Dicono sia colpa di un’estate come non mai
Piove e intanto penso
Ha quest’acqua un senso
Parla di un rumore
Prima del silenzio e poi…
E’ un inverno che va via da noi
Allora come spieghi
Questa maledetta nostalgia
Di tremare come foglie e poi
Di cadere al tappeto?
D’estate muoio un po’
Aspetto che ritorni l’illusione
Di un’estate che non so…...

...l'ho sentita e ti ho pensato....mi porta da te.



23/7/2009 7:46:33 PM
G. Era un po' che non passavo di qui, a sentir raccontare la tua storia e le storie di chi vuole dedicarti un pensiero.
E come tutte le volte mi capitano le lacrime
Quelle stesse lacrime che mi si versano incontrollate ogni volta che vedo un film... solo un film... :
Capitani Coraggiosi
Secondo me racconta un po' di come volevi essere tu e di come vorremmo essere tutti: felici e semplici di vivere onestamente la natura accettandone anche il capriccio più crudele
A te come a Manuel la stessa sorte
e a noi che non siamo chiamati a vivere questa bizza, da spettatori, restano le lacrime incontenibili

ma mi piace pensarti sussurrarci la canzone di Manuel
"oh oh pesciolino non piangere più, oh oh pesciolino non pingere più." sempre più piano sempre più piano fino a che, come ai bambini, passa il magone

prima o poi impareremo a consolarci anche da soli, e tu potrai andare a a scalare con tutti i tuoi nuovi compagni senza doverci più badare, vedrai...

15/7/2009 6:47:30 PM
mary ...solo tre semplici parole :ti voglio bene ....ovunque sei...io so che sei comunque qui con noi...ciao campione!!

14/7/2009 7:30:16 AM
Roberto Ultima uscita corso 2009, Crete Seche. L'anno scorso c'erì anche tu, quest'anno ti abbiamo ricordato alzando i calici per te (brindisi strong con lemoncello portato da Guido che compiva gli anni).
Domenica è stata una giornata spettacolare e siamo arrivati in cima alla punta J. Charrey, godendo la vista spaziale di bellissime montagne immerse in un cielo azzurro e pulito. Per arrivarci abbiamo fatto un po' di "cinema" perchè siamo partiti su una via e siamo poi passati su un altra, ma senza particolari problemi. Sei rimasto lassù in cima e quindi potrai goderti altre giornate spettacolari da quel bellissimo pulpito.
Alè!

29/6/2009 1:14:59 PM
Ieri ho letto questa poesia e ho pensato a te.
Te la regalo, maestro, e ti mando un bacio. Laura


Dov'era l'ombra, or sé la quercia spande
morta, né più coi turbini tenzona.
La gente dice: Or vedo:era pur grande!

Pendono qua e là dalla corona
i nidietti della primavera.
Dice la gente: Or vedo:era pur buona!

Ognuno loda, ognuno taglia. A sera
ognuno col suo grave fascio va.
Nell'aria, un pianto... d'una capinera

che cerca il nido che non troverà.


--------------------------------
"La quercia caduta" di G.Pascoli



25/6/2009 3:47:43 PM
stanotte ti ho sognato. sai che non è una novità. da quando non ci sei più sogno spesso e tante volte lì tra il sonno e la veglia ci sei anche tu.
continuo a immaginare gli ultimi istanti. non riesco a pensare ad altro. so bene che non serve, che non ha senso, che non ti riporterà qui ma è una delle immagini che continuano a ripetersi.
poi cerco di concentrarmi su i ricordi belli...quanti! sui mille discorsi....e mi arrabbio perchè non me li ricordo tutti. la leggenda dei monti naviganti...tu e giulia in lambretta sui monti liguri...solo fiammetta ricorda le risate e i discorsi sui massimi sistemi fatti e rifatti...
anche se non sono un alpinista (senza apostrofo, tu sai perchè) andare in montagna ha cambiato sapore. ho paura di perdere altri amici, altri compagni di viaggio. non posso più far finta che basti la serietà, l'attenzione la precisione, l'esperienza per fare in modo che tutto vada bene. e allora mi ritrovo a pensare o forse pregare o scongiurare. speriamo che tornino indietro se il tempo è brutto, speriamo che non attacchino quella via se c'è troppa gente, speriamo che stia a casa se non è in forma...
so bene che non funziona così. che non serve. che non c'entra. credo nel destino, anche se non ci è dato comprendere i suoi sentieri. credo di avere l'obbligo e la responsabilità di vivere ogni giorno al meglio. senza spreco. senza perdere le occasioni. senza portarmi dietro i rimorsi per non aver fatto quello che era da fare. e quello che desidero. sento anche la bella responsabilità di dovermi sforzare a perseguire questa strada per te. ma come è difficile.
la ferita è enorme. non si rimargina. mi manchi tanto. troppo. sei il custode dei miei pensieri più segreti. anche di quelli che non ti ho mai detto. il tuo animo sensibile spesso non aveva bisogno di parole. bastava lo sguardo o solo il silenzio.
.. mi viene da ridere...sto cadendo nel patetico...ma quante volte abbiamo invece consumato milioni e milioni di parole senza riuscire a smuoverci dalle nostre convinzioni????!!! due capoccioni!!
ti porto con me. sempre. imparerò a scalare meglio, mestro. anche se nemmeno tu ci credevi troppo.
buona giornata.

22/6/2009 10:37:22 AM
m. ........il tempo inesorabilmente passa...ma non passa quel vuoto dentro....a presto Franco tvb

18/6/2009 7:00:55 PM
una volta, non tanto tempo fa, mi hai scritto che "la tua medicina - quando l’esistenza va bene, ma soprattutto quando gira male - è di affidarti alla tua passione pià forte: la scalata".
solo in questi ultimi mesi ho capito davvero cosa volevi dire. solo recentemente ho imparato a riconoscere negli occhi dei miei amici e compagni di cordata quell'insanabile inquietudine che ci trascina in montagna ogni weekend, come se fosse l'unica cosa capace di dare un senso alle settimane che passano.
purtroppo temo che sia un inutile palliativo, che non potrà mai riempire quel vuoto che ci portiamo dentro e che non sappiamo neanche noi da dove abbia origine. però hai ragione, aiuta e dà sollievo. e non è poco.

16/6/2009 7:03:12 PM
Roberto Dolomiti ampezzane. "Spalmati" anche qui con il corso di roccia. Due giorni di tempo mai visto! roba da mollare gli allievi e andare a far vie tra noi senza le menate di fare in fretta per evitare la solita pioggia o temporale.
Io son partito sabato e ho scalato domenica. E' la primo volta che ceno con il corso quest'anno e, come sai, molti aspettavano che ci fossi: il cabaret non è venuto come al solito perchè ormai manca un attore con esperienza della ribalta e battuta pronta, che sa essere sia capocomico sia spalla senza mai aver provato una scenetta.
Domenica ti abbiamo portato in cima alla piramide del col dei bos, non credo che la avessi già salita perchè è una cima "da corso", anche se non è per nulla male e c'è un panorama galattico. In cima Oreste si è commosso.
Fra due settimane val d'aosta.


15/6/2009 2:14:30 PM
M. ....Hai appreso anche tu quel segreto del fiume: che il tempo non esiste?". Un chiaro sorriso si diffuse sul volto di Vasudeva. "Si Siddharta" rispose.
"Ma è questo ciò che tu vuoi dire: che il fiume si trova dovunque in ogni istante, alle sorgenti e alla foce, alla cascata, al traghetto, alle rapide, nel mare, in montagna, dovunque in ogni istante, e che per lui non vi è che presente, neanche l'ombra del passato, neanche l'ombra dell'avvenire?". "Si, questo" disse Siddharta. "E quando l'ebbi appreso, allora considerai la mia vita, e vidi che è anch'essa un fiume, vidi che soltanto ombre, ma nulla di reale, separano il ragazzo Siddharta dall'uomo Siddharta e dal vecchio Siddharta. Anche le precedenti incarnazioni di Siddharta non furono un passato, e la sua morte e il suo ritorno a Brahma non sono un avvenire.
Nulla fu, nulla sarà: tutto è. Tutto ha realtà e presenza". Siddharta parlava con entusiasmo; questa rivelazione l'aveva reso profondamente felice. Oh, non era forse il tempo la sostanza di ogni pena, non era forse il tempo la sostanza di ogni tormento e d'ogni paura, e non sarebbe stato superato e soppresso tutto il male, tutto il dolore del mondo, appena si fosse superato il tempo, appena si fosse trovato il modo di annullare il pensiero del tempo?



....grazie Franco,tvb

14/6/2009 7:19:38 PM
Ciao Franco
lunedì sono stato a Moena, in macchina fino a Predazzo e poi in bici: lascio sulla sinistra a mezza costa la chiesa (ripasso dopo), svolta a destra, sull’angolo c’è l’ufficio turistico (quello che trentadue anni fa espose in vetrina il fiero Jolly esibito ai “giochi senza frontiere” cui aveva partecipato la fata delle Dolomiti),subito dopo c’è il ponte sull’Avisio oltre il quale scorgo piazza Italia, e non ho bisogno di guardare per sapere che ancora a destra, costeggiando il torrente, c’è il parchetto e il panificio che elargiva ogni ben di Dio ad una decina di ragazzini sudati e scamiciati. Dalla parte opposta la mitica piazzetta, campo di giochi baruffe e guerriglia dei suddetti .
Incredibile…è ancora tutto li, persino il chiosco dei gelati al quale affidavamo felici i risparmi di un pomeriggio passato sul ciglio della strada a vendere vecchi fumetti.
C’è persino la vecchia finestra dietro la quale nascondevamo le lattine di lacca vuote della mamma di Andrea, parrucchiera per signora, e involontaria fornitrice di pirotecnici esplosivi da gettare nel fuoco sul ciglio del torrente.
Poi sono venuto a trovarti ed è inutile che te lo racconti perché c’eri anche tu.
Quando ti ho lasciato, l’auto mi ha guidato inaspettatamente in su, verso la vetta del monte Bondone.
Ero lì, seduto nel prato a scrutare il panorama quando un essemmesse mi dice:”spero che trovi quello che stai cercando”. Uh!?! Cosa!?! Sai come sono fatto, non sapevo di essere in cerca di qualcosa, mi sembrava una gita…invece no, solo in quel momento mi sono reso conto che l’essemmesse aveva ragione, stavo cercando veramente qualcosa: cercavo te nei ricordi, nei momenti belli, nei monti, nelle cose felici.
Invece no… non so cosa cercavo ma ho trovato un altro me, fatto di cose semplici, di monti, di ruscelli, di pinete, pedalate e prati. Un me del quale non mi prendevo cura perché lo facevi tu al posto mio, un me che viveva in ciò che tu eri e facevi e che io amavo e ammiravo tantissimo.
E adesso? Non so se lui si è accorto di me ma io mica posso far finta di niente, mica posso dirgli:”ci vediamo l’anno prossimo quando forse torno qui”.
Umpf, mi vedo sul lettino a guardare il soffitto mentre dico:”sa dottore, a Moena ho incontrato l’altro me, ne ho parlato a mio fratello…” penso che il dottore avrebbe qualcosa da ridire.
Ciao Franco
Ti dico queste cose un po’ seriamente e un po’ ridendo…come piaceva fare a noi.


7/6/2009 10:14:35 PM
Ieri, prima di mettermi in viaggio verso casa ho fatto una deviazione e mi sono fermata proprio lì, dove riposi. E' stato semplice trovarti, mi è sembrato di entrare in una stanza senza il soffitto. Lassù c'è silenzio e l'unico rumore era il mio respiro che mano a mano si faceva accelerato. Ho pianto un po' del tuo dolore mischiato al mio. Un anno fa scalavo con te ora ti guardo dall'alto e la vita mi fa un po' paura. Davanti a me dei monti rocciosi, gli dai le spalle ma scommetto che ti sei già girato a guardali.

E ridi ancora, mi aiuta a respirare

3/6/2009 10:28:42 PM
Riba Ciao Frank...l'altro giorno sei salito con noi, anche se il terreno non era il tuo preferito; ci hai fatto compagnia come solo un vero amico sa fare, silenzioso, presente, rassicurante.
Grazie Frank :)

3/6/2009 6:52:32 PM
C Alè Franco...ieri su Angiolina ti ho pensato e inaspettatamente ti ho trovato...

3/6/2009 5:16:39 PM
Roberto Franco, sabato e domenica ci siamo "spalmati" sulla grignetta con il corso di roccia. Tutto bene e tutti contenti. Io ci sono stato solo domenica e abbiamo fatto la cima passando dalla Zucchi allo spallone centrale: la placchetta finale è sempre favolosa e tu lo sai. Non ci siamo incontrati come è successo spesso, e inaspettatamente, anche in giornate infrasettimanali però c'eri comunque. E' un posto di cui non ho mai parlato bene, pericoloso e infido, ma dove alla fine siamo sempre andati perchè ha sempre un fascino particolare.
Fra due settimane dolomiti.
Ciao.

1/6/2009 9:23:50 PM
...sai da quando te ne sei "andato" la mia vita non e' piu' la stessa...vorrei credere che c'e' qualcosa da "capire" da queste tragedie, che queste cose accadono perche' chi resta possa imparare qualcosa...io non riesco a capirci nulla...non capisco perche',perche' tu...la morte per me resta qualcosa che non so accettare,no proprio non riesco, non cosi'....mi manchi ....mi manchi tanto

29/5/2009 5:13:32 PM
Franco,
ti ricordi quando dicevi "nessuno vuole scalare con me"? Io ridevo e ti prendevo in giro; ma adesso capisco cosa intendevi dire esattamente.
Un giorno, forse, riuscirò a capire anche il senso di quello che è successo e del perché proprio a te.
E allora vorrà dire che starò bene.
Mi manchi.

29/5/2009 2:21:24 PM
Sara "Io non sono lontano
sono solo dall'altro lato della strada,
quello che sono stato per voi lo sarò sempre,
chiamatemi come mi avete sempre chiamato,
parlatemi come avete sempre fatto,
non usate un tono diverso,
non abbiate un'aria solenne e triste,
continuate a ridere di quello di cui ridevamo insieme,
il filo non viene tagliato; perchè sarei lontano dai vostri occhi?
Forse perchè non mi vedete più?
No, non sono lontano,
sono solo dall'altro lato della strada."


Ciao Franco,
non dimenticherò mai il tuo sorriso!

28/5/2009 1:12:59 PM
Ciao Franco
Oggi c'è stata la finale di champions, l'ho vista al bar.
E' andata bene, il barca ha rifilato due pappine al manchester...
Un paio di settimane fa sono stato in iun parco, c'era un pannello di legno con delle prese, avresti dovuto vedere la ceci: ad un certo punto appesa con una sola mano faceva cenno ai bambini sotto di spostarsi perchè era pericoloso....ha tre anni...
Se dovesse coltivare la Passione mi piacerebbe che iniziasse con i tuoi compagni e che con loro conoscesse un po' anche te.
D'altra parte un po' ti ho conosciuto anch'io attraverso loro.
Ci rivedremo, ma devi avere un bel po' di pazienza, ho intenzione di vedere al bar un bel po' di finali

27/5/2009 11:54:44 PM
ti penso ogni volta che tocco la roccia e ascolto i tuoi consigli silenziosi (quelli che mi ripetevi pazientemente e che io non sapevo/volevo seguire). la tua assenza mi dà una strana forza... credo che sia una specie di senso di responsabilità: vivere un po' anche per te.
ciao maestro


20/5/2009 4:18:19 PM
Roberto Ieri all'uscita del corso in Sbarua abbiamo fatto la Cinquetti e Angiolina. Sei sempre con noi: abbiamo lasciato un piccolo segno della tua presenza in cima alle vie. E sarà sempre così.


18/5/2009 10:49:25 AM
.....mi manchi....mi manchi....mi manchi....

17/5/2009 9:15:04 AM
Riba Ciao Frank..
2 mesi fa..2 giorni senza respirare..2 giorni di tensione, di notizie, di preghiere, di speranze..ci abbiamo creduto; ora non riusciamo a crederci.
2 mesi di stallo, invischiati, immobili. "C'è sempre un modo per passare" dicevi..dobbiamo trovare quel modo e riuscire a passare, portando il tuo sorriso con noi.
Ciao frank

16/5/2009 1:00:39 PM
ciao franco
due mesi fa,
la paura, l'elicottero, giulia, tuo fratello, la discesa, l'ospedale, le mille telefonate... la tensione.
ora tutto è tornato alla normalità ma la normalità non è più quella di prima, non ci siamo.


15/5/2009 12:43:42 PM
la nico Due mesi fa, a quest'ora...
Due mesi.
E non posso neanche dire che mi manchi, perché non ci credo ancora.

15/5/2009 12:31:49 PM
5 di mattina.
Sacco a pelo.
Solita uscita, solito posto.
Ipod.
Lacrime nascoste.
Immagini che scorrono.
Pale dell'elicottero sopra di me.
Freddo.
Il corpo di un amico tra le braccia.
Ricordi vicini eppure lontani.
Una tenda di amici.
Si sente russare in segheria.
Risate.
Jabbar, Magic Johnson e l'allenamento dei Lakers.
Pensieri.
Un amico che ora sfugge, ma che col tempo tornerà.
Perfino tu tornavi sempre.
7 di mattina.
Ricomincia la vita.
Ciao Frank


11/5/2009 5:47:41 PM
Sabato, ripresa dell'attività outdoor in falesia: ripassiamo per scrupolo la "manovrina" e ogni mossa viene subito fluida, spontanea perché dal giorno in cui me l'hai spiegata con poche, semplici parole mi è rimasta impressa a fuoco nella mente. Compiere quei gesti è stato come rivivere quei momenti, come rivederti lì accanto. E... Franco, avevi ragione: quando ti ho detto che non mi sarei comprata tutta l'attrezzatura perché non sarei mai salita da prima, hai risposto, "sbagli, perché tu vai". Ebbene, me la sto a poco a poco comprando e, pur nel mio piccolo, mi sto allenando a fare da capocordata...

10/5/2009 3:41:00 PM
E' dura..ogni tanto credo di esserne uscita..alzo la testa, scrollo le spalle e mi dico "adesso vado, adesso sono pronta", ma non è vero.
E' il peso delle cose non dette, di quelle scritte, di quelle sbagliate che mi sta schiacciando; ho passato il tempo a sottrarmi a te che altri non eri che il mio specchio, perchè non riuscivo a scappare da me stessa. Tu hai sempre capito tutto, senza bisogno di parole o di tante spiegazioni; mi chiedevi come stavano i miei fantasmi e stavi male per me; forse hai anche capito perchè non ti ho mai fatto quella telefonata in quello stupido pomeriggio; forse mi hai anche perdonata; io, invece, proprio non ci riesco.
Perdonami amico caro...ho lasciato che te ne andassi con un conto in sospeso.

7/5/2009 10:54:46 PM
Ricordi quella domenica di dicembre in Medale? E' stata l'unica volta che ci siamo legati insieme... Myriam+Bonatti: per te una passeggiata, per me una grande impresa!
Una giornata magica: c'era un bel sole tiepido e un'emozionante e inattesa colonna sonora ci ha accompagnato per un pezzo di via, salendo fino a noi dal campo sportivo lì sotto... ricordi?

Faceva così:
"Ti proteggerò dalle paure delle ipocondrie,
dai turbamenti che da oggi incontrerai per la tua via.
Dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo,
dai fallimenti che per tua natura normalmente attirerai.
Ti solleverò dai dolori e dai tuoi sbalzi d'umore,
dalle ossessioni delle tue manie.
Supererò le correnti gravitazionali,
lo spazio e la luce
per non farti invecchiare.
E guarirai da tutte le malattie,
perché sei un essere speciale,
ed io, avrò cura di te."

Abbi cura di noi, Frank. Ciao

7/5/2009 10:35:05 AM
mary Oggi ho conosciuto la tua mamma e il tuo papa'....ora so perche sei stato una persona cosi'...."speciale"...ciao sorriso dolce...ti abbraccio forte.

6/5/2009 1:42:46 PM
Max Torta …Frenk… sono passati 51 giorni da quel maledetto giorno… e ancora, ancora la mia mente continua inconsapevolmente a sfuggire. Poi il ricordo di una frase, di un luogo, di una canzone, di una delle tue battute… e la consapevolezza mi investe come una locomotiva, ancora quel pugno alla bocca dello stomaco, ancora quel magone che toglie il fiato…
Torno spesso qui, quasi tutti i giorni… forse per cercare sollievo nella condivisione del dolore che tutti, chi più chi meno, ci portiamo ancora dentro. Condivisione che mi ha aiutato molto nelle prime settimane e che ancora mi è fondamentale. Siamo tornati a scalare tutti insieme, a condividere merende e risate, a programmare salite, a raccontarci, a prenderci in giro. Poi ogni tanto qualcuno abbassa lo sguardo e si estranea da ciò che ha intorno.. e tutti sappiamo a cosa sta pensando...
Tra noi non ne parliamo ancora o ne parliamo poco.. forse è ancora troppo presto.. ma forse non ci aiuta. Forse ciascuno di noi sta cercando di metabolizzare questa profonda tristezza a proprio modo, di trasformarla lentamente in qualcosa di diverso, in bei ricordi, anche in un sorriso magari, ripensando ai soprannomi che ci avevi dato, ai tuoi racconti esilaranti sulle nostre improbabili gesta alpinistiche.. ma è davvero difficile, forse è ancora davvero troppo presto. Nessuno di noi era pronto, neanche lontanamente pronto ad affrontare la perdita di un compagno di cordata, di un amico, a confrontarsi con la morte, la morte in montagna. Spesso ne leggiamo la cronaca, ne discutiamo… spesso abbiamo scherzato, dopo, al bar, sui rischi che abbiamo preso quella volta che… ma mai e poi mai avremmo immaginato di poter un giorno ricevere quella telefonata o ancor meno di poterla vivere in prima persona. E’ come se ciò che amiamo e ci accomuna, la Montagna, ci avesse inferto un colpo tremendo, ci avesse tradito. Forse in questo momento la guardiamo con occhi diversi.. forse è un sollievo o uno strazio maggiore non poter attribuire colpe o responsabilità a niente e nessuno, neppure alla Montagna stessa.
… Frenk… quando sto per affrontare il passo duro ora alzo lo sguardo e immagino il tuo faccione in mezzo al cielo che mi guarda ridendo, pronto a un incoraggiamento, a un prezioso consiglio e a darmi del finocchio se esiterò ancora… e allora carico il piede e vado… e così voglio immaginare che sarai con noi in ogni salita, ad ogni tiro, su ogni vetta… e prima o poi questo pensiero mi ridarà serenità, sperando che possa presto ridarla a tutti noi…


5/5/2009 11:46:17 AM
non passa, non passa, non passa...

4/5/2009 5:17:24 PM
O.m. Oggi e' ua splendida giornata....pensavo a te a dove saresti stato a rampicare....al tuo sogno per quest'estate..il tuo sogno di una vita mi dicevi....
Vorrei capire...vorrei una risposta...vorrei riuscire a "lasciarti andare" perche so che e' questo che tu meriti ora....seguire il tuo "sentiero"....scusami se ancora non riesco, se continuo a venire in questo posto convincendomi di sentirti piu' vicino....Frank mi manchi....mi manchi tanto.....tvb

3/5/2009 9:01:01 AM
...E ti vengo a cercare
anche solo per vederti o parlare
perché ho bisogno della tua presenza
per capire meglio la mia essenza.
Questo sentimento popolare
nasce da meccaniche divine
un rapimento mistico e sensuale
mi imprigiona a te.
Dovrei cambiare l'oggetto dei miei desideri
non accontentarmi di piccole gioie quotidiane
fare come un eremita
che rinuncia a sé.
E ti vengo a cercare
con la scusa di doverti parlare
perché mi piace ciò che pensi e che dici
perché in te vedo le mie radici.
Questo secolo oramai alla fine
saturo di parassiti senza dignità
mi spinge solo ad essere migliore
con più volontà.
Emanciparmi dall'incubo delle passioni
cercare l'Uno al di sopra del Bene e del Male
essere un'immagine divina
di questa realtà.
E ti vengo a cercare
perché sto bene con te
perché ho bisogno della tua presenza
(Battiato)

28/4/2009 12:58:46 PM
qualche notte fa, in sogno, abbiamo giocato a palle di neve. e tu ridevi, ridevi...
è stato bello rivederti.

27/4/2009 3:07:51 PM
Caldo ogni tanto passo di qui a trovarti anche se in realtà ti sento spesso.
Probabilmente sei ancora tra noi, ancora tra le nostre montagne.
Ciao Frank

27/4/2009 2:04:04 PM
Cosa mi manca?
Ritirare le tue scarpette puzzone dal calzolaio sotto casa mia, Frank.
Il tuo nome nelle rubriche dei miei 18 cellulari e agendine elettroniche.
L'idea di non ribaltarmi più sotto al tavolo per una tua battuta, domani sera a tavola.
Non avere più nessuno che mi chieda perché sei soprannominato "menata".
La tua telefonata del giorno dopo, per chiedermi - ogni volta! - se la sera prima non hai magari esagerato e se, secondo me, qualcuno si è offeso per la tua esuberanza.
Vederti arrivare al solito parcheggio, alle 7 di mattina della domenica, unico sorriso tra tante facce assonnate.
Le nostre chiacchierate "segrete" sulle nuove leve della SEM, chi ti prendi tu, chi mi curo io...
Il coraggio di venirti a trovare nella tua nuova casetta sotto i monti.
Il coraggio di telefonare a Giulia.
La serenità per guardare oltre e smetterla di collegarmi morbosamente a questa pagina, nonostante i giorni passino inesorabili. Uno dopo l'altro...
Cosa mi manca?
"The time is gone, the song is over, thought I'd something more..."


24/4/2009 7:02:56 PM
Gagia Quel giorno, in Grigna, sbucasti dalla nebbia, un saluto, un ricordo dei tempi della scuola, un arrivederci mai realizzato.
Di nuovo arrivederci
Ciao - Gagia

21/4/2009 9:50:24 PM
Claudio Ruzza Franco,
chi poteva immaginare che quella sera al ristorante a Recanati era l'ultima volta che ci saremmo incontrati. I ricordi di quasi 30 anni, le vite di adesso, i viaggi, la sosta per fare il bagno a Fano, l'Inter che ricominciava a vincere. Sembrava che avessimo davanti ancora tutto il tempo del mondo.

Non ti vedevo spesso, ma saperti vicino e raggiungibile in qualsiasi momento mi dava pace e sicurezza. Ti sono debitore e riconoscente.

Non ci si dimentica di chi ti ha fatto diventare uomo. E io, Franco, non mi dimenticherò di te.

Claudio



21/4/2009 11:11:39 AM
mary Penso che nessun'altra cosa ci conforti tanto,
quanto il ricordo di un amico,
la gioia della sua confidenza
o l'immenso sollievo di esserti tu confidato a lui
con assoluta tranquillità:
appunto perchè AMICO.
Conforta il desiderio di rivederlo se lontano,
di evocarlo per sentirlo vicino,
quasi per udire la sua voce
e continuare colloqui mai finiti.

(David Maria Turoldo)

....18 aprile 2009 ciao Franco .....ti abbraccio forte

18/4/2009 9:18:33 AM
Ciao, Franco!
Oggi sono tornata a trovarti con Raffaele, la tua mamma, il tuo papà e Giuliana, dopo quel 23 marzo in cui ti abbiamo lasciato nella tua nuova casa. Pensavamo di ritrovare quel mucchio di terra che deve assestarsi, prima di accogliere un paio di segni che ci ricorderanno da dove veniamo e il tuo amore per la montagna. Abbiamo, invece, trovato una casa ordinata, tanti piccoli sassolini bianchi, dei fiori, un cero, una targa essenziale con il tuo nome e le due date chew segnano la tua "vita". Sono stata molto contenta di questo. Saperti vicino alle tue montagne, in un camposanto piccolo e raccolto, all'ombra di un campanile secolare mi aveva dato conforto anche quel 23 marzo. Oggi ho respirato un senso di ordine, di pace e di serenità, anche se il tempo sembrava voler mettere tanta malinconia in questo nostro tornare a trovarti (è piovuto proprio tutto il giorno!). A te, che pensiamo sulle montagne del cielo, con Angelo, Graziella, Gino, Franco, affidiamo i nostri figli. Loro ti conoscono attraverso quello che noi raccontiamo di te. Devono ancora scalare la grande montagna della vita: dalla tua posizione privilegiata chiedi al Signore della Vita di guidarli e di accompagnarli, tu che sai quanto sia importante avere una guida "sicura". Un grande abbraccio e un arrivederci a presto. Carla e Raffy

16/4/2009 7:57:05 PM
Gianca La vita è veramente assurda!
Hai una passione, dai tutto te stesso a quella passione e proprio quella passione ti porta via.. Non ci siamo più visti per tanti anni, eppure mi sembra di non averti mai perso di vista.. Con affetto per te per tua mamma e tuo papà.. Giancarlo Pozzi

16/4/2009 3:44:13 PM
s un mese. un mese esatto. la consapevolezza emerge lentamente e giorno dopo giorno fa sempre più male e in tutto questo il vuoto pretende il suo posto.

15/4/2009 4:58:42 PM
laura sabato ti ho sentito, di nuovo.
mi guardavi sorridente e soddisfatto di vedere che mi godevo ogni tiro della via e non avevo la solita fretta di scendere.
abbiamo scalato insieme. è stato bello. lo faremo ancora.
ciao maestro


15/4/2009 4:04:59 PM
ocma ...non ce la faccio...mi sembra che da un attimo all'altro tu debba comparirmi alle spalle e con la tua risata unica mi dici che e' stato solo uno scherzo....mi manchi dolce creatura...mi manchi tanto...

"E tu
chissà dove sei
anima fragile
che mi ascoltavi immobile
ma senza ridere.
E ora tu chissà
chissà dove sei
avrai trovato amore
o come me, cerchi soltanto d'avventure
perché non vuoi più piangere!
E la vita continua
anche senza di noi....."

Si e' vero la vita continua...ma non sara' MAI piu' lo stesso senza TE...Ciao Frank TVB


15/4/2009 12:57:18 PM
Riba Ciao Frank...siamo stati ad Arco..tu eri ovunque, nel vento, nelle nuvole, nella roccia, nel sole. Non è stato necessario venire a cercarti. Ancora non ci credo; ancora non voglio capire; ancora ti sento ridere. Sei ancora con noi.
Ti abbraccio..

12/4/2009 9:11:33 PM
Antonio Iazzetti Ho avuto la fortuna e il piacere di conoscerti molto molto tempo fa, sono stato tuo cognato seppur per poco tempo, troppo giovane, troppo stupido per capire certi valori e sopra tutto quelli della vita.....
Non ci posso ancora credere.....e' proprio vero che se ne vanno sempre i MIGLIORI!!!

Riposa in pace uomo delle montagne, lassu' la vita e' certamente migliore che da queste parti


Le mie piu' sentite condoglianze a GIAMPIERO, GABRIELLA, CHIARA, ALBERTO E TUTTA LA FAMIGLIA RAINOLDI

9/4/2009 7:49:26 PM
Erminio e Maria Carla Non ci siamo più incontrati per lunghissimi anni.
Strade, storie, età diverse. Certo.
In questi giorni, però, ci siamo scoperti a pensare
d’esserci perso qualcosa di prezioso e di bello.
Anche noi, come altri, ti ricordiamo ragazzino: sorridente e paziente con i tuoi fratelli – Bebo e Chiara – intorno. Quando venivamo a casa tua, da Gabriella e Giampiero.

«Sei giunto alla fine del viaggio. Dormi ora.
E sogna quelli che vennero prima.
Ti stanno chiamando. Dalla riva lontana.
E tutto si trasformerà. In vetro argentato.
Una luce sull’acqua.
Tutte le anime vanno».
(A. Lennox)

Ciao Franco.
Arrivederci.
Erminio e MariaCarla


9/4/2009 7:26:33 PM
... ...io vivo fra le nuvole
ormai non scendo più
io muovo tutti i muscoli lentamente
per reagire e stare su

dove volano le aquile
in mezzo ai sogni e agli acquazzoni
io vivo fra le nuvole
mangio pioggia perchè mi girano e sono fuori

ma non ho più paura
a soffrire con te
una cosa è sicura
so di vivere
in un futuro migliore
fatto di te e di me
pezzi di un’avventura
tutta da scroprire

lo sai che sulle nuvole
tutto diventa possibile
e non ci sono nè paure nè confini
e la mente non ha più limiti
yeah

Ale' Frank ale'

9/4/2009 7:31:25 AM
O. Non voglio altro conforto
al mio dolore
che la certezza
di saperti vivo.

G.Centore

....mi manchi...ciao Frank

6/4/2009 6:49:21 PM
Silvia
Ti ricordo da bambino, sorridente e paziente con i tuoi fratelli che ti erano sempre intorno, eri il più grande e ne eri orgoglioso.
Ti ricorderò ora, ogni qual volta alzerò il mio sguardo verso una vetta; nel silenzio solo il battito del mio cuore e una preghiera per te.
Ciao un abbraccio

6/4/2009 3:20:23 PM
****** donna, perché piangi?

vicini alla Pasqua di resurrezione.

Una speranza.
Una certezza.

I nostri occhi non ti vedono più
ma tu ci sei.

Dì a noi che tu ci sei e che il
nostro dolore non è vano.

6/4/2009 1:06:58 PM
Ruggero Ci siamo scambiati poche parole. come si usa fra alpinisti che provengono da caratteri temprati e vissuti con l'aiuto di madre natura che con passione frequentiamo.
Mi trovo in "sosta" e prima di raggiungermi mi disse: Ho sbagliato via? "Si, "Genoma" è di là!
Avvicinatosi a me prese un moschettone a ghiera per assicurarsi allo spezzone di corda che costituiva la "sosta" e io gli dissi:attaccati qua con me, allo spit!. E lui: ma non ci stiamo! Ed io gli risposi con tono allegro: Ci stiamo, ci stiamo, vieni! Alzai il mio moschettone finchè infilò anche il suo.Tutti e due insieme assicurati. Nel frattempo il mio compagno di cordata mi chiamò, aveva raggiunto la sosta successiva.
Partito, andai in su......, ciao Franco.

Un grande abvbraccio a tutti i suoi famigliari ed amici.

4/4/2009 1:08:34 PM
M. ...Siamo stati sulla luna a mezzogiorno
Andata solo andata senza mai un ritorno
E abbiamo fatto piani per un nuovo mondo
Ci siamo attraversati fino nel profondo
Me c’è ancora qualcosa che non so di te
Al centro del tuo cuore
Che c’è?......(Giovanotti)


Ciao "sole" un saluto con i versi che canticchiavi...ti abbraccio forte forte

3/4/2009 7:30:24 AM
Angelo La tua foto é come ti immaginavo dopo tanti anni.. I ricordi della nostra giovinezza bella e idealista, riaffiorano forti. Non ho potuto non andare a rivedere foto di 25 anni fa e che voglia di poterle commentare assieme davanti ad una birra... sará per un altra volta.
Riposa in pace. Un abbraccio a tutti quelli che ti vogliono bene
ciao

31/3/2009 5:26:41 PM
laura domenica pomeriggio, otto amici, sala grande della SEM, fuori piove forte.
pannello, abbracci, chiacchiere, manate di magnesite, ricordi, musica trash, risate, massaggi, racconti, sudore, progetti, una vaschetta di gelato del pinguino blu con tanti cucchiaini colorati...
e tu eri lì con noi. ti ho sentito, frank.

31/3/2009 3:15:30 PM
O. Ciao "bel muso", mi manchi ogni giorno un po' di piu'...non riesco davvero farmene una ragione....vengo qui a riscaldarmi l'Anima con il tuo sorriso....TVB

31/3/2009 12:44:09 PM
Simone Franco, non passa mattina che non mi risvegli pensando a te e a quella giornata.
Ancora non lo accetto.
Porterò un pezzetto di te in Scozia.
a dopo

s



30/3/2009 7:08:54 PM
M Sono passate due settimane… e mi sono reso conto che il mio cervello fatica a realizzare, non vuole accettare, sfugge.. poi guardo le foto, leggo e rileggo… e un pugno alla bocca dello stomaco mi riporta alla realtà… il magone mi toglie il fiato…

30/3/2009 2:42:30 PM
MaxPol Caro Franco,
Sono appena tornato da un viaggio di lavoro in Asia che putroppo,sabato scorso non mi ha consentito di darti l'ultimo saluto.
Avevamo 15 anni quando abbiamo iniziato a salire sulle vette delle Dolomiti,scoprendo insieme la passione per la montagna,e capendo quali insegnamenti ci dava il vivere quella bellissima esperienza.
Insieme abbiamo fatto tante ferrate,e la passione aumentava,tanto da spingerci ad iscriverci al corso d'arrampicata alla Sem.
Insieme abbiamo comprato le prime scarpette,la corda,i moschettoni i rinvii,e finito il corso per 10 anni,abbiamo fatto tanissime vie sulle più belle montagne.
Un giorno,come spesso accade nella vita,le nostre strade si sono divise,Tu hai continuato a coltivare la tua passione per la montagna e per la vita,dando il meglio di te stesso riuscendo come pochi sanno fare,con la tua solita determinazione che hai sempre avuto.
Io invece ho messo su famiglia,ho 3 figli,e non ho mai smesso di amare le montagne anche se non arrampico più da 12 anni.
Non potrò mai dimenticare quello che abbiamo vissuto insieme e tutti i valori che ho imparato stando al tuo fianco alternandoci nei tiri di corda metro dopo metro.
Sarai sempre nel mio cuore e nei miei pensieri.
Un abbraccio caloroso a Gabriella,Gianpier,Chiara,Bebo,Giulia e Pietro.
Massimo P.

29/3/2009 10:36:50 PM
Angela e Gigi Con questi versi, scritti da un padre per un figlio che la montagna ha chiamto a sè, ci uniamo ai tuoi cari mamma e papà nel tuo ricordo.

29/3/2009 5:29:58 PM
Angela e Gigi Luparia A te, caro Franco vorremmo dedicare questi versi

Ti ho portato con me.
Su.
Per quel tuo sentiero
delle tue montagne.
A te ora
Proibito.
Io sì e tu no.
Quasi un’eresia.
Ma tu eri con me.
nel mio sacco a montagna
Ideale-trasparente-
ho portato
..............................
il tuo forte cuore
nobile
di tutte le nobiltà
del cielo e della terra,
......................................
il tuo amore intatto
per le tue montagne.
Quasi piangendo
ti ho portato su.
Nessuno vedeva le mie lacrime.
Per questa ingiustizia
Della vita
che ti ruba tutto
che ti proibisce tutto
(mentre io ancora vivo).
Ma io ti ho portato con me.
Ancora una volta
ti ho regalato quel sole
e quell’aria
e quei fiori così azzurri.
E ancora una volta
Tu l’’hai regalati a me,
mio ultimo padre.......


29/3/2009 5:10:21 PM
Riba Ho chiuso gli zaini...sto per partire...ti avevo proposto di venire con me ma non hai voluto "lo sai che non è il mio ambiente". Invece adesso mi ci accompagni e non puoi dirmi di no :)

29/3/2009 11:28:48 AM
Fox Ciao Franco,

oggi piove, ed è una giornata grigia, quasi autunnale nonostante sia il 28 marzo...
Ci siamo conosciuti un decennio fa e ricordo che nel lontano 1999, alla mia prima uscita del cdr, sul Moregallo, sei stato il mio primo compagno di scalata...ricordo ancora le chiacchere spese nell'avviginamento e il peso del mio zaino, pieno di salamelle...
In tutto questo tempo, tutto sommato, non ci siamo frequentati assiduamente, ma ti ho sempre considerato un amico di famiglia, nel vero senso della parola...tutte le volte che ci incrociavamo, mi accoglievi sempre festoso con un "Fox, tu si che vai bene!?"
Sempre cortese, sincero e pieno di energia, speciale nella tua semplicità.
Sei stato un grande e rimarrai sempre un esempio per tutti noi.
Illuminaci!
Un abbraccio, Fox

28/3/2009 5:10:28 PM
io ...sembra incredibile quanto manchi ...si da per scontato che ci sara' sempre "domani", si lasciano in sospeso tante cose, non si dicono cose che sarebbe meglio dire sempre e subito...sono riuscita a dirtelo un paio di volte soltanto ed ora ho il cruccio d'aver lasciato un sacco di questioni in sospeso...chissa' se ora senti comunque le mie parole...mi manchi Frank....e qui di sereno non c'e' piu' nulla....almeno tu lo sei ora??? ti bacio a presto ...

28/3/2009 8:51:51 AM
vittorio CIAO FRANK

ORA CHE NON CI SEI PIù CON CHI LAVORERò AL CRAC, TU MI HAI INSEGNATO AD USARE IL SALDATORE IL CALIBRO, TU MI DOVEVI DARE L'ATTREZZATURA X UNA SCENA DELLO SPETTACOLO DELLA COOPERATIVA ORA CHI ME LA DARà


CIAO FRANK

27/3/2009 7:03:55 PM
mimma
l'immagine del tuo sorriso caldo e timido
e l'abbraccio dei tuo occhi gentili e' ovunque in questi giorni
non abbiamo mai scalato o percorso un sentiero insieme
ti conoscevo poco ma mi mancherai,ci mancherai tanto
ciao Franco


26/3/2009 8:42:49 PM
Mamma e papà Ci avete regalato un mondo e una parte di Franco a noi un po' sconosciuta, ve ne siamo molto grati. Ci avete dato un po' di serenità ed è anche un dolore più piccolo l'averlo lasciato fra le sue montagne.
Vi ringraziamo e vi abbracciamo tutti e ciascuno in parcolare.

Gabriella e Giampiero

26/3/2009 3:00:10 PM
Mai ho visto un uomo guardare, sorridere, sedere, camminare a quel modo, egli pensava, così veramente desidero anch'io saper guardare, sorridere, sedere e camminare, così libero, venerabile, modesto, aperto, infantile e misterioso. Così veramente guarda e cammina soltanto l'uomo che è disceso nell'intimo di sé stesso. Bene, cercherò anch'io di discendere nell'intimo di me stesso.

da "Siddartha"

26/3/2009 12:56:04 PM
Gianfranco Ti ho conosciuto per un attimo in quella sfortunata sosta,
non ho saputo vedere non ho saputo aiutarti

Riposa in pace Franco

26/3/2009 12:46:00 AM
frank ciao frank, sono l'altro frank.
Così ci chiamavano gli amici di Halloween..ricordi?
Questa mattina stavo andando al lavoro in bicicletta e canticchiavo una canzone.........all'improvviso mi sono venute in mente le mattine quando assieme andavamo a scuola in bicicletta e, visti i chilometri che dovevamo fare per andare al Galvani, cantavamo tutte le nostre canzoni preferite (quelle dei beatles-tutto l'album bianco, quelle dei queen e bennato).
Abitavamo uno sopra l'altro e nei lunghi pomeriggi d'inverno passati a studiare, verso il tardo pomeriggio o tu venivi su da me o io scendevo giù da te per cinque minuti di relax.
Iniziammo ad arrampicare assieme (io in realtà ho iniziato qualche anno prima, ma l'incidente occorsomi sull'angelina in grigna mi aveva fermato per molto tempo e cosi hai avuto modo di raggiungermi).
In questi giorni rileggevo le relazioni delle vie fatte verso la fine degli anni ottanta e mi sono venuti i brividi nel leggere quello che abbiamo fatto con Massimo, Angelo ed Andrea (detto il naso).
Poi le nostre vite si sono divise (anche se tu sei venuto al mio matrimonio nel 92 e qualche anno dopo anche a cena una sera a casa nostra), ma tutto quello che abbiamo condiviso assieme lo porterò sempre nel mio cuore insieme al tuo volto.

Un pensiero al Giampi (tuo padre), alla Gabri (tua madre e nostra catechista), a bebo (tuo fratello),a Chiara (tua sorella)ed a Giulia (la tua amata).
Il Dio della speranza è la nostra consolazione.
Un abbraccio.

25/3/2009 8:59:57 PM
Andrea Gentilini Ciao Franco,

non ricordo più in che anno ti ho conosciuto, molto tempo fa, comunque, visto che già da dieci anni sono fuori dal giro della montagna praticata.

Non ho mai scalato con te, ricordo solo che avevi sempre una bella faccia, venivi a salutarmi anche se ero in mezzo a cinquanta persone, non ti ho mai visto incavolato con nessuno...

E' stato doloroso darti l'ultimo saluto, ma si capiva che tutti quelli che ti hanno conosciuto ti volevano bene.

Ciao, e grazie.

Andrea

25/3/2009 5:42:58 PM
Marina Era il tuo sogno fin da piccolo, quando nell'officina del nonno "scalavi" il camioncino o con la corda scendevi dal terrazzino del soppalco.
Poi ci sono state le vacanze a Moena .....e poi, poi siamo cresciuti e ci siamo visti un pò meno, presi da
mille cose.
Ma ogni volta che parlavo con la zia chiedevo anche di te ed immancabilmente eri in montagna.
Quella montagna che hai tanto amato, che ti ha reso felice ma ti ha portato via troppo presto.
E' difficile trovare parole di conforto per gli zii, Chiara, Alberto e Giulia: l'unica consolazione è il sapere che te ne sei andato facendo ciò che più desideravi ed amavi.
Ciao Franco, riposa in pace fra le "tue montagne" e dal cielo, fra un'arrampicata e l'altra, trova il tempo di
vegliare su tutti noi.
Ti voglio bene e ti abbraccio.
Marina





25/3/2009 2:04:30 PM
....è come fossi nascosto nella stanza accanto. Io sono sempre io e tu sei sempre tu. Quello che eravamo prima l'uno per l'altro lo siamo ancora, chiamami con il nome che mi hai sempre dato, che ti è familiare; parlami nello stesso modo affettuoso che hai sempre usato. Non cambiare tono di voce, non assumere un'aria solenne o triste. Continua a ridere di quello che ci faceva ridere, di quelle piccole cose che tanto ci piacevano quando eravamo insieme. Prega, sorridi, pensami! Il mio nome sia sempre la parola familiare di prima: pronuncialo senza la minima traccia d'ombra o di tristezza.
La nostra vita conserva tutto il significato che ha sempre avuto: è la stessa di prima, c'è una continuità che non si spezza. Perche' dovrei essere fuori dei tuoi pensieri e dalla tua mente, solo perche sono fuori dalla tua vista? Non sono lontano, sono dall'altra parte, proprio dietro l'angolo. Rassicurati, va tutto bene. Ritroverai il mio cuore, ne ritroverai la tenerezza purificata. Asciuga le tue lacrime e non piangere, se mi ami: IL TUO SORRISO è LA MIA PACE.

(Sant' Agostino.)

ps e il ricordo del tuo sorriso... e' la mia consolazione...vola Frank vola ...sei un GRANDE!!!!!

25/3/2009 1:02:40 PM
Chiara Ciao Franco...ogni tanto ritorno qui...cosi riguardo la tua foto e non mi scordo il tuo sorriso...

Alè Frank!


25/3/2009 9:15:15 AM
Michele Ciao Franco!! Ti saluto come facevo quando ti incrociavo ogni tanto a Paderno..Ed è vero..come dicono i tuoi amici..sorridevi sempre.!..Ciao Franco..!


24/3/2009 5:50:35 PM
Giac << Nella lotta tra te e il mondo, stai dalla parte del mondo >> (F. Zappa)

E ne avevi di conflitti con questo mondo…
Chilometri e chilometri di sentieri cercando di convincerti che di ragione ne avevi eccome…
E tu, testone, sempre ostinatamente dalla parte del mondo…


24/3/2009 4:58:55 PM
Marta Quanto tempo è passato, sette anni e adesso ti ritrovo così...tristissimo
Ricordo il tuo pizzetto biondo platino, la tua bella risata piena, le tue continue "menate" su tutto che ti rendevano così umano e simpatico, fin troppo facile prenderti in giro ....
Il tuo Amore per Giulia sempre lì presente, in ogni momento....
Ciao Franco, chissà se dove sei ci sono cose "performanti"...


24/3/2009 3:03:49 PM
Arianna Io vi guardavo scalare, tutt'e due. Prima l'una poi l'altro. Quando facevate sosta, dopo aver fatto le vostre vie, vi avvicinavate a me che vi aspettavo giu' a prendere il sole e io vi chiedevo: ma non avete paura ad arrampicarvi? e tu: si dice arrampicare, non arrampicarsi.
uhhmmm... pensavo.
Ricordo le tue parole, i tuoi racconti, i tuoi dubbi, le tue paure, le tue ansie, ma anche le tue risate, le tue mani forti, le tue scarpette "performanti", il tuo pizzetto che per un po' e' stato anche biondo platino.

Sempre piu' in alto, Franco, dove l'orizzonte si confonde con le nuvole.
A presto.

24/3/2009 12:43:35 PM
Max Quella passata, Frank, è stata una gran brutta settimana.
Nella classifica della mia vita personale (che consta già di oltre 2000 settimane), si piazza dritto dritto nella top ten.

Ma oggi ne è cominciata un'altra. Quella, peraltro, in cui diamo il via alle lezioni del Corso di Alpinismo del 2009.
Un corso al quale avresti per la prima volta partecipato anche tu... Pur se solo a qualche uscita, pur con il rischio che qualche sopravvenuta "menata" ti facesse prima o poi cambiare idea.
E tuttavia alcuni della SEM sanno bene quanto la sola idea mi rendesse di buon umore... Ci abbiamo scherzato su per mesi parlandone anche con te, "coccolandoti" e "corteggiandoti", invitandoti alle riunioni ma "così, senza impegno"... Perché solo "così senza impegno" sapevo che poi ci saresti sicuramente venuto...

Adesso so che non ci sarai. A nessuna uscita. A nessuna delle prossime riunioni.
Ed ecco che un turbinio di ricordi, di pensieri e di parole mi risuonano nella testa e nell'anima. Continuamente. Profondamente.
Provo a condividerli qui, nella speranza che funzioni come una valvola di sfogo...
Perché ho imparato a non vergognarmi troppo quando lo zaino si fa davvero pesante e mi mancano la forza o la salute per portarlo da solo.

In principio, per me, sei stato un istruttore.
Il mio primo istruttore quando, da allievo, ho seguito il Corso di Roccia.
Di te ricordo bene soprattutto la demo di arrampicata artificiale (con zaino in spalla!) sulle lisce pareti del Sasso Remenno.
Seduto sul prato, ti guardavo tra l'ammirato e l'estasiato, scoprendo trucchi e tecniche di progressione fino ad allora semplicemente impensabili...
L'anno scorso, ossia quindici anni dopo, ancora impressa nella memoria quell'immagine, avevo voluto - da direttore del corso di alpinismo - ripetere l'esperimento con il "mio" corso, con i "miei" allievi: tutti al Sasso Remenno a scoprire l'artificiale! E così, mi piace sorridere al pensiero che, per una sorta di "proprietà transitoria, abbinata a legge del contrappasso", tu - uno dei massimi sostenitori dell'arrampicata libera - continui a vivere oggi, attraverso quei tuoi insegnamenti del Remenno, in ogni cordino staffato delle nuove generazioni alpinistiche...

Poi sei stato anche un modello, un esempio da seguire.
In questo mondo affascinante in cui ero capitato, io ero come una falena attratta dalla luce. Ero il classico ex-allievo (avevo perfino il capello lungo), perdutamente rapito dal fascino della montagna; ero l'universitario fuori corso, un po' anche pseudo giornalista, ammaliato dal senso di "famiglia" che traspirava nei vostri rapporti interpersonali.
Di questo mondo io volevo fare parte, ma c'erano tuttavia - evidentemente - delle difficoltà: personaggi e istruttori che parevano "inarrivabili".
Quelli che "facevano il grado" e non lo nascondevano certo, quelli che aprivano vie e poi le raccontavano come imprese irripetibili, quelli che erano così forti che, non solo non ti portavano con te, ma neanche quasi ti consideravano... Tu no. Tu che eri comunque un validissimo istruttore, eri anche - ai miei occhi - un alpinista "normale" (almeno a quei tempi). E come il Carlo, come Guido, Umberto e pochi altri, magari poi facevi gli stessi gradi, magari salivi le stesse vie degli "inarrivabili", ma lo facevi quasi vergognandotene, senza darti importanza, senza pontificare le tue salite.
Non eri tra quelli che si rinchiudevano in un angolo a parlare con gli amici "già amici" ma davi a tutti la possibilità di avvicinarti. Di frequentarti, di conoscerti, perfino di arrampicare con te.
Per me, novellino dell'Alpe, sei stato anche questo: un esempio imitabile e "arrivabile", e per questo tanto più prezioso.
Perché se tanti sognavano Messner o Manolo... Il mio obiettivo era molto più realistico: io volevo diventare come te. Volevo solo stare con voi.
Ovviamente ho sempre saputo, dentro di me, che non sarei mai diventato forte e bravo come te. Ma mi piace pensare che quel senso di "serietà" misto a "leggerezza" con la quale hai sempre vissuto la montagna, sia oggi un po' anche il mio.

Infine sei stato un amico, Frank. Come dice Monica, è vero che le persone importanti della nostra vita hanno il potere di cambiarci e quindi di diventare un po’ “noi”, mentre noi diventiamo un po' "loro". E anche io, oggi, sono quello che sono perché ho dormito in branda accanto a te, ho arrampicato in cordata con te, ho fatto lunghi viaggi in macchina con te.
Se non fosse successo, se non ti avessi mai incontrato, oggi sarei una persona diversa.
Certamente non migliore di quella che sono.

"Insieme a Franco se ne va l'illusione che quello che facciamo e che poi insegniamo agli allievi, manovre e tecniche, ci possa mettere al riparo dai pericoli della montagna".
E' la frase che ho udito e che più mi ha colpito tra le tante degli scorsi giorni.
Sostanzialmente perché è vera. E' come se avessimo tutti quanti perduto, noi istruttori della "Silvio Saglio" - in un colpo solo - la nostra verginità di "alpinisti che tornano sempre a casa".
Quel sottile pensiero di invincibilità, dovuto al fatto di essere custodi di conoscenze e tecniche tali da renderci inattaccabili all'errore mortale, è svanito insieme a te.
Te che, più di tutti - ma di gran lunga - facevi della pratica della sicurezza la tua religione.
Noi sapevamo bene che l'immortalità era un'illusione. Ma era bello crederci.
Così viene da chiedersi se mai torneremo a essere come prima, se questo magone che tutti portiamo nel cuore un giorno finalmente svanirà.
Se gli occhi di Anita che mi guardano uscire dalla porta di casa con lo zaino torneranno mai a essere sereni.

La risposta che mi dò io è un semplice "no".
Andare in montagna non sarà mai più come prima. Fare una doppia su un cordino, come pure abbiamo già fatto tutti cento volte, non sarà mai più uguale a prima.
Ma continueremo a farlo. Perché lì ci porta la nostra comune passione. Perché così avresti fatto anche tu.
E continueremo a insegnare l'andare in montagna, perché così avresti fatto anche tu.
Lo faremo con ancora più attenzione, Frank. Questo te lo prometto, anche a nome di tutti noi istruttori.
Cercheremo di diventare bravi e precisi come te (nell'imbrago: mezza corda rossa a destra, la blu a sinistra... Così si intrecciano meno), perché questo ci hai insegnato.
Perché questo te lo dobbiamo.

Un ultimo abbraccio, a te, a Giulia e alla tua famiglia.
Mi resta solo da scoprire che foto era quella che ti ho regalato anni fa, e che ora tiene appesa in casa la tua mamma.
Non mi ricordo le vie che ho fatto, lo sai... Figurati se mi ricordo la foto. Dai che ti ho fatto ridere...

Max

24/3/2009 12:37:25 PM
Monica Ciao Franco.
E' pazzesco come il ricordo di te, porti il sorriso sulle labbra. E' sempre stata la tua forte caratteristica. Sorridere al mondo..
Ti stringo..

24/3/2009 10:13:26 AM
I tuoi nuovi "compaesani "di Baselga del Bondone Non ti abbiamo conosciuto, ma ora sei tra noi, nel nostro piccolo "giardino del paradiso", abbracciato dalle montagne che tanto amavi, ma anche dal nostro affetto: certamente non ti mancherà il nostro ricordo nella preghiera e un fiore di bosco o di campo.

24/3/2009 9:01:20 AM
LaManu La presa d’argento

Novembre 2006, ponte dei santi. Milano, Ananas, Galbiate. Il Panta e’ il Panta e scherza anche questa mattina. Poi ferma la macchina e serio mi dice, oggi ti affido al migliore degli istruttori di arrampicata della scuola. Vedi di non farmi fare brutta figura. Cuore che batte. Tirello facile, tirello sempre piu’ difficile, e tu ti scusi mille volte ma sorridi e poi ridi perche’ alla fine ce l’hai fatta a farmi provare l’improbabile, a farmi tonnare su degli “appigli molecolari” che ancora oggi mi chiedo che significato avessero, e a farmi volare volarelungo su quel tiro che dicevi avrei chiuso sicuramente. Cuore che batte. manu, dai che ce la fai, piede li, mano la,manu dai che ci sei, come fosse una canzone. …”lo dicono tutti, col Rainoldi che ti teleguida, puoi chiudere tiri che non pensavi”…E poi LaManu non ce la faceva neppure a reggere una birra a fine serata. Quella sera ho pensato fossi un anima gentile e sicuramente uno splendido insegnante.
Lunedi’. Sussulto. Ricordi. Cuore che batte. Eccoti qua. Quando la luce bianca mi riempie gli occhi la mattina in questa parte del mondo, d’ora in poi avro’ anche il tuo sorriso a farli inumidire. Grazie e arrivederci.


23/3/2009 8:40:38 PM
Angela "Angy" D. Ti ricorderò sempre, come un anno fa, quando ad ogni attimo di mia esitazione, dalla sosta a voce alta mi dicevi:

"Ricordati il nome della via!"

Era "L'essenziale è invisibile agli occhi".

Ed ora, tu, così... visibile al cuore e alla ragione.

23/3/2009 8:04:07 PM
TT Solo oggi scopro ciò che ti è successo.
Fatico a respirare, Franco.
Mi è difficile, non ce la faccio.
Ora io non ce la faccio.
Mi sa che mi calo, è meglio così.
Ci provo un'altra volta ad affrontare questo tiro, ad attaccare questa via.
Sai cos'è? è uno di quei giorni in cui tutto sembra difficie.
Quante volte è capitato, ricordi?
Tu mi cazziavi, mi dicevi "la montagna è tua amica", eppure io non ce la facevo.
Inutile stare qui a insistere.
Le cose semplicemente accadono.
Però che fatica...







23/3/2009 7:18:33 PM
O. ...Ovunque sei
Se ascolterai
Accanto a te
Mi rivedrai
E troverai
Un po’ di me....



si mi hai portato via un pezzo di cuore lasciandomene un po' del tuo..lo so.... lo sento...e gia' ti vedo mentre sei li' ad organizzare nuove cose... a "scombinare" tutto e tutti...ho "dimenticato" di dirti che sei un essere meravigliosamente speciale..mi unisco al coro ....Ale' Frank


23/3/2009 7:11:26 PM
Jacopo (cdr 2008) Franco, ti ho conosciuto pochissimo, quel che basta per intuire simpatia, serietà e amore per la montagna(e per un disegno).
Che tu possa continuare a salire anche dove sei ora.


23/3/2009 7:00:43 PM
C ciao franco mi manchi

23/3/2009 6:29:44 PM
Marco C. L'ultima volta che ci siamo incrociati mi hai fatto una delle tue incredibili menate su come non riuscivi a trovare un tappo giusto per il lavandino o la doccia non so più...ma adesso non posso più chiedertelo.

Per te ero uno forte ma quello veramente forte eri tu.

Prendi tira e vai a quella dopo

ciao

Marco

23/3/2009 4:29:46 PM
Mscl07

... e un giorno, alzando gli occhi al cielo, ti vedremo arrampicare sulle nuvole...

G.

23/3/2009 1:43:20 PM
XXX Ciao, a ben rivederci.

23/3/2009 1:36:57 PM
Stefania e Eugenio Con Franco non abbiamo mai "scalato",perchè,amici dei suoi genitori,l'abbiamo conosciuto ancora bambino.Ma siamo stati anche noi in montagna con lui,in vacanza con la sua famiglia e tanti amici.
Ed era già un "personaggio":simpatico,deciso,sicuro,a volte caparbio nel portare avanti le sue istanze e le sue convinzioni.
Probabilmente ha cominciato allora ad amare la montagna.
Oggi è il giorno della sua sepoltura.Il nostro pensiero va ai suoi genitori che lo hanno amato tanto,ma proprio
tanto,fino alla fine e per questo hanno accettato di seppellirlo tra le montagne che tanto amava,pur se lontano da loro;certi dell'Amore di Dio che abbraccia Franco ,sostiene il loro dolore e impedisce la disperazione.

23/3/2009 1:33:43 PM
Jurgen Ci siamo conosciuti su una sosta in Medale. Dopo cinque minuti già mi gridavi "Alè non mollare".

Ci siamo ritrovati in palestra. Quando ti parlavo dei progetti per le vie da fare il sabato mi davi sempre almeno un paio di dritte...le avevi già fatte tutte!
Provvidenziale quella per Oceano Irrazionale: "all'uscita della tromba, quando sei nei casini, guarda bene che c'è un fungo di roccia, ci puoi mettere un cordino". Ero nei casini, ho fatto come mi hai detto. Per ringraziarti ti avevo promesso una birra che non sono mai riuscito ad offrirti.

Purtoppo non ci siamo mai legati insieme...

Alè Franco, alè...

23/3/2009 11:24:47 AM
Don Raimondo Nkindji S. Ciao Franco!

Nella tradizione di spiritualità cristiana la montagna ha sempre rappresentato la vicinanza a Dio. Per questo molti monasteri e chiese sono eretti in cima a montagne e monti. Forse la tua passione per la montagna era anche un tuo modo di cercare quel Padre della vita. La tua vita, caduta da quella montagna, possa ora essere accolta nelle braccia misericodiose di Lui ed innalzata a pienezza!!!
E da là sù, ottieni ai tuoi la forza di vivere il tuo vuoto nella fede, con fiducia e speranza di rivederti un giorno!
Buona salita in cima alla vita, Franco!!!

23/3/2009 11:01:29 AM
Marina Pocar E’ stato un enorme piacere e una gran fortuna aver avuto la possibilità di legarmi con te alla stessa corda.
Grazie e Alè Franco!


23/3/2009 9:20:54 AM
CL1 Ciao Franco
Ti scrivo queste parole mentre ascolto “un senso” di Vasco…certamente la conosci.
Hai sempre cercato nelle cose, nelle persone e in te stesso
l’eccezionalità del bianco e del nero fuggendo l’ovvietà e la banalità
del molto più comodo e rassicurante grigio.
Un uomo così non può camminare in pianura,
non può morire in pantofole ascoltando Costanzo…
Beh a un certo punto ho pensato che tu non potessi morire proprio per nulla, voglio dire
non avevi più niente di aggiustato e tu li ancora a lottare per due giorni e due notti, con le lacrime che ti rigavano le tempie, respiro dopo respiro, battito dopo battito….
Mi sono sempre chiesto cosa ti dicesse il tuo cervello in quelle durissime e lunghissime ore…..
Ora lo so, quatto parole…:”Stai sereno Frenk…respira”.

Ho arrampicato una sola volta in vita mia, ero con te:
eravamo a Civate, mi hai portato a fare una roba da dilettanti perché io ero veramente impedito.
Ad un certo punto mi dici: “davanti a te a destra c’è un appiglio comodo, attaccati li e tirati su”.
Ho guardato bene, c’era una cosa che io considero poco più di un sassolino…
ti ho mandato a quel paese e tu mi hai issato con le corde.
Tornando a casa mi hai fatto stare bene…era una cosa che sapevi far bene.
Ci rivedremo, ho qualcosa da dirti.


22/3/2009 10:10:35 PM
Corso SA1 2009 Dom 22-03-09
ciao Franco, la cima di oggi è dedicata a tè

un'abbraccio
A

22/3/2009 8:43:41 PM
Alberto Lella Sara Stefania Luca e Cinzia Come saluto e ricordo per Franco,che abbiamo conosciuto fin da piccolo, a giorni verrà piantato un albero in Tibet a 3000 mt con il nome FRANCO RAINOLDI e crescerà là in alto dove LUI amava arrivare. Ti ricorderemo per sempre.

22/3/2009 8:20:23 PM
Suor Chiara Daniela (1956-1998) O Eternità!
O Mistero di Vita!
O Dio e Signore!
Mio desiderio,
mio infinito!
Mia pienezza di Vita!
Porta con Te,
oltre i monti e ogni sguardo,
oltre il finito dell'uomo
e il limite del mondo,
porta con Te
il mio desiderio,
il mio cuore,
la mia vita,
in un tuffo di luce,
di pace e di gioia!
(7 ottobre 1987)

Tratta dalle preghiere/poesie di Suor Chiara Daniela (Monaca Clarissa) amica dei familiari di Franco, morta a 42 anni nel monastero S. Erminio di Perugia


22/3/2009 7:21:50 PM
claudio m. non ci vedevamo ormai da 24 anni....dopo il diploma alle superiori... ma vedo, da tutti i commenti qui sotto, che il suo carattere aperto e gioioso lo ha accompagnato per tutta la vita.

il Franco che ammiravo per la sua capacità di comprensione degli altri e la voglia di stare "insieme" rivive improvvisamente in me.

ed ecco quel che siamo: quello che trasmettiamo e lasciamo agli altri, quel che di unico ed irripetibile che ognuno di noi ha.

arrivederci Franco....ad ogni volta che penserò a cosa significa amicizia e sorridire spontaneamente della bellezza delle cose.

alè!

22/3/2009 3:24:09 PM
angela ciao Franco, hai scalato la tua vita e sei caduto fra le braccia del Padre della Vita...

22/3/2009 2:46:16 PM
Chiara Ciao Franco, ho avuto il piacere di arrampicare con te sulle montagne più belle, le dolomiti...ma quante "menate" mi hai fatto x aver tirato 1 vecchio chiodo.....
e dopo tanta fatica ci siam sbaffati la tua macedonia in latta...
Che bei momenti....grazie x ogni tuo sorriso!



22/3/2009 1:48:50 PM
laura ciao "maestro",

mercoledì ti ho salutato davanti al più bel tramonto del mondo sull'oceano pacifico. eri lì con me.

ti stringo ancora in quell'abbraccio che mi hai regalato ai piedi del medale un paio di mesi fa e mi ripeto come un mantra le tue parole di allora: "piangi tutte le tue lacrime... e poi avanti!". credo che sia quello che vorresti da noi oggi.

grazie,

laura - quella che quando scala sembra che non veda l'ora di scendere... ;-)




22/3/2009 1:35:29 PM
D. ...ed è per questo che sono qui davanti perchè mi viene più facile cantarti una canzone, magari che la sentano i muri e le persone piuttosto che telefonarti dirti faccia a faccia.....
......io sono qui davanti e ti chiedo un sorriso,affacciati alla finestra amore mio.Affacciati al balcone, rispondimi al citofono.....
.....ed io lo so che ogni volta che mi affaccerò ad un balcone di qualsiasi montagna tu sarai li a "cantarmi"uno dei tuoi amati ritornelli.

Franco sia sempre con te pace ed amore.

22/3/2009 1:14:38 PM
MARIO Voglio salutare Frenk con un ricordo che conserverò nel cuore. Era una sera d’estate ed eravamo insieme al Nibbio. Venne a piovere, un diluvio di agosto, di quelli con i nuvoloni neri che fanno diventare tutto buio. Tutti iniziarono concitatamente a chiudere gli zaini e a scappare via sotto l'acqua. Io e Frank ci guardammo, ridemmo di gioia, e ci buttammo su per la fessura degli Antenati, a sfruttare quell'angolo asciutto nel mezzo dell'acquazzone. Tutti ci guardavano come dei matti, ma noi ridevamo mentre scalavamo, e giocavamo a raggiungere il cielo.
Voglio ricordare Frenk così, con quel sorriso che esprimeva una gioia infinita e con quegli occhi sempre pronti a stupirsi e a brillare alla vista del sole, della roccia, del cielo.
Grazie Frenk, grazie di cuore.


22/3/2009 12:55:54 PM
laura dopo qualche volta che ci vedevamo in palestra ci siamo presentati...rivedendoci non ricordavo il tuo nome e tu mi hai detto "laura, pensa a petrarca e ti ricorderai.."
non l'ho più scordato e non dimenticherò mai il tuo viso e il tuo modo di essere, sempre così gentile..

"alè!"

21/3/2009 11:22:18 PM
pietro sono il figlio della donna di franco...
ho 20 anni e lo conosco da quando ero ancora in pancia di mia madre...
posso dirvi che oltre che un eccellente istruttore e arrampicatore è stato x me il miglior padrino...
mi è stato vicino nei momenti belli e difficili come semplicemente solo lui poteva fare...

ora vive in noi, nel nostro cuore e nei nostri ricordi, se n è andato in paradiso passando gli ultimi momenti in vita nel suo paradiso...

in ogni parete che ora arrampicherete ricordatevi di lui perchè lui sarà con voi su ogni montagna perchè appartiene a questo...

21/3/2009 9:23:39 PM
andrea ciao Franco, ti conobbi qualche anno fa ad Anzio quando sei venuto con Giacomo e ragazze ad arrampicare sulle falesie del Lazio del sud: mi ricordo le belle serate, i racconti delle tue avventure in montagna, il tuo incitamento quando siamo andati insieme a Sperlonga ad arrampicare. Dopo quel momento non ho avuto più il piacere di incontrarti, ma Giacomo ha continuato a parlarmi di te, delle tue salite, delle vostre salite. E' stato un piacere conoscerti, ciao Franco.

21/3/2009 2:33:45 PM
crisalide A te che io
Ti ho visto piangere nella mia mano
Fragile che potevo ucciderti
Stringendoti un po’
E poi ti ho visto
Con la forza di un aeroplano
Prendere in mano la tua vita
E trascinarla in salvo
A te che mi hai insegnato i sogni
E l’arte dell’avventura
"A te che credi nel coraggio
E anche nella paura
A te che sei la miglior cosa
Che mi sia successa
A te che cambi tutti i giorni
E resti sempre la stesso
A te che sei
Semplicemente sei
Sostanza dei giorni miei
Sostanza dei sogni miei
A te che sei
Essenzialmente sei
Sostanza dei sogni miei
Sostanza dei giorni miei
A te che non ti piaci mai
E sei una meraviglia
Le forze della natura si concentrano in te
Che sei una roccia sei una pianta sei un uragano
Sei l’orizzonte che mi accoglie quando mi allontano
A te che sei l’unica AMICO
Che io posso avere ..."

....Bisognerebbe ascoltare piu' spesso Lorenzo mi dicevi....hai ragione campione...parlava di te...grazie per avermi regalato quello che sei...ora ho qualcosa che mi permette di non impazzire per il vuoto che mi hai lasciato...un bacio grande come lo eri TU...ciao Frank

21/3/2009 8:45:31 AM
Quando la disperazione del mondo mi cresce dentro/
mi vado a sdraiare dove l'anitra si posa sull'acqua in tutta la sua bellezza/
e lo splendido airone si specchia/
e lì trovo la pace delle cose selvatiche che non hanno tensioni nella vita pensando al dolore che verrà/
mi fermo davanti alle acque tranquille e sento sopra le stelle che attendono l'oscurità per poter risplendere/
e in quei momenti io riposo nella pace/
amo il mondo/
e sono libero.


21/3/2009 8:16:00 AM
Marta, sorella del PANTA Sempre in punta di piedi ho conosciuti i fratelli di arrampicata di Max, mi hanno accolta come una di loro, con te ed altri ho condiviso qualche pseudo arrampicata...ma è meglio far proseguire Max in questo sport...
Di te il soprannome "Menata" e mi chiedevo perchè...
Di te le prese in giro per come facevo ad essere la ragazza di Mitch.
DIO ci ha donato la memoria per custodire i ricordi, sarai presente in ognuno di noi e ora sarai tu che guiderai i fratelli di arrampicata dalla cima più alta.

Ciao Menata

20/3/2009 10:53:53 PM
Tata Che rabbia! Non è possibile.
Tantissimi ricordi di anni vissuti in Sem, nella dimensione verticale, con intensità fortissima e indelebile.
Non ti ho mai ringraziato per la tua davvero rara generosità, quella generosità di cuore, che ti portava a far felice il gruppo attorno a te, ancora prima di pensare a te stesso.
In cordata con te ho fatto una delle vie più lunghe (sulla Sciora Dafora) che mi ricordi, era interminabile e non ho mai fatto così tante doppie in vita mia!
Sono ancora grata per avermi portato, era una cordata a tre...e questo non era certamente un vantaggio.
Mi ricordo il tempo perfetto, di quelle giornate estive che le montagne ti accarezzano, l’avvicinamento, la notte nel sacco a pelo sotto le stelle, pronti a guizzare con le prime luci del mattino per attaccare la parete (non ho mai capito o non mi ricordo, che caspita di casino era successo con il rifugista! per non andare a dormire in rifugio? Che bello dormire all’aperto!)
Tante altre avventure : il Picco Luigi Amedeo, l’Aiguille Dibona, …
Ho sempre avuto una grandissima ammirazione per la tua preparazione tecnica e fisica, tra i vari flash mi ricordo… tu che scalavi con l’Umberto la Messner sulle Torri del Sella, che spettacolo! Eravate vicino alla via che stavo scalando (che invece non mi ricordo).
In falesia, ho visto le più mirabolanti pose e tenute all’incitamento corale di “alè Franco”!!
E in tutte le uscite dei corsi quante risate!
Ciao Franco, grazie, ti ho voluto bene anch'io come tutti e ti porto sempre con me.


20/3/2009 10:49:20 PM
Andrea non ho avuto la fortuna di conoscerti bene.
mi avevi chiesto se fossi già stato da quelle parti, e se avessi voluto venire anch'io, quel weekend.
non sono venuto... non ho avuto modo di conoscerti...
ciao Franco

20/3/2009 9:37:11 PM
Q. Ciao Franco
è anche grazie a quel giorno a Traversella dove, tu con gli scarponi da ghiaccio, mi incitavi sul famigerato tiro della betulla; è li che mi hai iniziato alle barrette energetiche e alla scalata.
E' stato un privilegio essere legato a te, anche se per così poco tempo...

20/3/2009 9:20:44 PM
Luigi - Gigi Chi se ne va in realtà non ci lascia mai soli.
In qualche modo rimane qui con noi.
E a volte può capitare di sentirne ancora la risata, quella risata. Solo lui rideva in quel modo.
Lui che amava la vita, l'aria fresca sul viso, il sole cocente, il silenzio che solo i monti ti sanno dare.
Ora quel silenzio lo avvolge, quella pace gli dona riposo.......

Ciao Frenk

20/3/2009 8:50:57 PM
Marco Per me, rimarrai sempre l'icona dell'accoglienza e della tenacia, della precisione e della forza...ma più di tutto so che eri un amico. Un icredibile amico, ci siamo capiti al volo e senza tante di parole stavamo bene insieme, c'era una sintonia naturale.

Eravamo legati assieme quando ti sei fatto male al ginocchio in grigna, sei voluto scendere a piedi fino alla macchina....ti ho medicato il graffio alla tibia ho dovuto incazzarmi per farmi dare lo zaino un pezzo...
E a fine corso ricorderò sempre che mi hai detto, con il tuo sguardo diritto e sorridente: sarebbe un peccato perderla dottore, si faccia vivo ogni tanto....


grazie Frenk, il vuoto che mi lasci dentro è grande come quello del tuo volo....

alla prossima!

20/3/2009 8:19:37 PM
Manu Dieci anni fa eravamo insieme alla Sbarua e tu mi iniziavi alla mia prima via di roccia, trasmettendomi il tuo entusiasmo e un grande senso di sicurezza. Mi affacciavo, allora, al mondo dell'alpinismo, tanto amato quanto sofferto. Di quel momento mi rimangono lucidamente impressi il tuo sorriso e la tua sensibilità che, più di ogni altra cosa, ti hanno sempre contraddistinto.
Ti ricordo con grande affetto
Manu

20/3/2009 8:02:47 PM
Lùis Un pezzo di me n'è andato per sempre con te Franco.
Vorrei che un abbraccio forte come quello che si da ad un amico, per una gioia o per un dolore vissuto insieme, ti accompagni in queso viaggio. Quest'uomo senza Dio che ti parla spera per te in un risveglio, in un nuovo mattino, anche se lontano da noi.
Mi unisco al dolore della tua amata, dei tuoi cari sperando che queste poche righe, anche in futuro, possano essere una carezza e un conforto per chi ha perso così tanto. Luigi.

20/3/2009 7:57:46 PM
Franci Rocca Sbarua ’06: Io e Gigi arrampicavamo sulla via dei Morbegnesi, tu e Cinzia su una molto più difficile lì a fianco. Ti guardavo e dicevo: ma quello come fa???
In cima con un sorriso enorme mi hai detto che non avevi fatto niente di che.
Non sono tante le persone così abili in montagna, e ancora meno quelle che uniscono un grande entusiasmo ad un’immensa umiltà e gentilezza.

Buona scalata Franco,

FRANCI


20/3/2009 7:46:21 PM
Alice Mi hai dedicato una cascata senza neppure cososcermi, solo perche' mia mamma ti ha detto che stavo male da un po'...Grazie anche se te lo dico tardi, o forse no!!
Ps salutami il mio nonno

20/3/2009 6:39:37 PM
John Ti ho conosciuto solo nel 2003, ma quanti bei ricordi da allora.
L'unica volta che ci siamo legati insieme è stato al San Vittore con Fede e Luca. Ce l'ho messa proprio tutta nel disgaggiare l'unico metro buono di roccia che c'era. Dopo esserci calati ti sei preso tutte le colpe dicendo che con un freddo così non si poteva scegliere quel posto. Che dire dell'incredibile sensibilità che hai sempre dimostrato.
Ricordo "sbaraccate" in Valle dei Mulini, a Cornalba e al Sengio Rosso dove fosti battezzato "Casco Giallo". Mitico "Casco Giallo", unico falesista a provare un 7c con un elmetto da cascata.
E che dire della tua presenza all'ultimo corso di roccia, quante telefonate. Presente sempre con il solito entusiasmo, la battuta pronta per i momenti di sconforto dell'allievo e la grande competenza, presente sempre anche se ad inizio corso dicesti "solo un'uscita".
E quest'anno che ce l'avevamo fatta ad appiopparti la lezione di storia dell'alpinismo con Aurelio? Che bella riunione quella, con te che accusavi tutti di volertelo mettermelo nel... si insomma, ci siamo capiti.
Così quando un mese fa ho ricevuto un tuo sms che diceva "Consideratemi solo per la Grignetta" sorridendo, ho pensato "Si si, ci vediamo alle Placchette di San Martino".
Invece...

Invece mi manchi Frank e mi mancherai moltissimo....

Arrivederci mitico Casco Giallo

20/3/2009 6:29:53 PM
Monica Viziano Quello che provo x Franco l'ho gia detto agli amici in modo piu' intimo... voglio xo' usare questo forum per cercare di consolare una zia che ho saputo e' disperata x aver spinto Franco verso le montagne. Cara Signora, si disperi x' Franco non e' piu' con noi, ma non per aver fatto a Franco uno dei regali piu' belli della sua breve vita. La montagna ha sempre reso Franco felice. Franco, come molti, era anche un anima sensibile, sofferente e spesso tormentata. Pero' in montagna e' stempre stato felice. Lei Signora le ha regalato questa felicita'. La montagna ha sempre regalato a Franco pace e serenita'. Attaverso il suo dono, ci ha regalato l'amicizia di Franco. La montagna, gli amici che ha incontrato attraverso la montagna hanno fatto di Franco cio' che era e che abbiamo amato. Di tutto questo Lei, deve solo esserne orgogliosa. Vorrei essere li e anche se non la conosco abbracciarla.

Monica

20/3/2009 6:22:18 PM
Magda Diverso da tutti gli altri, mi ha colpito il tuo viso aperto,il sorriso,la figura e l'aria da ragazzino spensierato.
Mi sembra assurdo che tu possa essertene andato così...

20/3/2009 6:15:31 PM
Davide Per me sei stato e sarai sempre un esempio da seguire.
Non ti dimenticherò.
Ciao Frenk

20/3/2009 6:12:21 PM
Ivan (Raskia) Franco!
Se penso a Giulia, ai tuoi genitori, a tuo fratello e sorella mi viene da piangere, perché non riesco a trovare parole di conforto.
Se penso a me, invece, mi viene fin anche da sorridere, per gli innumerevoli bei momenti passati insieme. Fino all'ultimo istante.
Così diversi, così in sintonia, siamo stati indubbiamente una delle cordate più inusuali che io abbia mai visto. Bandita la parola "competizione", ci siamo assunti tacitamente ognuno il ruolo che più piaceva, dando libero sfogo al divertimento fine a se stesso.
Di te mi rimane qualche foto ed un mucchio di ricordi di momenti felici.
E di questo non posso che dirti grazie, grazie e grazie.
Ivan

PS: in effetti, nello zaino mi è rimasto anche il tuo libro "Pareti del Sarca", ma sono sicuro che comprenderai ...





20/3/2009 5:55:09 PM
vale Con te ho fatto per la prima volta una via di più tiri...grazie per tutto quello che mi hai insegnato e per i bei momenti passati insieme.

20/3/2009 5:34:00 PM
Annapaola Ciao Franco. Mi mancherà il tuo umorismo, la tua ironia, la tua sensibilità speciale, la tua generosità, il tuo sorriso, i tuoi occhi intelligenti. L'ultima volta ci siamo parlati a lungo un pò seri e un pò ridendo sugli affetti e sugli amori. Tu "Franco Menata" la persona più prudente: ti ricordo a Campiglio a controllare il materiale del Raskia e a scartarlo tutto. Tu che non hai mancato un anno di telefonare per festeggiare con me e Ivan l'anniversario di nozze ... tranne quest'anno. Sei un anima bella, ti voglio bene.

20/3/2009 5:30:56 PM
gigio ricordo

una sveglia in tenda di diversi anni fa, ad orari improponibili, agevolata dall'unz unz della tua autoradio (i mitici scooter)
quando in preda alla consueta iperattività preparavi il tè per tutti prima di partire per la tete d'aval (che se aspettavi noi, avoja a che ora avremmo attaccato)
alla sera non si riusciva manco a mazzate a strapparti di mano le stoviglie da lavare
gli aperitivi intelligenti, le varianti astute

e tanto altro
ciao frenk


20/3/2009 5:19:13 PM
sandra "Franco chi?"
"L'uomo menata"
perdonami ... quando ho saputo dell'incidente non ricordavo il tuo nome. Tu per me sei sempre stato il supergiovane e l'uomo menata .
E' passato tanto tempo ma non posso dimenticare quei momenti spensierati ... quando sapevo davvero ridere di gusto

in silenzio ho sperato fino all'ultimo

Ogni fine segna un grande inizio ...
ale' Franco!

20/3/2009 5:05:41 PM
subdir avevo scambiato il saluto veloce di giovedì sera in palestra per l'inizio di un dialogo... non so se mi avevi riconosciuto... al corso, sette anni fa, non avevamo scalato insieme... ma io mi ricordavo e ti ricorderò sempre... ciao Franco

20/3/2009 4:17:51 PM
Cinzia E son qui, e ti penso, piango, sorrido, e piango.
Così come viverti, un oscillare di entusiasmi,
malinconie, ricordi, pensieri.
Ho ancora tanto bene da volerti.


20/3/2009 3:55:13 PM
Paoletto Mi dispiace non averti conosciuto perchè dovevi essere uno veramente in gamba. Ciao Paoletto

20/3/2009 3:52:22 PM
Naso Ciao Franco
non ti vedevo da tanto tempo ma sei sempre stato vivo dentro me. Mi ricordo il nostro ultimo incontro al funerale di mio padre e mi sembra assurdo adesso non poterti più vedere di persona. Sei adesso con la tua passione e la tua vita, la montagna. Che ti possa custodire e un arrivederci.

Andrea

20/3/2009 3:37:28 PM
Guido Toso In una giornata del CDR2006 mi hai scarrozzato per mezza grignetta in quella che é stata una delle piú intense e felici giornate di scalata della mia vita.

Ti vedevo salire sul tiro duro della Gandini con uno Zaino gigante e per me eri un superuomo.
Quando te l'ho detto, con la tua smisurata umiltá mi hai fatto capire che non esistono superuomini, ma solo uomini che ci credono di brutto, che la scalata non si improvvisa e che richiede grande serietà e volontà.

Devo dire che è molto difficile trovare qualcuno che testimoni queste cose quanto te.
Ancora piú raro qualcuno che a questo aggiunga una generositá incredibile.
Praticamente impossibile se é anche capace di farti letteralmente spaccare in due dalle risate.

...Enorme...

Ciao e Grazie

20/3/2009 3:18:47 PM
marco Rappresentavi la passione per la montagna, l’entusiasmo per la scalata…
Star con te era come essere già a metà via!

Ciao Frank


20/3/2009 3:13:55 PM
Sergio Cingolani - Garibaldi Caspita Franco
quanti momenti passati insieme, ormai tanti anni fa. Ma ancora qualche incontro sporadico più recente, sempre nel clima di una schietta amicizia.
Mi ricorderò sempre della tua umiltà che nascondeva un profondo rispetto per gli altri e la potenza del tuo corpo espresso con naturalezze e senza forzatura.
Lo spirito di questa antica amicizia rieccheggerà ancora sui mie passi in montagna. Ciao

20/3/2009 3:11:00 PM
renata Ciao Franco,
al contrario di molti, con te ho condiviso lunghe chiacchierate di montagna & di vita, di neve, ciaspole e sci, sguardi ed abbracci che parlavano da soli... ricordo anche una passeggiata con martina ancora piccola al cospetto del Monte Bianco, prima di quelche tua impresa...e forse, al di là di tutto, una forte intesa.
Grazie anche per questo.

20/3/2009 3:01:30 PM
Cristiano (CdR 2006) Ci siamo conosciuti poco, ma è bastato a trasmettermi tutta la tua umanità e ironia, allegria ed entusiasmo.
Ti ricorderò sempre, felice sulle tue cime.


20/3/2009 2:52:19 PM
patrizia un incontro troppo breve il nostro ma che ha lasciato un segno indelebile nella mia anima....un amico sincero non basta a far capire chi eri....uno che andava oltre le parole e sapeva leggere nel cuore delle persone...grazie Franco della tua testimonianza ti ricorderò per sempre e quando avrò paura penserò al tuo coraggio....

20/3/2009 1:31:58 PM
kata Rei : Gentile Cortesia

I samurai non hano motivi per comportarsi in maniera crudele,non hanno bisogno di mostrare la propria forza.Un samurai è gentile anche con i nemici.senza tale dimostrazione di rispetto esteriore un uomo è poco più di un animale.Il samurai è rispetto non solo per la sua forza in bataglia ma anche per come interagisce con gli altri uomini.(IV principio del Bushidò,La Via del Gueriero)


Rimani per sempre.

20/3/2009 1:17:59 PM
Max Torta siamo all'attacco, parete nord del Pizzo d'Uccello, mi stringi la mano... "buona scalata"... ti stai calando, ti fermi, attento e generoso come sempre, per vedere se ho difficoltà sull'ultimo tratto di Glacier... in mezzo tanti viaggi, scalate, parole, risate... mille ricordi che ora mi annegano gli occhi...
libero arbitrio Frenk
addio e grazie...

20/3/2009 1:15:00 PM
Pier Luca CDR 2004: in un solo giorno tutta la grignetta, o quasi...
Ciao Frenk!


20/3/2009 12:20:08 PM
M.R. FRANCO VIVE PER SEMPRE TRA LE NUVOLE CHE AVVOLGONO LE CIME, SULLE ALI DELLE AQUILE CHE SFIDANO LE CORRENTI, NELL'ALITO DI VENTO CHE SOFFIA TRA LE GOLE....NEL TUO CUORE... E DI TUTTI QUELLI CHE GLI HANNO VOLUTO BENE!

FRANCO E' VIVO!!!!

20/3/2009 11:43:13 AM
Alessio Grazie di tutto...

per i consigli sulla roccia durante il corso, per la gentilezza e la precisione con cui mi hai descritto la via al pizzo d'Uccello "attento a quel chiodo", "occhio ai sassi a quella sosta...", ma soprattutto grazie per il tuo sorriso indimenticabile... una lezione di vita!


Ciao Frank!

20/3/2009 11:34:53 AM
Fabri Caro Frank,
in questi giorni la palestra del way-out risuona di uno strano vuoto. La tua mancanza si sente, le pareti e le prese artificili non sono più come prima. La tua voce, il tuo sorriso ed il tuo grido "Alè" non c'è più.
Varie volte mentre ci si allenava, ci siam detti facciamo una via insieme fuori dalla palestra, falesia o alpinisitica che sia ... ma il tempo è sempre volato via, tra impegni ed incombenze familiari. Rimpiango oggi di non averlo fatto, di non aver meglio conosciuto un compagno di allenamento che sicuramente meritava e che praticava l'arrampicata, come me, con così tanto entusiasmo e da moltissimi anni.
Giovedì è stato l'ultimo girno che mi hai parlato ... non riesco ancora a credere che mi hai fatto questo tiro !
Alè Frank

20/3/2009 11:26:01 AM
Marco Rappresentavi la passione per la montagna, l’entusiasmo per la scalata…
Star con te era come essere già a metà via!

Ciao Frank


20/3/2009 11:02:13 AM
veronica Moregallo, corso di roccia 2003

Il tuo sguardo sgomento di fronte alla logistica del mio zaino...

buon viaggio

20/3/2009 10:59:44 AM
Franz Ciao caro Frenk
Solo una settimana fa eri lì in palestra, con tutti noi, a scherzare e a prendere in giro bonariamente il mio goffo modo di tenere le prese, ma sempre pronto e attento a darmi il consiglio giusto, anche in falesia. Ricordi due settimane fa quando con Tommy siamo stati alle Torrette e mi hai "teleguidato" su quel tirello, decisamente "engaged" per me, ma "very easy" per te? Con la tua bravura e la tua professionalità riuscivi a fare apparire facili e semplici anche le cose più difficili. Ci mancherai tantissimo caro amico, mi mancherà il tuo sorriso e la tua allegria.
Un caldo abbraccio e, come dicevi sempre tu, alè Frenk

20/3/2009 10:51:22 AM
Alessandro (CdR 2003) Il ricordo di te vivrà sempre nei ns. cuori.

20/3/2009 10:48:44 AM
anna da debuttante assoluta al corso di roccia 06 neppure immaginavo si potessero fare le trazioni sulle dita appesi allo stipite della porta finchè non ho visto te…

mi sei sembrato inarrivabile, intoccabile, imparlabile…

finchè all’uscita a traversella durante la cena ci siamo chiacchierati, delle cose normali della vita, pudicamente di noi

null’altro ho più saputo di te, se non che la tua forza in parete è pari all’intensità del tuo sguardo buono


20/3/2009 10:39:23 AM
giovanna sei stato un compagno per molti; la cosa unica è che tutti ti hanno considerato un compagno speciale....
Ti ho conosciuto nell'anno più bello della mia vita, e non è un caso.
Resterai per sempre in questi miei ricordi

ti abbraccio, Franco..

20/3/2009 10:33:59 AM
Lara Dove abito adesso, la mia via porta il tuo nome. Così quando svolto e mi trovo di fronte l'indicazione sento un vuoto nello stomaco. Io non ti conosco bene nè ho mai arrampicato con te. Eri la cordata dopo di me in due occasioni e in sosta mi ricordo di aver riso. Poi, quando ripartivo, tu eri comunque più veloce di me da seconda, e alla fine, si può dire che abbiamo anche arrampicato insieme. Nelle mie cadute mi dicevi di crederci di più, durante gli sforzi mi dicevi di respirare. E a me pareva di riuscirci ma no. Non si fa così, quando scendiamo ti insegno. Perchè il segreto è quello. Non quanti muscoli hai o con quanta forza ti tieni. Se non sai respirare tutto è vano. E poi la dieta. Non ci provo neppure Franco. Non saprei rinunciare ad un bicchiere di vino, ad una fetta di Sacher. Non diventerò una climber forte. Ma posso dire di averne conosciuto uno. Grazie della disponibilità, grazie di avermi insegnato ciò che mi hai insegnato.

20/3/2009 9:58:20 AM
Luisa Ciao Franco
poche parole, e una sola giornata insieme sulla roccia, ma me la ricordo bene.
Grazie e stai bene

20/3/2009 9:49:16 AM
mamo Ne abbiamo parlato durante un avvicinamento, ricordi?
"Da bambino sognavo spesso i mostri... e riuscivo a fregarli, ma anche ora da grande qualche volta mi capita di sognarli... ma non riesco più a fregarli" Ammaniti, Io non ho paura

20/3/2009 4:16:39 AM
cange Ciao Frank da lassù ricorderai certamente ogni piccola cosa,ogni faccia insignificante, ogni sorriso che hai incorciato in questi anni, ogno parete arrampicata e ogni presa mancata. Ti ho conosciuto in un solo piccolo momento della tua vita ma anche se per un breve tratto ci siamo sempre riconosciuti. Per quel che poco che vale, mi aggrego al dolore di tutti coloro che con te hanno vissuto davvero e ai quali ora rimane solo un immenso vuoto. Addio frank

19/3/2009 11:57:39 PM
tommaso Quando Lavi mi chiedeva preoccupata con chi avrei arrampicato, rispondevo sempre:
"Tranquilla, arrampico con il Reinoldi"
E lei stava tranquilla, perché sapeva che se arrampichi con Franco non può succederti nulla.


Alé Frank
Dai che è ancora un metro, alè!


19/3/2009 11:50:07 PM
Riba "Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marcia, chi non rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su bianco e i puntini sulle "i" piuttosto che un insieme di emozioni, proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno uno sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti all'errore e ai sentimenti.

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul lavoro, chi non rischia l'incertezza per la certezza, per inseguire un sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai consigli sensati. Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso. Muore lentamente chi distrugge l'amor proprio, chi non si lascia aiutare; chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.

Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.

Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità."

Un giorno ha aiutato te....ora spero aiuti me,
Ciao Frank e...passi brevi e centrali :)

19/3/2009 11:26:00 PM
Albe Distratto apro la mail, una delle tante.
L'ULTIMO VOLO.
E' fine giornata, sono stanco e sovrappensiero, non capisco, penso al sinistro nome (in un anno di corso ne ho sentiti di nomi assurdi che tutto può essere)di una nuova via aperta forse da qualche istruttore SEM e poi...

...succede tutto in un attimo.

Una foto a tutta pagina e uno sguardo che non si dimentica facilmente. Una doccia fredda, gelida come i torrenti di montagna.
Lo sguardo fisso nel tuo. Cinque minuti per rivivere un intero anno di corso.

Era il 2007, per la prima volta di fronte alla roccia e per la prima volta assieme in cordata.

grazie Frank!
Albe


19/3/2009 10:53:03 PM
Francesco & Daniela Ciao Franco,
sono passati cinque anni da quel bellissimo corso di roccia con te e tutti gli altri amici.
Ma la tua professionalità, la tua carica, la tua simpatia ed il tuo sorriso sono e rimarranno sempre nei nostri cuori!
Ciao.
Francesco & Daniela

19/3/2009 10:04:17 PM
MV Ti ho incrociato nel corso di roccia di due anni fa ... il tuo sorriso mi e' rimasto dentro, e il tuo sguardo cosi' sveglio pure. Bastava poco per capire che eri un grande ...

Ciao Frank, un abbraccio ...

19/3/2009 9:56:17 PM
Adria Ti avrò sempre davanti agli occhi così, con il tuo sorriso, le tue battute pronte, il tuo spirito vivo. Ci hai insegnato molto, Franco. Grazie di cuore.

19/3/2009 9:50:07 PM
Igor Davvero non mi vengono parole.
Affiorano i ricordi, ormai lontani del corso di roccia.
Tu ti avvicini la sera in rifugio per due chiacchiere con un'altro allievo, una nuova persona da conoscere; ero io.
Ricordo la tua simpatia, il tuo prendermi in giro per la barca a vela.

Ciao Franco

19/3/2009 9:47:51 PM
ErCapo "...Capo sono in menata..."
"...dai Frenk, domani andrà meglio!.."

Ma quale domani?
Siamo già abbastanza soli nella vita, ora lo siamo ancora di più.

Alè Frenk

19/3/2009 9:00:33 PM
davide Frank non c'è più.
Io non lo conoscevo bene, ma ho avuto il privilegio di arrampicare con lui. Ho avuto la fortuna di allestire con lui la mia prima sosta in via, di fare con lui le prime doppie in grignetta.
Sembra impossibile che se ne sia andato.
Sembra impossibile che non mi portà più ricordare che il nodo del cordino va sul ramo più corto, che bisogna controllare sempre di aver chiuso le ghiere..
Quello che è certo è che ha lasciato qualcosa a me e a tutte le persone che hanno potuto conoscerlo, anche solo per poco.

Di Franco rimane la meticolosità e l'ordine nelle manovre, rimane la continua ricerca di andare oltre il suo limite, senza però scordare mai la sicurezza.
Purtroppo questo non è bastato a far sì che anche lui rimanesse tra noi.

Di Franco rimane il sorriso, rimane lo "stai sereno!" con cui rassicurava un allievo in difficoltà, rimane l'ironia e la il saper sdrammatizzare ogni situazione.
Rimane la capacità di dare serenità a chi gli stava vicino.

Franco non c'è più, ma a chi l'ha conosciuto rimane l'eredità di un uomo che ha dato tanto per ciò che amava.
Rimangono i ricordi dei momenti passati con lui.
Rimangono le immagini del suo sorriso.
Rimangono le sue parole.

Ricordi, immagini e parole; e la certezza che non lasceremo svanire dai nostri cuori la memoria di Frank.

19/3/2009 8:48:15 PM
Francesca La prima volta che ricordo di averti visto io ero ad Arnad a scalare con Marcello. Tu stavi provando un tiro che mi sembrava durissimo (e probabilmente lo era!)
Ci siamo incrociati qualche volta in falesia, guardandoci in maniera interrogativa... "sei anche tu della SEM, vero?" mi hai chiesto una volta

Mi resta il rimpianto di non aver avuto la possibilità di conoscerti davvero.

Ciao, e buone scalate

19/3/2009 7:50:27 PM
kiara "...Ti faccio dei segni con la magnesite: un pallino dove puoi mettere la mano e una croce dove il sasso balla..."
...e poi in cima mi hai stretto la mano e mi hai fatto i complimenti con quel sorriso così spontaneo...

E' stata l'unica volta che abbiamo scalato insieme, ma mi è rimasta nel cuore!

Grazie Frenk!

19/3/2009 7:41:48 PM
Lorenz Ho molti piu' rimpianti che parole, caro Frank.

Mi rimangono piccoli ricordi che conservo nel cuore, il sorriso, i tuoi occhi, l'immancabile stretta di mano ogni volta che ci siamo salutati, quel viaggio di ritorno da Cogne con Giorgione

Addio Frank,
riposa in pace

19/3/2009 7:30:15 PM
G. Ho conosciuto Franco quasi venti anni fa giusti (giusti a settembre), lo intravidi più che conoscerlo ma, come a volte capita quella intraveduta mi rimase appiccicata. Rividi Franco un paio di anni più tardi a Finale, lui in compagnia di Carlo e Giorgio, io di Monica qui ci conoscemmo veramente e ricordo in particolare il suo slancio a disincastrare l’auto di Monica da me incidentata contro un muretto della pizzeria a Pianarella.
Da allora Franco è stato uno dei compagni cardine, quello che ci ha fatto scoprire le nostre pareti dietro casa, quello che, pur frenato dagli spettri dell’alpinismo eroico, aveva la passione più pura mantenuta anche in periodi oscuri di lontananza dalla scalata.
Poi è venuto il 1994 quando siamo entrati nella scuola, insieme... ed insieme a Giorgio Carlo ed Umberto: cinque nuovi moschett”on”ieri per il Corso di Roccia. Che anni di amicizia purissima, la linfa irruente della passione per l’attività scalatoria e quella didattica, la voglia si stare insieme, scalare, scoprire il mondo (specie quello verticale) e proporre questo stile di vita a chi volesse apprenderlo.

Il quegli anni Franco era “Supergiovane”:

Supergiovane salva il giovane, libera la giovane. Super, super supergiovane. Cantiamo la nostra gratitudine - gratitudine gratitudine a questo raro esempio di rettitudine perchè siamo una moltitudine.
Super, super, super, super, supergiovane.

Ed è rimasto così anche negli anni successivi, sempre avanti con i sogni che man mano trasformava in realtà, sempre con nuovi compagni che gli mantenessero alto il livello di entusiasmo, sempre pronto a mettersi a livelli inferiori rispetto alle sue capacità o alle sue ambizioni quando “gli diceva” di fare così: Supergiovane che salva il giovane e lo instrada verso un indirizzo di rettitudine dato dall’esempio.

Ma anche con le miccette sempre accese!:
sempre con una battuta prontissima e degna di un comico che recita a copione. Non ci si poteva credere...

Ma Franco come ogni Giovane che si rispetti era anche profondamente sofferente e perennemente in conflitto, il suo lato solare è ancor più apprezzabile se si tiene conto dello scontro che la sua anima ha sempre subito per ogni coinvolgimento a cui si è dato...

In questo ultimo periodo l’ho visto però veramente felice, felice a modo suo sempre con mille questioni da risolvere, ma molto felice, ed è così che il Supergiovane se ne deve andare...
ancora giovane, ancora supergiovane e felice

Super, super, super, super, supergiovane!

Fraternamente tuo Tarri.


19/3/2009 7:02:37 PM
Patrizia Ti ho visto poche volte: in modo ufficiale come istruttore del corso roccia e in modo fortuito, al ritorno da una via su un sentiero in Val D'Aosta, ognuno nella sua "cordata". Un sorriso, un saluto di quelli che ti riportano al senso del saluto in montagna.
Frammenti.... Sei stato una persona che ha lasciato qualcosa anche nel mio animo. Ciao.

19/3/2009 6:39:32 PM
michele grazie franco per quei pochi momenti che abbiamo passato insieme, perchè anche se sono stati pochi me li ricorderò per sempre!tu che portavi la gioia e l'esperienza quando arrampicavi.grazie

19/3/2009 6:33:34 PM
Caldo Uno si fa dei sogni, dei progetti, roba sua,
ma poi la vita non ci sta, e te li smonta in un attimo,
un secondo e tutto si disfa.

Buona scalata Franco.

19/3/2009 6:26:10 PM
Simone Sei quasi all’uscita del camino, ti giri verso me ed Ivan, noi alziamo la testa, tu sorridi e ci saluti con la mano.
Quell’ultimo saluto mi rassicura del fatto che sei andato via sereno e felice.

Alé Frank!



19/3/2009 6:23:02 PM
"occhibelli" cosi' come ti piaceva chiamarmi Quando l'amico vi confida il suo pensiero,
non negategli la vostra approvazione, né abbiate paura di contraddirlo.
E quando tace, il vostro cuore non smetta di ascoltare il suo cuore:
Nell'amicizia ogni pensiero, ogni desiderio, ogni attesa
nasce in silenzio e viene condiviso con inesprimibile gioia.
Quando vi separate dall'amico non rattristatevi:
La sua assenza può chiarirvi ciò che in lui più amate,
come allo scalatore la montagna è più chiara della pianura.
E non vi sia nell'amicizia altro scopo che l'approfondimento dello spirito.
Poiché l'amore che non cerca in tutti i modi lo schiudersi del proprio mistero
non è amore,
ma una rete lanciata in avanti e che afferra solo ciò che è vano.
"Gibran"

Sembra scritto per noi....GRAZIE Franco per quello che hai saputo darmi,insegnarmi e comprendere,GRAZIE per avermi dato la possibilita' di esserti amica.

Un abbraccio dal cuore a Giulia....non sei sola....
Mary

19/3/2009 6:14:57 PM
la nico Un altro pezzo d'anima se n'è andato.
Alé, Supergiovane, ovunque tu sia adesso.

19/3/2009 6:14:45 PM
andrea ...uan volta ti ho fatto sicura e quando sei sceso mi hai detto "la prossima volta faccio da solo!", però me l'hai detto sorridendo, ecco, cm mancherà il tuo sorriso.

19/3/2009 5:50:53 PM
giacomo galli quello che .. all’attacco della via ti strigeva la mano e ti diceva ‘buona scalata’
quello che .. se il tiro era difficile gli andava via la voce
quello che .. parcheggiava sempre al monumentale e faceva due passi fino al duomo
quello che .. il materiale deve essere sempre a posto
quello che ..solo due persone hanno letto tutti i libri di mio papà, uno è lui e l’altro non sono io
quello che .. ha inventato la trilogia
quello che .. il pilone centrale è solo un problema di abbigliamento
quello che .. scriveva ‘buona giornata’ negli sms
quello che .. c’erano solo le nostre corde sul Sasso Cavallo e poi la settimana dopo sulla Punta Allievi e quella ancora dopo sulla Sfinge e sul Cavalcorto. E solo le nostre impronte nella neve sulla cima del Badile a conclusione di quella stagione che ho sempre dichiarato irripetibile.
Ora so che è davvero irripetibile.
Addio compagno meraviglioso.



19/3/2009 5:05:10 PM
Il Micheletti se qui la trilogia non ti è mai riuscita (ma ne dubito!!!)lassù non esagerare!

19/3/2009 5:01:26 PM
cri moschettone giallo...borraccia gialla...

ciao franco

19/3/2009 4:51:02 PM
francesca ~ Non ho la forza nemmeno di pensare che potrò rivederti tra troppo tempo.
Non sono capace di pensare solo ai momenti belli passati insieme, perchè avidamente, vorrei che non fossero gli ultimi.
Non riesco a pensare a come si possa sentire Giulia se io mi sento così, posso solo pensare che se in un lontano passato tu avessi potuto scegliere un modo per andartene, quello forse sarebbe stato sulla tua amata roccia alla quale hai dedicato la vita, che alla fine se l'è presa.
Ti voglio ancora troppo bene Frank, ed è il motivo per il quale non riesco nemmeno a pensare che te ne sia andato. ~

19/3/2009 4:40:39 PM
gra continuo a sentire le tue parole..."stai serena gra....respira...".
Ci provo, ma quanto è dura.

19/3/2009 4:37:23 PM
Giacomo Ciao Frank..

porterò con me il tuo ricordo..e sono grato di averti conosciuto..anche se non quanto avrei voluto

Ci rivedremo

19/3/2009 4:29:52 PM
Antonella Grazie per i tuoi sorrisi, per la tua non comune gentilezza. E per tutto quello che hai saputo trasmetterci quando eravamo insieme in montagna.

19/3/2009 4:20:07 PM
mary ...arrivederci Anima verticale....resterai per sempre nel mio cuore....Ti voglio bene...

19/3/2009 3:50:44 PM
Anna Borroni Ciao Franco,

ci siamo solo sfiorati ma quel tanto che basta per scambiarsi un sorriso e portarselo caro tra i ricordi di folletto che hai lasciato e le cose che mi hai insegnate.

Un abbraccio a te e a tutti quelli che ti vogliono bene,

Anna


19/3/2009 3:15:57 PM
G. Caro Frank,
non so se lassù ci sia qualcosa da scalare.
Sono certo che se c'è, la stai già scalando.
Mi mancherai

19/3/2009 2:27:47 PM
"Bar" Max, come mi avevi soprannominato tempo fa Le lacrime oggi non finiscono più.
Le mie parole sì.

Sleep, sleep tonight
And may your dreams be realized
If the thunder cloud passes rain
So let it rain, rain down on he
So let it be

So let it rain, let it rain
Rain down on he

Rain on you, God bless you

19/3/2009 2:10:42 PM
Felix " Non recidere, forbice, quel volto,
solo nella memoria che si sfolla,
non far del grande suo viso in ascolto
la mia nebbia di sempre.

Un freddo cala...Duro il colpo svetta.
E l'acacia ferita da sé scrolla
il guscio di cicala
nella prima belletta di Novembre."

Eugenio Montale

19/3/2009 2:07:04 PM
i tuoi colleghi di lavoro carissomo, dopo tutto ciò che insieme stavamo costruendo nella nostra cooperativa, la tua scomparsa è un mistero incomprensibile.
Ma siamo certi che tutto ha un senso e che quindi la speranza in una Fede che ci accomuna non è vana.
un forte abbraccio.


19/3/2009 2:00:01 PM
Lori Ciao Franco, là dove sei a riposare spero tu sappia il bene che ti ho voluto. Il tuo sorriso mi era prezioso. Io so che prima o poi si torna e desidero con tutto il cuore di incontrarti ancora. Un bacio Lori

19/3/2009 1:54:17 PM
Claudio Ciao Franco,

Grazie di tutto, riposa in pace.



19/3/2009 1:51:10 PM
Aggiungi un saluto